Roaming Wind all’estero: dal 24 aprile paghi come in Italia

Wind anticipa l’entrata in vigore della nuova regolamentazione dell’Unione Europea in materia di roaming di circa due mesi. A partire dal prossimo 24 di aprile, infatti, i clienti dell’operatore che si recheranno in uno dei paesi UE potranno chiamare, inviare SMS e navigare in mobilità utilizzando le stesse tariffe applicate in Italia. Ecco tutti i dettagli su questa nuova iniziativa. 

Wind si adegua alla normativa europea con due mesi d'anticipo

A partire dal prossimo 24 di aprile, l’operatore di telefonia mobile Wind dice addio ai costi di roaming per tutti i suoi clienti che potranno visitare i Paesi dell’Unione Europa senza incorrere in spese extra legate all’utilizzo dello smartphone al di fuori dei confini nazionali. Con questo provvedimento, Wind anticipa di quasi due mesi l’entrata in vigore delle ultime disposizioni dell’UE che, dal 15 di giugno, eliminano i costi di roaming in Europa per gli utenti.
Confronta le offerte Wind
Come si legge direttamente dal sito ufficiale dell’operatore di telefonia mobile, in caso di offerte nazionali con traffico voce SMS e dati incluso, queste potranno essere utilizzate indistintamente sia in Italia sia in Unione Europea. Se, invece, il cliente utilizza in Italia un’offerta a consumo, in Unione Europea si applicheranno i seguenti valori unitari massimi:

  •  23 cent/min per le chiamate voce effettuate;
  • 0 cent/min per le chaimate ricevute;
  •  7 cent per sms inviato;
  • 24 cent/MB per il traffico dati;

In via promozionale e sino a nuova comunicazione da parte dell’operatore, per le tariffe a consumo si applicheranno i seguenti valori unitari massimi:: 8 cent/min per le chiamate voce e 7 cent per gli SMS (clienti con ricaricabile), 17 cent/min per le chiamate voce, 7 cent per gli SMS e 10 cent/MB per il traffico dati (clienti in abbonamento e Partita I.V.A).
Scopri le offerte Infostrada

Le nuove disposizioni di Wind per i suoi clienti si applicheranno a tutti i Paesi appartenenti all’Unione Europea ed ai Paesi dell’Area Economica Europea (EEA). Ecco l’elenco completo: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro (esclusa la repubblica Turca di Cipro del Nord) Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, (inclusi Guadalupa, Guyana francese, La Reunion, Mayotte, Martinica) Germania, Gibilterra, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Commenti Facebook: