Risparmio energetico, arrivano gli edifici a consumo zero

Qualche settimana fa, Padova Tre e Legambiente hanno promosso un seminario di approfondimento tematico sui regolamenti di bioedilizia o costruzione di edifici eco-sostenibili; in particolare, si è parlato sugli edifici a consumi zero o basso consumo energetico.

Al seminario hanno partecipato professionisti, amministratori locali, tecnici e dirigenti della pubblica amministrazione e rappresentanti delle associazioni ambientali.

Ben 120 persone hanno avuto l’occasione di aggiornarsi in materia di regolamenti energetici, rispetto dell’ambiente e della salute dell’uomo e di sviluppo economico per l’economia green della Regione Veneto.

A parlare sulle prospettive future del settore della bioedilizia e risparmio energetico sono stati Roberto Marcato, Vice Presidente della Provincia di Padova, e Edoardo Zanchini, Vice Presidente Nazionale di Legambiente. Sono intervenuti anche professionisti della Regione Veneto come l’architetto Franco Alberti, e il dott. Luca Mercatelli rappresentando l’Area Science Park di Trieste.

Il seminario è stato organizzato sopratutto in vista della direttiva europea 2010/31/UE sulla prestazione energetica degli edifici, operativa dal 1° febbraio 2012. In particolare, dal 1° gennaio 2021 sarà possibile costruire nuovi edifici soltanto se sono autonomi dal punto di vista energetico.

Si tratta di edifici a consumi zero in materia di energia elettrica, ovvero di strutture ad alta prestazione energetica nelle quali il fabbisogno dovrà essere coperto in loco da fonti di energia rinnovabili.

Qualche anno prima di questa scadenza, a partire dal 31 dicembre 2018, già i nuovi edifici che vengano costruiti dagli enti pubblici dovranno essere a energia quasi zero.

Si aspettano anche alcune novità introdotte dal decreto 28/2011 a partire dal prossimo giugno 2012, che consistono in nuovi obblighi agli edifici nuovi e da ristrutturare, sempre in tema di utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica.

Secondo Simone Borile, Presidente del Bacino Padova 3, «L’idea di un convegno sui regolamenti edilizi comunali è nata proprio in quest’ottica. Il settore delle abitazioni è uno dei grandi responsabili dell’aumento di CO2. La giungla normativa di certo non aiuta a fare chiarezza: siamo convinti che sia giunta l’ora di realizzare un documento che riassuma regole, norme, disposizioni, obblighi e leggi, ottenendo finalmente una guida per “costruire in modo eco-sostenibile».

«È questo l’obiettivo che Padova Tre si è data per il prossimo futuro – conclude il Presidente- : sostenere non solo i cittadini, ma anche i Comuni del territorio per creare una massa critica importante e decisiva per la salvaguardia del nostro ambiente».

Commenti Facebook: