Prestiti agevolati e a tasso zero per gli studenti

In mezzo alla crisi economica, occorre continuare ad andare a scuola e all’università. Purtroppo però, sono sempre di più le famiglie italiane che fanno fatica ad acquistare i libri o il computer portatile ai propri figli. La situazione peggiora se i ragazzi studiano fuori sede, dovendo pagare depositi cauzionali e altre spese immobiliari. Per questo motivo, diverse banche propongono prestiti agevolati e a tasso zero per motivi di studio. 

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Sono molte le famiglie italiane che oggigiorno hanno bisogno di chiedere un prestito per poter mandare avanti negli studi i propri figli. Si stima che nel 2012 si spenderanno in media 548 euro per le spese scolastiche, con un massimo di 716 euro per le famiglie che hanno figli al liceo.

Di conseguenza, molte banche propongono delle soluzioni finanziarie ideale per fare fronte a questo tipo di spese.

Ad esempio, la Banca Popolare di Cremona propone Prestito Libri 2012. Si tratta di un microcredito agevolato esclusivo per sostenere spese d’istruzione e formazione scolastica e universitaria.

Questo prestito a tasso zero non prevede spese né interessi, e le somme concesse possono essere utilizzate per l’acquisto di libri e materiale didattico.

L’importo del finanziamento è compreso da un minimo di 500 euro fino ad un massimo di 1.000 euro ed è rimborsabile in rate mensili fino a 18 mesi.

Tutte le famiglie con figli dalle scuole primarie fino all’università possono farne richiesta fino al 30 novembre 2012.

Un’altra proposta della Banca di Cremona è il prestitoDiamogli Credito“.

Questo finanziamento a tasso agevolato è dedicato agli studenti universitari, con età compresa tra i 18 e i 35 anni. Possono richiedersi fino a 6.000 euro, rimborsabili fino a 36 mesi.

Le spese ammesse sono il pagamento dei corsi universitari, la partecipazione al Programma Erasmus, i costi di Master post-laurea, l’acquisto di computer portatile e il versamento dei depositi cauzionali per locazione di immobile e spese di intermediazione immobiliare.

Commenti Facebook: