Prestiti inpdap: cosa sono e chi può richiederli

I dipendenti pubblici e pensionati Inpdap hanno accesso ad un tipo di finanziamento speciale, con condizioni agevolate ed esclusive. Si tratta del prestito Inpdap, un finanziamento riservato ai dipendenti pubblici e statali assunti a tempo indeterminato con un‘anzianità minima di 2 mesi e ai pensionati Inpdap. Questi prestiti sono disponibili anche per protestati o pignorati, oppure in concomitanza con altri impegni mensili (prestiti, carte di credito revolving o mutui).

Cala lievemente il numero delle ore in cassa integrazione
Cala lievemente il numero delle ore in cassa integrazione
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Gli accordi stipulati con l’Inpdap (Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica) consentono alle banche di proporre dei prestiti costruiti specificamente per le esigenze dei pensionati, dei dipendenti pubblici e dei loro familiari.

In effetti, coloro appartenenti ad una di queste categorie, potranno usufruire dei prestiti Inpdap, che prevedono condizioni vantaggiose tanto per l’erogazione che per il rimborso.

In particolare, l’Inpdap offre la possibilità a chi lavora nel pubblico impiego, iscritto regolarmente alla Gestione del credito pubblico, di richiedere un prestito che non deve superare un quinto dello stipendio percepito.

Questi finanziamenti sono disponibile anche per i pensionati che hanno lavorato nel settore pubblico e hanno maturati i contributi; anche in questo caso, l’ammontare da richiedere non potrà oltrepassare il quinto della pensione percepita.

Attraverso questi prestiti è possibile richiedere fino a 100.000 euro da rimborsare in rate mensili per un periodo di fino a 120 mesi.

Questo tipo di prestito personale può avere una durata che varia dai 12 ai 48 mesi. Tuttavia, l’istituto offre anche la possibilità di ottenere un prestito pluriennale per l’acquisto della prima casa o per rinegoziare un mutuo già acceso presso una qualsiasi banca italiana. In questo caso, la durata del prestito può arrivare fino ai 30 anni.

Come richiedere un prestito Inpdap

I dipendenti e pensionati dell’istituto, iscritti come già detto alla Gestione del credito pubblico, potranno richiedere il prestito Inpdap.

Per farlo, è sufficiente scaricare un modulo per la richiesta sul sito ufficiale dell’ente e inviare tre copie alla sede centrale dell’Inpdap. E’ possibile inoltre sollecitare un prestito Inpdap presso una qualsiasi banca convenzionata con l’istituto.

Per tutte le altre informazioni, consigliamo di rivolgersi presso il sito ufficiale dell’Ente ha una sezione dedicata a questo tipo di finanziamenti.

Infine, ricordiamo che di recente sono stati aggiornati i regolamenti in materia di prestiti Inpdap. In particolare, sono cambiate alcune norme e introdotte nuove tipologie di prestiti agevolati a favore dei dipendenti pubblici, con l’obiettivo di offrire nuove soluzioni alle famiglie che si trovano in difficoltà economica e lavorano per l’amministrazione pubblica.

Per approfondimenti, leggi il nostro articolo Prestiti Inpdap, da domani nuove regole per i dipendenti pubblici.

 

Commenti Facebook: