Prezzi della benzina giù: compagnie ritoccano verso il basso il costo del carburante

Dopo un lungo periodo di aumenti, spesso da record, sul carburante (ad eccezione dei weekend promozionali lanciati da diverse compagnie petrolifere durante il periodo estivo), pare che sia giunto il momento di una diminuzione, seppur lieve, dei prezzi. Questa previsione era nata dal fatto che le quotazioni internazionali del petrolio sono diminuite e il prezzo al barile oggi è di 86 dollari (anziché 89).

Anche altre dinamiche sul mercato dei prodotti finiti hanno consentito che le compagnie petrolifere ritoccassero verso il basso i costi di verde e diesel, giovando così alle tasche dei consumatori. E proprio in queste ore si comincia a sentirne l’effetto: Eni, ad esempio, ha ridotto di 2 cent il costo al litro della benzina verde, mentre TotalErg la abbassa di 1 cent. Anche Q8 e Esso hanno modificato in positivo i prezzi (circa 0,5 cent in meno).

Il prezzo medio nazionale, secondo il Quotidiano Energia è oggi di 1,9 euro al litro per la verde, mentre il diesel si attesta a 1,802 euro al litro. Ecco i prezzi monitorati all’inizio della settimana dal sito:

  • Eni: verde a 1,882 euro/litro, diesel a 1,794 euro/litro;
  • TotalErg: verde a 1,894 euro/litro, diesel a 1,798 euro/litro;
  • Esso: verde a 1,883 euro/litro, diesel a 1,792 euro/litro;
  • IP: verde a 1,890 euro/litro, diesel a 1,802 euro/litro;
  • Q8: verde a 1,900 euro/litro, diesel a 1,795 euro/litro;
  • Shell: verde a 1,886 euro/litro, diesel a 1,799 euro/litro;
  • Tamoil: verde a 1,889 euro/litro, diesel a 1,800 euro/litro;
  • No logo: verde a 1,760 euro/litro, diesel a 1,694 euro/litro.

Commenti Facebook: