Risparmio energetico iPhone 5

Uno dei tradizionali punti deboli degli smartphone moderni è la durata della batteria: capita spesso che le funzioni avanzate, gli schermi ad altissima definizione e gli accessori la scarichino con estrema velocità, e oggi appaiono un miraggio i tempi in cui lo standby durava addirittura settimane. A maggior ragione la situazione peggiora quando il telefono ha ormai qualche anno d’uso alle spalle: vediamo ad esempio come regolarsi con il risparmio energetico iPhone 5.

iPhone-5
I consigli per non ritrovarsi "a secco" troppo presto con il melafonino

Tutti i dettagli sulla batteria dell’iPhone 5

L’iPhone 5, il sesto modello di iPhone, è entrato in commercio nel settembre 2012 ed è stato il primo modello con schermo da 4 pollici, connettore Lightning a 8 pin e con processore A6, oltre a supportare la tecnologia 4G LTE. La sua batteria è una ricaricabile agli ioni di litio, non estraibile ed integrata nel sistema, da ricaricare come di consueto tramite cavo USB collegato al PC o all’alimentatore.

I dati ufficiali diramati da Apple sull’autonomia dell’iPhone 5 sono 225 ore in standby, 8 ore in conversazione su 3G, fino a 8 ore di Internet 3G, fino a 10 ore di navigzione Wi-Fi, 10 ore di riproduzione video e 40 ore di riproduzione audio. Tempi che però sono destinati a ridursi drasticamente dopo qualche anno di utilizzo, e ormai ne sono già passati tre. Per una piccola percentuale di modelli si sono riscontrati grossi problemi di autonomia, tanto che alcuni di questi dispositivi, venduti tra settembre 2012 e gennaio 2013, possono avere la batteria sostituita da Apple se rientrano in determinati numeri di serie.  Il programma di sostituzione durerà fino al prossimo gennaio. Per tutti gli altri, vediamo come migliorare il risparmio energetico iPhone 5.
Confronta le offerte telefonia mobile

I consigli per far durare di più la batteria

  • Il primo consiglio riguarda la luminosità: troppa riduce drasticamente la durata della batteria, anche in virtù della qualità dello schermo dell’iPhone 5. Considerando che una luminosità davvero alta serve soltanto in occasioni speciali come il sole pieno, è meglio tenere il valore più basso possibile, stando attenti anche a non abusare della funzione “Luminosità automatica” che può sovrastimare il bisogno di luce.
  • È poi indispensabile disattivare i servizi che non servono, che possono di nuovo essere molto avidi di risorse. Ad esempio, se si è fuori casa e si sta usando il 3G per navigare su Internet, non ha senso tenere acceso il Wi-Fi; allo stesso modo il Bluetooth va attivato solo quando si usa insieme a un apposito dispositivo.
  • A scaricare la batteria contribuisce molto il continuo download automatico di dati: sul banco degli imputati stanno soprattutto le email push, come quelle degli account Yahoo! o Microsoft Exchange, senza dimenticare Mail (che può essere regolata per il check di nuovi messaggi solo manualmente) e, ancora più importanti, le notifiche, che sono deleterie per la batteria ad esempio nei programmi di messaggistica.
  • I servizi di localizzazione rimangono spesso accesi senza che l’utente se ne accorga, e basta avere in background un’applicazione come Mappe o Google Maps per vedere letteralmente il dato percentuale della propria batteria calare a vista d’occhio. Il consiglio per ridurre il consumo quando ci si trova in zone con copertura scarsa o assente e se non si ha bisogno di Internet mobile, soprattutto se la batteria sta finendo, è quello di attivare la modalità “Uso in aereo”.
  • Attenzione anche agli aggiornamenti delle app in background (è possibile disattivarli nelle impostazioni) e agli sfondi dinamici, assolutamente da rimuovere e sostituire con quelli statici.
  • Importante per il risparmio energetico iPhone 5 è anche non tenere aperte più applicazioni di quante ne siano strettamente necessarie, visto che alcune possono continuare a funzionare in background e scaricare in fretta la batteria: per evitarlo, basta premere due volte il pulsante Home e tenere premute le icone delle applicazioni da chiudere, schiacciando poi la “x” che comparirà in un angolo.

 

Commenti Facebook: