Quanto costa cambiare fornitore dell’energia elettrica?

Cambiare fornitore di energia elettrica o scegliere un nuovo contratto è gratuito, se nei dodici mesi precedenti non è già stato cambiato fornitore. In questo caso il distributore addebita un contributo fisso di 27 euro al venditore che il cliente ha scelto, che a sua volta i venditore potrà addentare al cliente. Questi 27 euro di spesa nel caso si richieda il cambio di fornitura più di una volta all’anno non sono da pagare se il cliente chiede di tornare dal mercato libero al servizio maggior tutela. Quanto invece ad un nuovo contratto, è dovuta l’imposta di bollo di 14,62 euro.

Confronta offerte Energia

Quanto si paga per cambiare fornitore luce?

biare fornitore di energia elettrica o scegliere un nuovo contratto è gratuito, se nei dodici mesi precedenti non è già stato cambiato fornitore. In questo caso il distributore addebita un contributo fisso di 27 euro al venditore che il cliente ha scelto, che a sua volta i venditore potrà addentare al cliente. Questi 27 euro di spesa nel caso si richieda il cambio di fornitura più di una volta all’anno non sono da pagare se il cliente chiede di tornare dal mercato libero al servizio maggior tutela. Quanto invece ad un nuovo contratto, è dovuta l’imposta di bollo di 14,62 euro.

Confronta offerte Energia

Commenti Facebook: