Proteggere PC dai furti: il software che scatta la foto a ladri

Recentemente è salita agli onori della cronaca la vicenda di un ladro di 35 anni individuato e arrestato direttamente nella sua casa, dopo aver rubato un notebook da un’azienda poco distante. Il merito non è solo dell’accuratezza delle indagini delle forze dell’ordine, quanto anche da un insospettabile aiutino: un software che ha scattato la foto del ladro, inviando le coordinate GPS del portatile al suo legittimo proprietario.

mouselock
Un ladro è stato arrestato grazie a un particolare software...

Denominato MouseLock.co, il software è in grado di scattare una foto a chiunque tenti di entrare sul pc senza avere la necessaria autorizzazione. Il software – disponibile gratuitamente – si può utilizzare con i più comuni browser in circolazione, ed è attivabile registrandosi con il proprio account Google, utile per poter dirottare in maniera sicura le mail di avviso di eventuali tentativi di accesso al proprio dispositivo, con connessione fissa o attraverso una connessione Internet mobile.

Il funzionamento è abbastanza semplice. Una volta installato MouseLock.co, quando qualcuno cercherà di muovere il mouse si imbatterà nella richiesta di inserimento del Pin scelto in fase di registrazione del software. Se non si riesce a inserire il necessario codice nei primi secondi, il software invierà un’email all’intestatario del programma e, nell’ipotesi in cui il computer sia dotato di webcam, la stessa verrà utilizzata per scattare una foto dell’intruso, che sarà allegata alla mail inviata.

Confronta tariffe Internet mobile

Dunque, a ben vedere il sintetico funzionamento sopra riassunto, MouseLock.co non serve a impedire l’intrusione nel ladro (o di colui che comunque cerca di accedere in nostra assenza anche senza sottrazione del dispositivo) nel proprio notebook, bensì a consentire l’individuazione di colui che è definibile come “intruso” e le tempistiche del tentativo di accesso. Tecnicamente, il software utilizza jQuery per poter rilevare i movimenti del mouse, mentre le foto vengono acquisite attraverso il getUserMedia () API, che è supportato in Chrome e in Firefox.

Non si tratta dunque di un vero e proprio lucchetto anti-furto, ma di un’utile applicazione – per giunta, completamente gratuita – che vi permetterà di incrementare il livello di sicurezza nel possesso del dispositivo tecnologico, in attesa che vengano integrate ulteriori implementazioni necessarie per poter arricchire di funzionalità di tutela il software.

Commenti Facebook: