Chiamare i cellulari: riduzione del 90% in Belgio

Stefano Quintarelli segnala il Belgio vuole tagliare i costi i costi della rete, noti come costi di terminazione, fino a 1,07 centesimi entro il 2013, iniziando con i primi tagli entro luglio 2010.

L’Autorità regolatrice ha appena imposto un tetto massimo alle imprese di telecomunicazione in merito all’addebito per la gestione delle chiamate e dei dati su altre reti: l’annuncio ha riscosso una flessione in Borsa dei titoli dei principali operatori telefonici. Mobistar ha perso il 5,4% nei primi scambi di Martedì, mentre Belgacom ha lasciato sul mercato solo l 1,8%.

Gli analisti affermano che i tagli proposti sono più duri del previsto e minacciano di tagliare una fonte significativa di entrate Mobistar e Belgacom SA.

I costi di terminazione ora si attestano a 7,20 centesimi di euro al minuto per Proximus Belgacom, 9,02 centesimi di euro per Mobistar e 11,43 centesimi di euro per Base.

I tagli sono la risposta alle pressioni esercitate dalla Commissione europea verso gli enti regolatrici nazionali delle telecomunicazioni EU per ridurre le tariffe di terminazione mobile.

La Commissione afferma che le tariffe sono troppo elevate, soprattutto in alcuni paesi dell’Unione europea e variano tra le imprese, anche all’interno dello stesso paese, senza giustificazione.

Mobistar è l’operatore di telefonia mobile che perderà maggiormente dalla proposta belga a causa della copertura capillare attraverso la propria rete mentre Belgacom che viaggia in gran parte su reti altrui non sarà influenzata molto dai tagli.

Massimo, cosa ne pensi? Perché la commissione Europea fa queste pressioni? Il mercato non dovrebbe funzionare da solo? Che effetto avrà sugli investimenti?

ntarelli segnala il Belgio vuole tagliare i costi i costi della rete, noti come costi di terminazione, fino a 1,07 centesimi entro il 2013, iniziando con i primi tagli entro luglio 2010.

L’Autorità regolatrice ha appena imposto un tetto massimo alle imprese di telecomunicazione in merito all’addebito per la gestione delle chiamate e dei dati su altre reti: l’annuncio ha riscosso una flessione in Borsa dei titoli dei principali operatori telefonici. Mobistar ha perso il 5,4% nei primi scambi di Martedì, mentre Belgacom ha lasciato sul mercato solo l 1,8%.

Gli analisti affermano che i tagli proposti sono più duri del previsto e minacciano di tagliare una fonte significativa di entrate Mobistar e Belgacom SA.

I costi di terminazione ora si attestano a 7,20 centesimi di euro al minuto per Proximus Belgacom, 9,02 centesimi di euro per Mobistar e 11,43 centesimi di euro per Base.

I tagli sono la risposta alle pressioni esercitate dalla Commissione europea verso gli enti regolatrici nazionali delle telecomunicazioni EU per ridurre le tariffe di terminazione mobile.

La Commissione afferma che le tariffe sono troppo elevate, soprattutto in alcuni paesi dell’Unione europea e variano tra le imprese, anche all’interno dello stesso paese, senza giustificazione.

Mobistar è l’operatore di telefonia mobile che perderà maggiormente dalla proposta belga a causa della copertura capillare attraverso la propria rete mentre Belgacom che viaggia in gran parte su reti altrui non sarà influenzata molto dai tagli.

Massimo, cosa ne pensi? Perché la commissione Europea fa queste pressioni? Il mercato non dovrebbe funzionare da solo? Che effetto avrà sugli investimenti?

Commenti Facebook: