Risparmio a casa: conviene lo scaldabagno elettrico o a gas?

Lo scaldabagno o scalda acqua è un elettrodomestico utilizzato per la produzione d’acqua calda, che può alimentarsi ad energia elettrica o a gas. Ci sono diversi tipi di scaldabagno sul mercato, che consumano più o meno energia a seconda delle loro caratteristiche e, di conseguenza, influiscono diversamente sulle bollette. In un’ottica di risparmio domestico, conviene lo scaldabagno elettrico o a gas? A voi, la risposta.

scaldabagno elettrico o a gasCome funziona lo scaldabagno?

Lo scaldabagno elettrico e quello a gas funzionano diversamente. Quello elettrico è forse il più diffuso ma anche il meno economico, a causa del grande consumo di energia elettrica che occorre per il suo funzionamento.

Lo scaldabagno elettrico riscalda l’acqua e poi la mantiene all’interno di un serbatoio ad una temperatura costante tra 35°C e 60°C. Il problema è che l’acqua si raffredda rapidamente, e ogni volta che succede lo scaldabagno si riaccende, restando in definitiva la maggior parte del tempo accesso e consumando molta energia elettrica.

Il modello a gas, noto comunemente come caldaia, si attiva soltanto quando si apre il rubinetto dell’acqua calda, riscaldando l’acqua che scorre all’interno della serpentina in maniera istantanea. Questa caratteristica consente un risparmio di energia notevole.

Lo scaldabagno a gas può essere alimentato da metano o GPL, i cui costi sono, in entrambi i casi, inferiori a quelli dell’energia elettrica.

Scaldabagno o boiler elettrico

Presenta come vantaggio un basso costo di acquisto e installazione, anche se il vero costo si farà sentire poi sulla bolletta della luce. A suo favore anche il fatto di essere facilmente installabile, ma i modelli ad alta capacità (150 litri) possono essere ingombranti.

Se ne possedete uno, vi consigliamo di dare un’occhiata ai nostri consigli su come risparmiare sulla bolletta usando lo scaldabagno elettrico.

Caldaia o scaldabagno a gas

Il suo principale svantaggio è l’elevato costo di acquisto e più ancora quello di installazione. Ma consente un risparmio energetico – e di conseguenza economico – notevole sul lungo periodo.

Innanzitutto, il gas naturale (soprattutto il metano) è molto più economico dell’energia elettrica; inoltre, come menzionavamo prima, l’accensione della caldaia è subordinata esclusivamente all’apertura del rubinetto dell’acqua calda.

Un ulteriore vantaggio è il fatto di provvedere acqua calda “infinita”, dato che si riscalda istantaneamente. Invece, con il modello elettrico, quando finisce l’acqua calda nel serbatoio, bisogna aspettare un certo periodo di tempo (che varia secondo le dimensioni dell’apparecchio, ma di solito è compreso tra la mezzora e l’ora).

Tuttavia, se non si ha la fornitura di metano lo scaldabagno a gas non conviene: gli elevati costi di acquisto e installazione non si ammortizzeranno mai utilizzando le bombole di gas.

Infine, in termini di impatto ambientale resta sempre più conveniente lo scaldabagno a gas.

Quanto si risparmia con lo scaldabagno a gas?

Vediamo qualche cifra che può aiutarvi nella scelta del tipo di scaldabagno.

In genere il consumo giornaliero d’acqua di una famiglia di 2 persone è di 60 litri. Questa cifra raddoppia in caso di uno o due figli. Una famiglia dalle 4 alle 6 persone infine consuma circa 200 litri di acqua quotidianamente.

Se questa famiglia di quattro persone utilizza uno scaldabagno elettrico, spende ogni anno circa 600 euro, che rappresentano il 40% della bolletta della luce.

Sostituendo l’apparecchio con uno a gas, questa famiglia dovrebbe sostenere un costo iniziale tra gli 800 e i 1.000 euro, ma la sua spesa annuale per la produzione di acqua calda diminuisce di circa 300 – 400 euro. Di conseguenza, il risparmio annuo consentirà di recuperare la spesa iniziale in circa 3 anni.

Per tagliare le bollette è fondamentale avere la tariffa gas o luce più conveniente alle proprie esigenze. Utilizza il nostro comparatore per mettere a confronto le migliori proposte delle operatori.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: