Regno Unito: proposta per rallentare il P2P

La CNN pubblica una notizia preoccupante: a seguito delle pressioni delle etichette musicali, in UK si sta pensando a limitazioni della banda per chi scarica file in P2P.

A livello tecnico, non sono ancora chiare le modalità con cui attuare la direttiva. Un ipotesi è sfruttare il sistema che adottano gli operatori per gestire il traffico negli orari di punta.

Si tratta di uno stratagemma adottato anche in Italia, che consiste nel limitare la banda disponibile per singolo utente, al fine di poterne assicurare una quantità sufficiente a tutti coloro che sono connessi.

Questo provvedimento, conclude l’articolo: “sarebbe un cattivo compromesso per entrambe le parti, segno che forse non è la soluzione a questo tipo di problema.”

lica una notizia preoccupante: a seguito delle pressioni delle etichette musicali, in UK si sta pensando a limitazioni della banda per chi scarica file in P2P.

A livello tecnico, non sono ancora chiare le modalità con cui attuare la direttiva. Un ipotesi è sfruttare il sistema che adottano gli operatori per gestire il traffico negli orari di punta.

Si tratta di uno stratagemma adottato anche in Italia, che consiste nel limitare la banda disponibile per singolo utente, al fine di poterne assicurare una quantità sufficiente a tutti coloro che sono connessi.

Questo provvedimento, conclude l’articolo: “sarebbe un cattivo compromesso per entrambe le parti, segno che forse non è la soluzione a questo tipo di problema.”

Commenti Facebook: