Reti wireless aziendali e sicurezza: in Italia poca consapevolezza

Fortinet, azienda specializzata in soluzioni per la sicurezza delle reti ad alte prestazioni, ha commissionato all’istituto di ricerca Lightspeed GMI un sondaggio che ha visto la partecipazione di 1.490 decision maker IT (Information Technology) tra CIO (Chief Information Officer), CTO (Chief Technology Officer), direttori IT e responsabili IT di aziende con oltre 250 dipendenti in tutto il mondo. Dodici i Paesi coinvolti: Italia, Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Hong Kong, Spagna, Regno Unito e USA. 

Le reti wireless sono il punto debole delle infrastrutture IT aziendali
I risultati di un sondaggio commissionato da Fortinet

Le reti wireless sono il punto debole delle infrastrutture IT (Information Technology) aziendali. Lo sostengono i cosiddetti ITDM (IT Decision Maker), vale a dire dei manager che si occupano delle tecnologie di informazione e comunicazione, stando ai risultati di un sondaggio condotto da Lightspeed GMI per conto di Fortinet.

Fortinet non specifica cosa intenda con l’espressione reti wireless nel comunicato stampa diffuso per illustrare le evidenze del sondaggio. Da alcune parti che hanno attinto al comunicato stesso, l’espressione è stata associata in via esclusiva alle reti Wi-Fi, mentre da altre è stata estesa anche alle reti cellulari.

Confronta tariffe Internet Mobile

Qui si presume che Fortinet abbia voluto riferirsi soltanto alle reti che impiegano il Wi-Fi, perché nel comunicato stampa si fa più volte uso di termini quali autenticazione e ospiti che lasciano appunto intendere il riferimento alle procedure e ai sistemi impiegati per accedere ai network basati sugli standard 802.11.

È certo, in ogni caso, che Fortinet non si riferisca alle reti wired, vale a dire fisse, che in ambito aziendale sono costituite in via principale da soluzioni che poggiano sulla fibra ottica.

Confronta tariffe Fibra Ottica

Il 49% degli intervistati ha classificato le reti wireless come le più esposte dal punto di vista della sicurezza. E la scarsa sicurezza è fonte di preoccupazione per ben il 92% dei CIO (Chief Information Officer) che hanno risposto alle domande.

Nessuna sorpresa per Fortinet, perché oltre un terzo delle reti wireless aziendali implementate per i dipendenti non sono in possesso delle funzionalità di autenticazione minime, si legge nel comunicato stampa.

I risultati del sondaggio – prosegue la nota – suggeriscono che una maggiore consapevolezza generi livelli più elevati di preoccupazione. I decision maker IT “più preoccupati” operano in Cina e in India, ove in media si implementano più funzionalità di sicurezza rispetto ai due Paesi “meno preoccupati”, che sono Italia e Giappone.

Il 37% degli intervistati ha dichiarato di non aver predisposto misure di autenticazione per la sicurezza delle reti wireless, il 29% sottovaluta la funzionalità firewall, il 39% quella antivirus, informa Fortinet.

Il 43% dei decision maker IT intervistati offre accesso alle reti wireless aziendali agli ospiti e il 13% lo fa senza alcun tipo di controllo, stando ai risultati del sondaggio. La modalità più diffusa è rappresentata da username e password temporanei (46%) che precedono un portale controllato che richiede le credenziali (36%), si legge ancora nella nota.

Quando è stato chiesto di indicare i rischi derivanti dall’operare su reti wireless non sicure, il 48% degli ITDM ha individuato nella perdita di dati sensibili aziendali o di clienti il pericolo maggiore.

A suscitare preoccupazione sono anche lo spionaggio industriale (22%), la mancata conformità alle normative di settore (13%), l’interruzione dei servizi (9%) e il danno alla reputazione aziendale (9%).

Commenti Facebook: