Qualcomm Snapdragon 810 e le vendite di HTC One M9

HTC One M9 ha raggiunto lo scaffale a fine marzo nel mercato taiwanese per poi debuttare in altre piazze. Un analista di Yuanta Securities Investment Consulting sostiene che le consegne dello smartphone di nuova generazione firmato HTC non avrebbero superato i 4,75 milioni di pezzi in aprile. Nel corrispondente mese del 2014, erano stati consegnati 8 milioni di HTC One M8. Nell’aprile del 2013, erano stati consegnati 7 milioni di HTC One M7

HTC One M9 non va, sotto accusa Qualcomm Snapdragon 810
HTC One M9 non ha brillato al debutto

Qualcomm Snapdragon 810 sembrerebbe essere afflitto da problemi di surriscaldamento che innescano anomalie nella gestione del thermal throttling, il processo che riduce la frequenza operativa di clock di un processore al raggiungimento di un livello di temperatura critico.

Le voci riguardanti i problemi di surriscaldamento del processore che spinge HTC One M9 avrebbero prodotto effetti negativi per la casa taiwanese e quest’ultima ne avrebbe sottovalutato l’impatto, sostiene un analista di Yuanta Securities Investment Consulting interpellato dal Taipei Times, che non ha voluto divulgare le sue generalità.

Numerosi consumatori si sarebbero pertanto guardati dal mettere mano al portafogli per comprare uno smartphone le cui prestazioni potrebbero essere inficiate dai malfunzionamenti del processore. E gli operatori di telefonia mobile chiamati a distribuire HTC One M9 non avrebbero fatto incetta di unità, anzi, avrebbero centellinato gli ordini.

Confronta tariffe di Telefonia Mobile

A differenza di Galaxy S6 e Galaxy S6 edge di Samsung, accolti con favore dalla critica specializzata sin dalla prima ora, HTC One M9 ha fatto storcere la bocca a non pochi osservatori di settore, soprattutto per l’assenza di una linea di demarcazione netta o comunque evidente rispetto ad HTC One M8.

 

Galaxy S6 e Galaxy S6 edge montano il SoC (System-on-a-Chip) proprietario Exynos 7420, che usa la medesima combinazione impiegata nello Snapdragon 810, vale a dire quattro core “big” ARM Cortex A57 e quattro core “little” ARM Cortex A53. Eppure i due esemplari Samsung di nuova generazione non sembrano afflitti da problemi di surriscaldamento.

Le prove condotte dagli esperti di Primate Labs paiono infatti confermare i malfunzionamenti del meccanismo di thermal throttling di Qualcomm Snapdragon 810 e, di contro, escludere che il SoC Exynos 7420 possa pregiudicare le prestazioni degli smartphone di nuova generazione della casa sudcoreana.

Resta in ogni caso da capire se davvero siano state i dubbi sulla qualità del processore Qualcomm a frenare le vendite di HTC One M9 oppure se le ragioni siano da ricercare nell’assenza di innovazioni di rilievo oppure, ancora, se la falsa partenza dello smartphone HTC sia stata determinata da un insieme di fattori.

Commenti Facebook: