Aumenti utenze di settembre: come proteggersi e risparmiare su luce e gas

Una delle principali fonti di spesa per le famiglie italiane è rappresentata dalle utenze. Le bollette per i vari servizi di cui usufruiamo rappresentano un vero e proprio “costo fisso” per il bilancio familiare. In particolare, ad avere un impatto consistente sul calcolo delle spese relative alle utenze sono le forniture di energia elettrica e gas naturale che comportano un esborso mensile di diverse decine di Euro. In vista dei rincari delle utenze di settembre è importante capire come proteggersi e risparmiare su luce e gas. 

Ecco come risparmiare sulle utenze energetiche a settembre 2019

Con l’inizio del mese di settembre le famiglie italiane devono fare i conti con un netto incremento della spesa legate alle utenze domestiche ed, in particolare, alle forniture di luce e gas che rappresentano dei “costi fissi” molto significativi per il bilancio familiare. Per proteggersi dai rincari e risparmiare su luce e gas non è necessario ridurre i consumi (anche se un utilizzo accorto dell’elettricità e del gas naturale è sicuramente consigliabile).

Le famiglie italiane possono contare su diverse opzioni per poter tutelarsi contro i rincari delle utenze domestiche. In primo luogo, per quanto riguarda le forniture di elettricità e gas per la casa, ad esempio, per dare un taglio alle bollette e minimizzare la spesa è possibile attivare le offerte luce e le offerte gas più convenienti tra le tante opzioni presenti sul mercato libero dell’energia. Optando per queste tariffe, infatti, sarà possibile minimizzare gli importi delle bollette e risparmiare. Come vedremo, infatti, un “cliente tipo” che passa dal mercato tutelato al mercato libero potrà risparmiare oltre 200 Euro all’anno. 
Scopri le migliori offerte luce del mercato libero

Rincari utenze: a settembre crescono i costi per l’elettricità

Come evidenziato dall’ultimo osservatorio di SosTariffe.it pubblicato in questi giorni, le famiglie italiane devono fare i conti con una netta crescita delle spese correlate alle utenze ed ai vari servizi “basilari”. Analizzando i vari servizi proposti dal comparatore e confrontando i dati di settembre 2019 con i dati di gennaio 2019, infatti, SosTariffe.it ha evidenziato una crescita della spesa annuale che arriva sino al +7,94% (per il profilo di consumo “coppie). Per il profilo di consumo “famiglie”, invece, l’incremento è del +4,29% con quasi 300 Euro di spesa in più ogni anno.

In particolare, il costo della fornitura di elettricità per la casa è in costante crescita. Come evidenziato dall’osservatorio di SosTariffe.it, infatti, gli utenti italiani, rispetto a gennaio, devono fare i conti con un rincaro che arriva sino al +3.81% registrando un impatto significativo sul bilancio familiare, sia nel breve che nel lungo periodo. Da segnalare, invece, un leggero calo delle spese per il gas naturale (è possibile risparmiare sino al 7%).

Come proteggersi dai rincari delle utenze di luce e gas

Come sottolineato in precedenza, le utenze di luce e gas comportano una spesa fissa per le famiglie italiane che, chiaramente, non hanno la possibilità di rinunciare alle forniture energetiche che rientrano tra i servizi essenziali ed irrinunciabili. L’impatto sul bilancio familiare delle utenze di luce e gas è comunque molto significativo e la crescita dei costi dell’elettricità rende, in questo mese di settembre, ancora più importante tentare di proteggersi dai rincari e risparmiare.

Ridurre i consumi, cercando di evitare gli sprechi e facendo, in generale, molta attenzione nell’utilizzo di luce e gas in casa è sicuramente una buona opzione da considerare per minimizzare l’importo delle bollette. Per risparmiare, in ogni caso, evitare gli sprechi di energia è solo uno degli aspetti da seguire. Chi ha attivato forniture di luce e gas con prezzi dell’energia molto alti (come avviene nel mercato tutelato) continuerà a fare i conti con bollette salate.

Per poter risparmiare sulle utenze energetiche, infatti, sarà necessario scegliere con attenzione le offerte luce e le offerte gas da attivare per la propria casa. In soccorso alle famiglie italiane, in questo caso, arrivano le offerte de mercato libero dell’energia che garantiscono un notevole risparmio annuale sulle bollette di luce e gas (a parità di consumi). Optare per l’attivazione delle migliori offerte energetiche presenti sul mercato libero è la scelta migliore per poter minimizzare l’importo delle bollette e contrastare al massimo i rincari delle utenze.

Da notare, inoltre, che le offerte luce e gas del mercato libero, in molti casi, si caratterizzano per la presenza di un prezzo bloccato dell’energia per uno o due anni. Questo aspetto rappresenta un fattore importante per le famiglie italiane che hanno la possibilità di attivare una fornitura energetica con condizioni economiche particolarmente vantaggiose avendo, inoltre, la certezza che i prezzi applicati su luce e gas non cambieranno per un lungo periodo di tempo.

Scegliendo un’offerta a prezzo bloccato, quindi, anche nel caso in cui il mercato energetico italiano dovesse far registrare forti rincari (ad esempio per il mutamento delle condizioni del mercato all’ingrosso dell’energia su scala internazionale) il cliente continuerà a poter contare su di un prezzo per l’elettricità (espresso in €/kWh) e per il gas naturale (espresso in €/Smc) che resterà fisso e bloccato per tutta la durata stabilita dalle condizioni contrattuali.

Solo al termine del periodo “promozionale”, quindi, il fornitore proporrà un nuovo prezzo per l’energia al cliente basandosi sulle nuove condizioni del mercato energetico (il prezzo potrebbe anche non aumentare). A questo punto, il cliente potrà stabilire la convenienza del nuovo prezzo ed, eventualmente, scegliere di passare ad un altro fornitore, senza costi o penali, per continuare a risparmiare attivando una nuova offerta a prezzo bloccato.

Passare al mercato libero per risparmiare

Chi è ancora in regime di Maggior Tutela deve fare i conti con una crescita costante dei prezzi di luce e gas. Negli ultimi 12 mesi, infatti, si sono registrati diversi rincari (i prezzi del mercato tutelato vengono aggiornati da ARERA, l’autorità per l’energia, ogni 3 mesi) ed a farne le spese sono quei consumatori che ancora non hanno scelto di passare al mercato libero dell’energia.

La convenienza delle offerte del mercato libero dell’energia è lo strumento principale da sfruttare per risparmiare sulle utenze energetiche, grazie alla possibilità di poter ottenere un prezzo più basso per luce e gas rispetto al mercato tutelato, e per proteggersi dai rincari, grazie alla presenza delle offerte a prezzo bloccato per uno o per due anni.

E’ importante sottolineare che il passaggio al mercato libero dal mercato tutelato è gratuito ed avviene in modo automatico per quanto riguarda tutti gli aspetti amministrativi e tecnici. Il cliente, infatti, deve unicamente richiedere al nuovo fornitore l’attivazione di una nuova offerta luce e/o gas. Sarà il fornitore a gestire, interamente, la pratica di passaggio che non comporterà costi aggiuntivi per il cliente.

Da notare, inoltre, che l’intero iter di passaggio non comporta costi extra per il cliente e che non è necessario procedere con il cambio del contatore. A completare la convenienza e la comodità legata al passaggio al mercato libero c’è da considerare un altro aspetto. Passare dal mercato tutelato al mercato libero non comporta alcuna interruzione della fornitura energetica. 

La fornitura di luce e/o gas passerà, in automatico al mercato libero. Come detto, infatti, tutti gli aspetti tecnici ed amministrativi vengono curati direttamente dall’azienda che fornisce l’energia, in collaborazione con il distributore locale. Per il consumatore non ci sono compiti aggiuntivi.

Ricordiamo, inoltre, che l’attivazione delle offerte luce e gas del mercato libero avviene direttamente online. Il cliente, per procedere con l’attivazione di una nuova offerta dovrà fornire i dati ed un documento d’identità dell’intestatario della fornitura, l’indirizzo della fornitura ed il codice POD, in caso di fornitura di elettricità, o il codice PDR, in caso di fornitura di gas naturale. Questi due codici, disponibili sulle bollette che il fornitore invia all’utente, servono per identificare in modo univoco la fornitura stessa.

A completare le informazioni da fornire per completare l’attivazione dell’offerta potrebbe esserci anche la necessità di presentare un codice IBAN. La maggior parte delle offerte luce e delle offerte gas del mercato libero prevedono l’addebito automatico sul conto, una soluzione più comoda e più economica rispetto ai classici bollettini che vanno pagati in ricevitoria o alla posta e comportano spese di commissioni extra.

Quanto si può risparmiare con le offerte del mercato libero?

Il risparmio garantito dal mercato libero è davvero elevato. Scegliere di passare dal mercato tutelato al mercato libero oppure scegliere di attivare le migliori offerte del mercato libero cambiando fornitore per sfruttare delle tariffe più vantaggiose, permette di ridurre drasticamente l’importo delle bollette energetiche.

Per poter quantificare con precisione l’effettivo risparmio garantito dalle offerte del mercato libero è però necessario fissare un profilo di consumo ben definito. Ipotizziamo di voler stimare il risparmio garantito dalle migliori offerte del mercato libero di luce e gas per un “cliente tipo” così definito:

  • Energia elettrica: potenza impegnata di 3 KW e un consumo annuo di 3300 kWh, uso Domestico, Residenti e distribuzione dei consumi per fasce pari al 40% in F1 e al 60% in F2/F3;

  • Gas naturale: consumo annuo di 1450 m³;

Il profilo di consumo illustrato qui di sopra ricalca i consumi medi di una famiglia italiana. E’ chiaro, in ogni caso, che visitando il comparatore di SosTariffe.it, grazie al sistema di calcolo avanzato integrato, sarà possibile stimare con precisione i propri consumi annuali di luce e gas e, quindi, andare ad individuare un profilo di consumo che sia il più vicino possibile a quello della propria famiglia. In questo modo, consultando il comparatore, sarà possibile individuare rapidamente le offerte luce e gas più vantaggiose, in base alle proprie esigenze, e avere un’idea ben precisa sul risparmio annuale garantito dalle offerte del mercato libero.

Con il profilo di consumo del “cliente tipo” indicato in precedenza, i margini di risparmio garantiti dalle offerte del mercato libero rispetto al mercato tutelato sono enormi. Nelle condizioni fissate in precedenza, infatti, una famiglia nel mercato tutelato spenderà all’incirca 713 Euro all’anno per l’elettricità e 1079 Euro per il gas naturale. In totale, quindi, la spesa per le bollette per il “cliente tipo” indicato nel mercato tutelato sarà di circa 1800 Euro all’anno.

Passando al mercato libero ed attivando le migliori offerte luce e gas attualmente disponibili sul mercato si potrà ridurre la spesa annuale a 627 Euro per l’elettricità e 946 Euro per il gas naturale. In totale, quindi, il “cliente tipo” che sceglie di passare al mercato libero potrà sfruttare un risparmio annuale sulle bollette di luce e gas superiore ai 230 Euro. Da notare, inoltre, che per chi ha un consumo energetico maggiore rispetto a quello indicato i margini di risparmio cresceranno ulteriormente e passare al mercato libero, attivando le migliori offerte disponibili, risulterà ancora più conveniente.

A rendere ancora più conveniente il passaggio al mercato libero c’è l’opportunità di sfruttare il prezzo bloccato di luce e gas per un lungo periodo di tempo (solitamente un anno ma talvolta anche due anni). In questo modo, l’utente potrà proteggersi dai rincari in quanto, anche in caso di un forte incremento dei prezzi sul mercato energetico italiano, non ci saranno effetti sulle bollette che risulteranno protette dal vincolo contrattuale, a cui il fornitore deve attenersi, del prezzo bloccato per un determinato periodo di tempo.

Le offerte del mercato libero dell’energia, inoltre, includono diversi bonus aggiuntivi che i vari fornitori mettono a punto per invogliare gli utenti ad attivare una determinata la propria tariffa preferendola alle tariffe delle altre aziende concorrenti. Tra buoni sconto (spesso vengono offerti in regalo buoni Amazon o di altri store online per incentivare i clienti ad attivare le tariffe), offerte speciali, servizi aggiuntivi e gadget in regalo, la scelta dei bonus aggiuntivi per attirare i nuovi clienti è molto variegata e rappresenta un’occasione di risparmio ulteriore per gli utenti.

Ad esempio, ipotizziamo che un fornitore regali ai nuovi clienti un buono sconto da 50 Euro per uno store online (in precedenza abbiamo fatto l’esempio di Amazon ma potrebbe anche essere un altro e-commerce). Di fatto, questi 50 Euro vanno a sommarsi al risparmio garantito dall’offerta del fornitore rispetto ai prezzi del mercato tutelato ed alla possibilità di poter sfruttare un prezzo bloccato per uno o due anni, andando così anche a proteggersi contro eventuali incrementi tariffari nel lungo periodo.

Le offerte a prezzo bloccato ed i bonus aggiuntivi proposti dai fornitori ai nuovi clienti rappresentano, quindi, dei vantaggi extra da considerare per valutare l’enorme convenienza garantita dal mercato libero che offre tutti gli strumenti per risparmiare sulle utenze.

Commenti Facebook: