Prestito ricaricabile, funzionamento e vantaggi

Il prestito ricaricabile è una tipologia di finanziamento che consente di ottenere una piccola somma di denaro direttamente sul proprio conto corrente, che può essere utilizzata per soddisfare diverse esigenze personali. L’importo concesso è restituito tramite rate mensili che ricostituiscono il fido, il quale verrà poi ulteriormente riutilizzato.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Tra i diversi tipi di finanziamenti oggi disponibili, c’è il prestito ricaricabile. Si tratta di una linea di credito che permette di ottenere un certo importo di denaro.

L’importo, man mano che viene utilizzato, andrà restituito tramite piccole rate mensili, che nel frattempo ricostituiranno la riserva di denaro, per essere di seguito riutilizzata.

Se il titolare del prestito ricaricabile restituisce regolarmente le rate, il finanziamento resterà attivo a tempo indeterminato; se invece decide di rimborsare una quota maggiore alla rata stessa, si innesca il processo di ricarica del prestito.

In generale l’importo massimo del prestito ricaricabile è di 5 mila euro; l’erogazione solitamente avviene entro 2 giorni dall’approvazione del finanziamento e direttamente sul conto corrente del richiedente.

Il rimborso è mensile, il tasso fisso e di solito non ci sono spese di istruttoria o di gestione.

Un vantaggio del prestito ricaricabile è che gli interessi vengono applicati solo al credito già utilizzato, e non sull’importo complessivo concesso.

In più, le rate sono di solito molto contenute e non sono previsti costi e quote associative, a differenza di molti altri tipi di prestiti.

Le durate cambiano a seconda dell’importo concesso; saranno più lunghe quanto maggiore sarà la somma richiesta.

Un prestito ricaricabile piuttosto famoso è il Conto Pim (Personal Instant Money) di Agos Ducato, che offre una linea di credito fino a 3.100 mila euro, i quali verranno erogati in 48 ore dall’approvazione direttamente sul conto corrente del richiedente oppure arriveranno a casa tramite assegno.

Commenti Facebook: