Quando e come imparare una lingua tramite APP

Numeri incredibilmente positivi quelli delle App per imparare le lingue. Stando ad un recente sondaggio sono veramente numerosi gli italiani che hanno migliorato l’apprendimento della lingua inglese grazie all’utilizzo di un’App e il Mobile Learning. Il sondaggio è stato realizzato dall’accademia online ABA English tra oltre 5.000 alunni in tutto il mondo, svela che in Italia le app per imparare le lingue spopolano.

banner
Le App per imparare le lingue stanno spopolando

Le app sono prodotti recenti, fino a qualche anno ma gli italiani non potevano sapere che sarebbero arrivati ad un punto in non si può più farne a meno. Le app per l’apprendimento delle lingue percorrono questa tendenza positiva e sono diventate strumenti indispensabili per tutti gli abitanti del belpaese. Complice della diffusione le numerose offerte telefonia mobile.

Scopri All Inclusive versione Natale

App per apprendere le lingue

I risultati del IIº sondaggio di ABA English sull’uso delle app educative dimostrano che l’87% degli intervistati dichiara di aver migliorato il proprio livello d’inglese dopo essersi esercitato con una app. Un aumento del 5% rispetto all’82% del sondaggio realizzato nel 2015 da ABA English, accademia online di inglese che conta oltre 12 milioni di alunni.

La stessa percezione positiva per le app di lingua è confermata negli altri paesi esaminati. Sono elevate le percentuali di studenti convinti di aver migliorato le proprie competenze linguistiche grazie a una app:

  • l’88% dei francesi,
  • il 93% dei messicani e degli spagnoli,
  • il 95% dei brasiliani intervistati

Maria Perillo, responsabile accademica di ABA English, osserva che “le app per imparare le lingue aiutano a migliorare l’apprendimento: grazie ai dispositivi mobili lo studente ha la possibilità di esplorare, sperimentare e applicare immediatamente in contesti reali quello che ha appena imparato. Inoltre, consentono di sfruttare qualsiasi momento e luogo e di accedere a contenuti formativi in piccole porzioni”.

Il regno delle app di lingua

Smartphone e tablet stanno cambiando il mondo dell’insegnamento. Nell’ultimo anno, la categoria app educative è cresciuta di quasi 21 punti percentuali: mentre nel 2015 il 71% degli intervistati aveva dichiarato di aver scaricato almeno una app educativa sul suo smartphone, nel 2016 la percentuale è salita al 92%.

Gli italiani non solo scaricano questo tipo di app, ma le usano frequentemente. Infatti, le app per l’apprendimento raggiungono il secondo posto nella classifica per quanto riguarda la frequenza dell’utilizzo, con un punteggio di 3,32 su 5, precedute  solo dalle app della categoria Utility (es. navigazione, mappe) con 3.62/5 punti. Seguono nella classifica le app della categoria viaggi e trasporti (2,68/5), musica (2,64/5), reti sociali (2,21/5), salute e forma fisica (2,09/5), intrattenimento (1,79/5) e app per bambini (1,31/5).

All’interno della categoria “app educative“, il vincitore incontrastato sono le lingue:

  • il 94% degli italiani dichiara di avere almeno una app per imparare le lingue sul suo smartphone, 19 punti percentuali in più rispetto alla prima edizione dello studio, quando era solo il 75%;
  • Seguono nella classifica le app per esercitare la memoria (28%),
  • quelle per imparare a suonare uno strumento (13%),
  • quelle per i bambini (10%).

Inoltre, più della metà degli italiani (61%) ha almeno due applicazioni per l’apprendimento delle lingue installate sul proprio dispositivo mobile. La ragione è chiara: per quasi la totalità degli studenti italiani intervistati (93%), apprendere una lingua tramite app è utile. Ancora una volta contare su tariffe mobile ricche di GB asseconda il download di applicazioni.

Scopri Red Maxi Vodafone

Smartphone e computer sono la combinazione vincente

Per gli studenti italiani l’unione fa la forza: infatti, il 70% ritiene che il metodo più efficace per imparare una lingua sia quella di unire l’uso di smartphone e computer, mentre una piccola minoranza preferisce usare solo il computer (18%) o lo smartphone (12%).

Ma qual è il momento preferito dagli italiani per studiare con una app? Il 30% degli intervistati dichiara di sfruttare le pause durante il lavoro. Il resto degli intervistati, invece, preferisce studiare quando torna a casa dopo il lavoro (27%), la sera prima di andare a letto (22%), la mattina prima di uscire di casa (14%) o durante il tragitto verso il lavoro (7%).

Commenti Facebook: