Presto via il PIN per carte di credito e di debito

Sarà il 2015 l’anno delle carte biometriche? Già da quest’anno molti istituti di credito potrebbero emettere le prime carte di credito, bancomat e prepagate con sistema di identificazione biometrico, che andrà a sostituire quello attuale, che prevede la digitazione di un codice PIN per i pagamenti via POS e per i prelievi ATM.

Il 2015 potrebbe essere l'anno delle carte biometriche

Questi sistemi avanzati e più sicuri, ma anche comodi e veloci, sono già una realtà. La prima carta di credito biometrica è la MasterCard’s biometric thumbprint card, lanciata in Gran Bretagna nello scorso ottobre, nata grazie ad una collaborazione tra MasterCard e la ditta norvegese chiamata Zwipe. Questo sistema ha già superato brillantemente un periodo di sperimentazione in Norvegia.

La carta è dotata di un lettore biometrico che rileva l’impronta digitale del pollice attraversa un apposito sensore. Le dimensione ed il peso della carta non saranno differenti rispetto ad una tradizionale.

Anche un’azienda friulana ha prodotto una carta dotata di un sistema simile. Si chiama Smart Card Biometrica e, al pari MasterCard’s biometric thumbprint card, dispone di un lettore di impronte digitale integrato che riconosce i dati biometrici dell’utilizzatore e ne abilita l’utilizzo.

Al momento del pagamento, il titolare della Smart Card biometrica esegue lo “swipe” in corrispondenza del lettore e questo, se riconosce l’impronta, autorizza la transazione.

Già dalla metà di quest’anno si prevede che le banche provvederanno ad emettere le prime carte di pagamento biometriche, sebbene al momento non ci siano annunci ufficiali. Le tradizionali carte con identificazione tramite PIN andranno presto in pensione, per la soddisfazione di chi fa fatica a ricordare il codice.

Commenti Facebook: