Rinnovabili, pale eoliche e fotovoltaico insieme per raddoppiare l’energia

Le pale solari, ovvero una serie di turbine eoliche alimentate dall’energia elettrica che producono i suoi propri pannelli fotovoltaici. Confuso? Si tratta di un interessantissimo progetto dall’Università di Liverpool, che consentirebbe di raddoppiare l’energia rinnovabile prodotta da un unico impianto, potenziando le turbine eoliche con una serie di pale solari. Detto in un’altra maniera, unire l’energia eolica a quella solare per produrre il doppio di energia rinnovabile.Scopri di più.

Tariffe Energia Elettrica Green

energie rinnovabile

Un gruppo di scienziati dell’Università di Liverpool, guidati dal Dott. Joe King, ha avuto un’idea molto interessante: unire l’energia eolica con quella solare. Così sarebbero nate le pale solari, un moderno impianto capace di raddoppiare la quantità di energia elettrica prodotta dalle pale eoliche tradizionali, grazie all’incorporazione della tecnologia fotovoltaica attraverso dei pannelli installati sulle pale stesse.

Nel Regno Unito, spiega il team leader King, il clima è molto intermittente e varia sostanzialmente tra le diverse regioni. Spesso il clima è ventoso, ma i pannelli solari sarebbero utili solo durante pochi giorni in estate. Invece in Paesi come l’Italia, la Spagna o il Marocco, l’energia solare può fare la differenza.

Ci sono però delle difficoltà. Purtroppo, i primi test eseguiti sul computer rivelano che le turbine disposte sui pannelli solari provocherebbero dei raggi accecanti; in più, possono significare un problema ai piloti di aerei o a chiunque risieda nelle vicinanze delle turbine. Ci sono inoltre dei potenziali rischi di incendi, sopratutto nelle giornate particolarmente calde.

L’ultima cosa che vogliamo – spiega King – è che le nostre turbine possano causare incidenti aerei o gli incendi. Per questo abbiamo messo a punto un pannello ‘colorato’ solare che non riflette i raggi del sole. Il nostro primo prototipo sembrava una palla da discoteca enorme quando era operativo, ma la nostra soluzione ora è impedire che ciò avvenga“.

In questa maniera, gli scienziati vanno avanti migliorando il prototipo per cominciare i primi test reali. Quasi con sicurezza il primo prototipo non sarà installato nel Regno Unito. “Personalmente – afferma Joe King – credo che un posto ideale sarebbe Irlanda. È vicina, ha forti venti, estati meravigliose“.

Abbiamo ancora diversi test da eseguire“, conclude lo scienziato. “Ma siamo fiduciosi di poter trasformare le esigenze di energia rinnovabile del mondo. Basti pensare cosa le nostre turbine potrebbero fare in paesi come l’Australia“.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: