Riduzione della capacità lavorativa in seguito ad incidente stradale

Quando in seguito ad un incidente stradale si riportano danni fisici tali da compromettere la capacità lavorativa (ex. giorni di assenza da lavoro per malattia o invalidità) il risarcimento deve essere comprensivo del c.d. danno lucro cessante. Non sempre però tale indennizzo spetta, soprattutto se non si riesce a dimostrare il pregiudizio economico subito. Ecco cosa fare per ottenere dal danneggiante e dall’assicurazione un risarcimento integrale.

Risarcimento del danno lucro cessante. Il pregiudizio deve essere dimostrato in giudizio

Non di rado accade che in seguito ad un incidente stradale uno dei due conducenti riporti danni fisici tali da pregiudicare la capacità lavorativa.

L’impossibilità di svolgere l’attività lavorativa consueta per diversi giorni o per un lungo periodo, se non coperti adeguatamente da malattia o invalidità (Inail), si traduce immediatamente in danno economico, per questo nella richiesta di risarcimento occorre esplicitare una domanda di indennizzo del danno lucro cessante, oltre che dei danni materiali subiti dal veicolo e di quelli fisici.

Non sempre però l’assicurazione risarcisce il danno lucro cessante, il danneggiato il più delle volte è costretto a fare causa alla compagnia e a dimostrare con tutti i mezzi a disposizione il danno patrimoniale ulteriormente subito. Con la sentenza n° 25211/2014 la Corte di Cassazione ha precisato come ai fini del risarcimento di un siffatto pregiudizio occorra la concreta dimostrazione che la riduzione della capacità lavorativa si sia tradotta in danno economico.

L’onere della prova

Quando in seguito ad un incidente stradale si perde la capacità lavorativa, spetta al danneggiato l’onere di dimostrare la menomazione fisica, ed in quale misura la stessa abbia inciso sulla capacità di guadagno, producendo un danno lucro cessante. Occorre dunque -specifica la Corte – dimostrare che il soggetto leso svolgesse un’attività lavorativa specifica produttiva di reddito, la prova delle assenze da lavoro dopo l’infortunio, la prova dell’incapacità di svolgere altri lavori confacenti alla condizione del danneggiato e idonei alla produzione di altre fonti di reddito.

Onde ottenere il risarcimento da parte delle assicurazioni è importante specificare, già dalla domanda di indennizzo Rc auto, la richiesta di risarcimento del danno lucro cessante, corredata possibilmente di tutti i documenti a sostegno delle proprie ragioni.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: