Rientro Capitali, stop al pagamento tasse alluvionati Emilia e Veneto e altre misure

Stop al pagamento delle tasse, comprese le cartelle Equitalia, per le popolazioni colpite da alluvioni in Emilia e Veneto, e possibile sospensione al pagamento delle rate del mutuo. In arrivo anche misure per favorire la ricostruzione in Emilia delle zone colpite dal terremoto. Queste sono alcune tra le principali misure contenute nel dl Rientro Capitali approvato dall’aula della Camera. Il testo dovrà ora essere esaminato dal Senato prima della scadenza a fine mese.

stop al pagamento tasse emilia e veneto
Sospeso il pagamento delle tasse degli alluvionati in Emilia e Veneto e altre misure approvate dal dl

L’agenzia Public Policy spiega nel dettaglio tutte le modifiche al testo del dl Rientro Capitali, apportate dal passaggio in commissione Finanze e nell’aula di Montecitorio, nel quale si è cercato di aumentare il numero di beneficiari dei benefici fiscali, stringendo un po’ i parametri. Ecco le misure approvate secondo quanto riporta Public Policy.

Sospensione tasse per gli alluvionati in Emilia fino ad Ottobre

Le misure prevedono la sospensione dei pagamenti e degli adempimenti tributari, comprese le cartelle Equitalia, per i comuni colpiti dall’alluvione in Emilia tra il 17 e il 19 gennaio 2014, non più fino al 31 luglio ma al 31 ottobre 2014.

I comuni esenti dal versamento delle tasse saranno: Bastiglia, Bomporto, San Prospero, Camposanto, Finale Emilia, Medolla, San Felice sul Panaro.

Un altra misura approvata prevede che per le frazioni della città di Modena S.Matteo, Albareto, La Rocca e Navicello, e per i comuni del Veneto, la sospensione del versamento dei tributi e delle cartelle venga “subordinata alla richiesta del contribuente che dichiari l’inagibilità della casa di abitazione, dello studio, dell’azienda o dei terreni agricoli”.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Sospensione tasse per alluvionati Veneto in stato emergenza

La sospensione è stata estesa dalla Camera a una serie di comuni del Veneto colpiti dall’alluvione del 30 gennaio e del 18 febbraio 2014.

Questa possibilità sarà valida “a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza sui rispettivi territori entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto”.

Possibile sospensione rate mutui ad alluvionati Emilia e Veneto

Le vittime dalle alluvioni di inizio anno in Emilia e Veneto hanno il diritto di richiedere alle banche o agli intermediari finanziari la sospensione fino al 31 dicembre 2014 delle rate dei mutui in essere, optando tra la sospensione dell’intera rata e quella della sola quota capitale”, purché “siano titolari di mutui ipotecari o chirografari relativi agli edifici distrutti o inagibili anche parzialmente ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolta nei medesimi edifici, previa presentazione di autocertificazione del danno subito“.

Prorogata la restituzione debiti terremotati 20-29 Maggio

La Camera ha approvato che per i prestiti contratti dai titolari di reddito di impresa limitatamente ai danni subiti all’attività per il terremoto del 20 e 29 maggio 2012 ”la restituzione del debito per quota capitale al 1° gennaio 2014, comprensivo della rata non corrisposta alla scadenza del 31 dicembre 2013 può essere prorogata, previa modifica dei contratti di finanziamento e connessa rimodulazione dei piani di ammortamento, per un periodo non superiore a due anni, non ulteriormente prorogabile, rispetto alla durata massima originariamente prevista”.

Il testo dl Rientro Capitali, contenente queste ad altre misure, dovrà adesso essere esaminato dal Senato prima della scadenza a fine mese.

 

Commenti Facebook: