Prezzi all’ingrosso ADSL: Agcom delibera

AGCOM, tenendo conto delle osservazioni della Commissione europea,  ha approvato la delibera finale relativa ai prezzi dei servizi all’ingrosso di unbundling, bitstream e wholesale line rental.

Il canone di unbundling resta confermato nel 2010 il valore di 8,70 euro/mese mentre viene stabilito a 9,02 e 9,28 euro/mese per il 2011 e 2012 (un costo inferiore rispetto al primo provvedimento che fissava i valori a 9,14 e 9,48).

Telecom_Italia

Gli aumenti relativi agli anni 2011 e 2012 sono legati al miglioramento delle infrastrutture di rete: il costo maggiore dovuto a Telecom Italia verrà quindi assoggettato ad una verifica degli indicatori di qualità della rete: KO di rete, menutenzione preventiva, saturazione delel centrali, numero di guasti e tempistiche di intervento.

Gli OLO, nonostante la revisione AGCOM abbia diminuito i costi, dichiarano che l’Autorità non ha preso in esame tutta la documentazione fornita e favorisce così l’operatore dominante sul mercato. Pende sulla delibera la possibilità di azioni legali nelle sedi competenti quando verranno rese note le motivazioni del provvedimento adottato.

ndo conto delle osservazioni della Commissione europea,  ha approvato la delibera finale relativa ai prezzi dei servizi all’ingrosso di unbundling, bitstream e wholesale line rental.

Il canone di unbundling resta confermato nel 2010 il valore di 8,70 euro/mese mentre viene stabilito a 9,02 e 9,28 euro/mese per il 2011 e 2012 (un costo inferiore rispetto al primo provvedimento che fissava i valori a 9,14 e 9,48).

Telecom_Italia

Gli aumenti relativi agli anni 2011 e 2012 sono legati al miglioramento delle infrastrutture di rete: il costo maggiore dovuto a Telecom Italia verrà quindi assoggettato ad una verifica degli indicatori di qualità della rete: KO di rete, menutenzione preventiva, saturazione delel centrali, numero di guasti e tempistiche di intervento.

Gli OLO, nonostante la revisione AGCOM abbia diminuito i costi, dichiarano che l’Autorità non ha preso in esame tutta la documentazione fornita e favorisce così l’operatore dominante sul mercato. Pende sulla delibera la possibilità di azioni legali nelle sedi competenti quando verranno rese note le motivazioni del provvedimento adottato.

Commenti Facebook: