Rateizzazione bollette luce e gas: richiesta a Maggio 2022

Il pagamento dilazionato delle bollette di luce e gas è una boccata d’ossigeno per le famiglie italiane in un periodo d’emergenza per il settore energetico. Su SOStariffe.it un vademecum dettagliato per capire come funzioni la rateizzazione delle fatture e come richiedere tale opzione a Maggio 2022.

Rateizzazione bollette luce e gas: richiesta a Maggio 2022

Contro il caro-bolletta, la rateizzazione delle fatture di luce e gas fa tirare un sospiro di sollievo alle famiglie italiane che faticano a stare al passo con il pagamento di importi sempre più cospicui addebitati in fattura.

Il pagamento dilazionato, già previsto dalla normativa nazionale per casi specifici, è stato irrobustito dal Governo nel suo pacchetto di misure straordinarie per arginare il rialzo dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022.

Per questo, come previsto dalla Legge di Bilancio, i clienti domestici che dovessero trovarsi in condizioni di morosità avranno la possibilità di richiedere la rateizzazione delle bollette di luce e gas emesse da gennaio ad aprile 2022, per un periodo di 10 mesi e senza interessi.

Di seguito entriamo nel dettaglio della misura per capire come funzioni e come le famiglie italiane in difficoltà possano farne richiesta a Maggio 2022.

Rateizzazione delle bollette: ecco come funziona e come richiederla

LUCE E GAS, BOLLETTE A RATE: IL VADEMECUM
Sono rateizzabili le bollette di luce e gas emesse dal 1° gennaio al 30 giugno 2022
Il pagamento di tali bollette può essere dilazionato fino a un massimo di 10 mesi
La rateizzazione non prevede alcun interesse o costi aggiuntivi
Perché siano rateizzati, gli importi in bolletta non devono essere inferiori a 50 euro

Quello che segue è un vademecum “in pillole” delle modalità di rateizzazione delle bollette di luce e gas, che sono state definite da ARERA, l’Autorità italiana per il settore energetico, in attuazione alla Legge di Bilancio. In particolare, gli esperti di SOStariffe.it aiuteranno i consumatori a capire:

  • quali siano le bollette oggetto di rateizzazione;
  • quanto a lungo si possa dilazionare il pagamento;
  • quali siano gli importi minimi per i quali chiedere la rateizzazione;

In primo luogo, ARERA ha definito che le famiglie in condizioni di morosità potranno fare richiesta di rateizzazione per le bollette di elettricità e gas emesse nel periodo tra il gennaio e il 30 giugno 2022. La dilazione, che dovrà avvenire secondo un piano rateale ben preciso, non sarà soggetta ad alcun costo aggiuntivo in quanto potrà essere ottenuta senza l’applicazione di interessi (al netto di un’eventuale commissione sul pagamento del singolo bollettino).

Per quanto riguarda il periodo di dilazione, si potrà pagare nel tempo fino a un massimo di 10 mesi. Secondo quanto stabilito da ARERA, il piano di interessi deve prevedere una prima rata di valore pari al 50% dell’importo oggetto del piano di rateizzazione e quelle successive (il restante 50%) di ammontare costante.

Il numero di rate dipende dall’effettivo importo da dilazionare. Le singole rate, infatti, devono avere un importo minimo di 50 euro. Di conseguenza, se la bolletta da pagare è di 500 euro, la prima rata sarà di 250 euro mentre i restanti 250 euro saranno dilazionati in un totale di 5 rate mensili.

Come spiegato da ARERA in un documento ufficiale pubblicato sul suo sito, «la modulazione degli importi oggetto di rateizzazione evita che, alla fine del periodo di rateizzazione, a causa del cumulo delle rate, il cliente finale debba pagare importi complessivamente molto elevati, in quanto comprensivi non solo degli importi delle rate residue, ma anche dell’importo della singola fattura non più oggetto di rateizzazione».

Infine, ARERA ha chiarito che dovranno essere gli stessi fornitori di energia elettrica e gestori di gas naturale a informare i clienti che si trovino in condizioni di morosità dell’opzione di rateizzazione delle bollette.

Nella delibera ufficiale datata 30 dicembre 2021 (“Disposizioni urgenti in materia di rateizzazione per i clienti domestici”), l’Autorità di regolazione per Energia, Reti e Ambiente ha sancito che «i venditori, prima di eseguire le procedure di sospensione della fornitura di energia elettrica e gas naturale, offrano al cliente finale inadempiente, in una comunicazione di sollecito di pagamento, se effettuata, e in ogni caso nella comunicazione di costituzione in mora, la rateizzazione, in alternativa al pagamento in un’unica soluzione».

Per conoscere i passi da seguire per avanzare la richiesta di rateizzazione, i titolari di utenze domestiche dovranno quindi fare riferimento alla comunicazione inviata dal proprio fornitore. Ogni azienda, infatti, è tenuta a predisporre un sistema per poter richiedere l’avvio di tale procedura, nel rispetto della normativa fissata da ARERA.

Per il sistema di rateizzazione è stato previsto un fondo di 1 miliardo di euro, con un meccanismo di anticipo alla filiera elettrica da attuarsi con la CSEA, la Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali.

È anche bene ricordare che la rateizzazione delle bollette di luce e gas è una soluzione di pagamento per famiglie in difficoltà che è prevista dalla normativa nazionale, a prescindere dal pacchetto di misure straordinarie che il Governo ha messo a punto contro il rialzo dei prezzi della materia prima all’ingrosso degli ultimi mesi.

Secondo la normativa, la dilazione in rate delle bollette può essere richiesta anche nei seguenti casi:

  • se la bolletta di conguaglio supera del 150% quella in acconto o con consumi stimati
  • in caso di rottura del contatore e di richiesta da parte del fornitore del pagamento dei consumi non registrati

Per richiedere la rateizzazione delle bollette in questi casi è sufficiente contattare il servizio clienti del proprio fornitore.

Caro-bollette: le altre misure urgenti che tendono la mano alle famiglie

MISURE URGENTI IN AIUTO ALLE FAMIGLIE FINO A QUANDO SONO IN VIGORE
Aumento del limite ISEE per il riconoscimento dei Bonus Luce e Gas (da 8.265 euro a 12mila euro)
  • 31 dicembre 2022
Bonus straordinario per i bonus Luce e Gas
  • 30 settembre 2022
Azzeramento degli oneri generali di sistema per luce e gas
  • 30 giugno 2022
Riduzione dell’Iva al 5% sulle bollette del gas per utenze domestiche e non domestiche
  • 30 giugno 2022

L’impatto del rialzo dei prezzi all’ingrosso è stato mitigato da un pacchetto di interventi straordinari messo a punto dal Governo per tendere la mano alle famiglie “schiacciate” dal peso di bollette “roventi”. Tra queste misure, in aggiunta alla rateizzazione delle bollette, si annoverano:

  • la riduzione dell’Iva al 5% sulle bollette del gas per utenze domestiche e non domestiche fino al prossimo 30 giugno;
  • l’azzeramento degli oneri generali di sistema per luce e gas (30 giugno 2022);
  • il potenziamento del bonus luce e gas per le famiglie che si trovano in condizioni economicamente svantaggiate, con un innalzamento del tetto ISEE da 8.265 euro a 12mila euro.

Secondo ARERA, saranno più di 3 milioni le famiglie beneficiarie per il bonus elettrico e 2 milioni per il bonus gas. Per tutti questi nuclei familiari vale l’automatismo in vigore dal 2021: chi ne ha diritto troverà il bonus direttamente accreditato in bolletta, semplicemente effettuando la richiesta dell’ISEE. È invece necessario compilare la domanda per le riduzioni da disagio fisico (utilizzo di apparecchiature elettromedicali salvavita).

Scegliere il Mercato Libero per alleggerire le bollette

La via del risparmio non passa solo dalle misure straordinarie adottate dal Governo. Per abbattere i costi in bolletta e pagare meno per il consumo di energia elettrica e gas naturale, è necessario affidarsi al Mercato Libero le cui offerte sono accomunate da un prezzo più basso della materia prima rispetto ai contratti di Maggior Tutela.

In questo viaggio verso la convenienza, le famiglie italiane possono contare sul comparatore di SOStariffe.it, un tool digitale e gratuito che aiuta i titolari di utenze domestiche a confrontare le migliori promozioni di luce e gas e individuare quella che meglio sposa risparmio e fabbisogno energetico del proprio nucleo familiare.

Utilizzare il comparatore è semplice e intuitivo. Basta indicare una stima del proprio consumo, oppure calcolarla con l’apposito tool, per individuare subito l’offerta più conveniente tra le tante opzioni disponibili sul mercato. Una volta scelta l’offerta giusta, infine, si potrà procedere con l’attivazione online, raggiungendo il sito del fornitore.

Clicca al link qui sotto per accedere al comparatore di SOStariffe.it disponibile anche tramite l’App di SOStariffe.it per Android ed iOS.

SCOPRI MIGLIORI OFFERTE LUCE E GAS »