Risparmio energia notebook

Per fortuna di tutti coloro i quali hanno necessità di ottimizzare l’utilizzo di un notebook al di fuori dai confini domestici o dall’ufficio, i computer portatili hanno integrato avanzate soluzioni per il risparmio energetico, utili per incrementare l’autonomia di funzionamento del dispositivo quando questi è alimentato a batteria. Ma in che modo poter ottenere un congruo risparmio energia notebook?

Come allungare la durata delle batterie dei computer portatili
Come allungare la durata delle batterie dei computer portatili

Il funzionamento delle opzioni di risparmio energia notebook è relativamente semplice: ai componenti hardware è possibile inviare informazioni di minore consumo di energia attraverso specifici software che gestiscono alcuni parametri di sistema. Ne consegue che l’hardware richiede minore consumo di batteria, allungando la durata residua della stessa. Ma quali sono gli elementi sui quali l’utente può proficuamente operare?

Il primo e principale di questi è sicuramente la luminosità del display. Per poter conseguire un miglior risparmio energetico è buona abitudine impostare tale parametro per garantire una buona usabilità (in linea con le condizioni di luce ambientale) ma, nel contempo, senza esagerare con la brillantezza. Complessivamente, il risparmio ottenibile può anche raggiungere qualche decina di minuti.

Dunque, al fine di poter disporre della maggiore autonomia possibile in termini di batteria del nostro sistema portatile, è bene che – in relazione al tipo di impiego che ne stiamo facendo – si adotti una serie di accorgimento utili per poter regolare la luminosità della sorgente di retroilluminazione dello schermo, in maniera tale che sia adeguata al contesto. Ad esempio, se stiamo operando con il nostro notebook in una stanza buia, la luminosità richiesta sarà molto bassa: una buona regola che vi permetterà altresì di provare meno fatica nella consultazione del display, visto e considerato che schermi molto luminosi provocano un notevole affaticamento sensoriale.

In tal senso, è bene ricordare che oggi tutti i notebook moderni dispongono di diverse modalità – automatiche e manuali – per il controllo della luminosità della lampada di retroilluminazione. La prima di queste modalità, automatica, permette di fruire dei sensori del notebook, che rilevano la luminosità dell’ambiente circostante e modificano la luminosità del display in maniera tale che possa permettere una comoda consultazione del contenuto su schermo, senza tuttavia esagerare con la retro illuminazione e, dunque, con l’assorbimento di energia elettrica.

Con la modalità manuale è invece possibile optare per un’impostazione ancora più personalizzata. In linea di massima, ricordate che ogni la luminosità eccessiva del display è uno degli elementi maggiormente energivori, ed è proprio da questo che dovreste partire nell’ottimizzazione della batteria del portatile.

Il secondo elemento di riflessione è certamente legato alla possibilità di utilizzare le applicazioni di schema per il risparmio energetico che i sistemi operativi mettono a disposizione dei propri utenti, al fine di soddisfare le varie condizioni di uso indicate dal produttore. Di norma queste opzioni sono settate in maniera standardizzata, e danno poi all’utente la possibilità di applicare dei profili di utilizzo “tipo” (ad esempio, alta potenza, basse prestazioni, soluzioni intermedie), o personalizzare in modo ancora più profondo la propria fruizione del dispositivo. Il nostro consiglio, in tal senso, non può che essere quello di “sperimentare” di volta in volta le opzioni più opportune, scegliendo quindi quella più adatta.

Confronta offerte energia elettrica

Un altro consiglio di risparmio energia notebook è anche quello legato all’utilizzo delle periferiche collegate al PC. Domandatevi pertanto se tutte le chiavette USB, gli hard disk esterni e altri dispositivi siano veramente indispensabili: la vostra batteria vi ringrazierà per ogni cura “dimagrante”. Scollegate dal portatile tutto ciò che ritenete possa essere superfluo.

Infine, ricordatevi di dare un’occhiata alle opzioni wireless che oggi sono disponibili sui personal computer. Sebbene attivare contemporaneamente Bluetooth e Wi-Fi (o 3G) sia molto utile per cercare di avere una piena connettività in qualsiasi situazione, sarebbe opportuno ricordare che queste opzioni consumano tanta energia, e che dovrebbero pertanto essere disabilitate quando non utilizzate.

Commenti Facebook: