Reclamo all’assicurazione: i consigli Ivass

Capita spesso di rimanere insoddisfatti della propria assicurazione e ciò fa crescere il desiderio di cambiare compagnia assicurativa. Tuttavia si può sempre concedere un ultima chance, magari presentando una lettera di reclamo all’assicurazione. Ogni impresa ha il proprio ufficio di riferimento, i cui contatti sono rinvenibili sui documenti della polizza oppure online. L’Ivass consiglia ai consumatori come impostare il reclamo.

Chi è insoddisfatto può cambiare compagnia assicurativa risparmiando

Presentare una lettera di reclamo all’assicurazione è in realtà molto semplice, così come lo è reperire i recapiti dell’ufficio reclami di riferimento, disponibili sia sui documenti di polizza che online. Molti consumatori però si trovano impreparati non tanto con riferimento al contenuto quanto circa l’impostazione della missiva, tanto che molti preferiscono cambiare compagnia assicurativa saltando lo step del reclamo.
Confronta preventivi RC auto
L’Ivass, Istituto di Vigilanza sull’assicurazione, ha fornito alcuni consigli su come redigere la lettera, un modello standard che può essere utilizzato sia per reclami Rc auto che per quelli relativi alle polizze vita.

Innanzitutto potete trovare i recapiti dell’ufficio reclami nella nota informativa della vostra assicurazione o sul sito web dell’impresa. La stessa lettera di reclamo può essere inoltrata via pc (questa modalità è prevista soprattutto dalle assicurazioni online) oltre che via posta o fax. L’impostazione deve essere formale e può iniziare con “Spett.le impresa assicurativa (nome dell’impresa)” indicando la sede e l’ufficio cui ci si sta rivolgendo, in questo caso l’ufficio reclami.

La lettera di reclamo all’assicurazione deve proseguire i riferimenti dell’intestatario della polizza e gli estremi della stessa, dunque si potrà passare ad una chiara esposizione dell’accaduto, allegando infine ogni documento in supporto del reclamo compresa la corrispondenza intercorsa con la compagnia.

La parte sui fatti a fondamento del reclamo può essere impostata nel seguente modo ” il sottoscritto cliente manifesta la propria insoddisfazione sui vostri servizi relativamente a…(descrivere il fatto)”.

In base all’esito della risposta potrete serenamente decidere se rimanere con la vecchia assicurazione oppure cambiare compagnia assicurativa. Se l’impresa fa orecchie da mercante, trascorsi 45 giorni potete rivolgervi direttamente all’Ivass, inviando un reclamo al Servizio Tutela del Consumatore.

In tal caso riceverete una comunicazione dall’istituto per l’avvio della trattazione: l’Ivass contatterà per voi la compagnia assicurativa richiedendo chiarimenti e documenti per approfondire l’istruttoria, un procedimento di durata massima pari a 120 giorni. L’Ivass può anche richiedere all’impresa di rispondere alle esigenze del cliente senza mediazioni.

Se la risposta dell’assicurazione è soddisfacente la procedura aperta con l’Ivass si concluderà senza ulteriori comunicazioni.
Confronta assicurazioni moto

Commenti Facebook: