Roaming Tre su Wind: come avviene e quando

La seconda metà di aprile potrebbe essere il momento che tanti utenti 3 Italia stanno aspettando: quello cioè in cui le loro SIM avranno il roaming su Wind, con la possibilità di accedere alle reti 2G, 3G, 4G dell’operatore. Gli aggiornamenti necessari a quanto sembra sono già stati fatti ed è questione di settimane prima di un netto miglioramento della connettività per i clienti Tre: ecco come accadrà.

Forse già da metà aprile sarà possibile sfruttare la rete Wind

Come funziona il roaming su Wind

Una delle prime preoccupazioni per chi usa molto Internet mobile è legata alla copertura del proprio operatore. A nulla serve avere uno smartphone sofisticato e in grado di navigare a velocità potenzialmente paragonabili a quelle della fibra ottica se, poi, l’indicazione è malinconicamente quella del “nessun servizio”.
Confronta le offerte Tre »
Per anni i clienti mobili di Tre hanno potuto usufruire di un’offerta molto vantaggiosa in termini di rapporto tra GB inclusi negli abbonamenti e relativo canone, a fronte di una ricezione 3G non sempre capillare. In questi casi, quando non era possibile collegarsi alla rete Tre, scattava il roaming su TIM: utile per telefonare ma non per collegarsi in rete, a meno di non pagare cifre anche parecchio elevate.

La data fatidica? Forse verso metà aprile

La situazione, adesso, dovrebbe cambiare radicalmente. Questo perché l’anno scorso si è finalmente formalizzata la fusione tra 3 e Wind: Wind ha una sua rete 3G e 4G, e quindi non ci sarebbe più bisogno di un altro operatore “ospite” per la connessione in roaming.

Per questo motivo gli utenti Tre aspettano con comprensibile impazienza il momento in cui sarà possibile sfruttare la rete dell’operatore arancione, e le indiscrezioni si susseguono da un po’: a quanto sembra, il roaming su rete Wind potrebbe arrivare addirittura nella seconda metà di aprile.
Confronta le offerte Wind »
Pare infatti che le operazioni preliminari al passaggio siano a buon punto: le SIM Tre hanno già ricevuto gli aggiornameneti necessaria via OTA (Over-the-air), e molti utenti adesso effettuando la ricerca manuale delle reti disponibili trovano (anche se non selezionabile) quella di Wind (in un gruppo diverso dalle “non consentite” come Vodafone o TIM). Altri clienti invece sarebbero già riusciti a collegarsi alla rete Wind, anche se per un periodo limitato di tempo.

Da ricordare che il roaming sarà “trasparente”, nel senso che gli smartphone e i tablet continueranno a mostrare l’indicazione “3 ITA” anche se in realtà sotto rete Wind. A dicembre, infine, arriveranno le prime zone coperte da un unico network.

Commenti Facebook: