Pranzo di Pasqua a domicilio: le alternative per avere il menù a casa

Ci siamo quasi. Tra pochi giorni sarà Pasqua e, a differenza di quanto avviene ogni anno, il tradizionale pranzo pasquale si svolgerà in modo decisamente differente. Le misure restrittive per il contenimento della diffusione del Coronavirus, infatti, ci obbligheranno a restare a casa. Il pranzo di Pasqua, quindi, non si potrà svolgere scegliendo raffinati menu di ristoranti e agriturismi ma dovrà essere fatto a casa. Ecco, quindi, quali sono le alternative per avere il menù del pranzo di Pasqua direttamente a casa. 

Ecco come organizzarsi per il pranzo di Pasqua

Quest’anno la Pasqua sarà completamente diversa dal solito. Il tradizionale pranzo domenicale, infatti, dovrà essere fatto obbligatoriamente a casa senza la possibilità di andare a mangiare “fuori” in ristornati, pizzerie o agriturismi. Le strutture infatti restano chiuse per rispettare le norme restrittive che mirano al contenimento della diffusione del Coronavirus e che molto probabilmente saranno prorogate almeno sino all’inizio del prossimo mese di maggio.

Come organizzare il pranzo di Pasqua? Le soluzioni a disposizione degli italiani sono numerose e non per forza bisognerà mettersi ai fornelli per preparare tutte le portate tradizionali previste dai vari menù regionali. E’ possibile organizzarsi per ricevere il pranzo di Pasqua a domicilio. In queste ore, infatti, il numero di ristoranti che si sta organizzando per consegnare direttamente a casa della clientela il pranzo di Pasqua è in costante crescita.

Basterà, quindi, avviare una veloce ricerca online, anche sfruttando una delle tante app per dispositivi di telefonia mobile che offrono consegne a domicilio, per individuare le soluzioni più interessanti per poter ottenere il pranzo di Pasqua direttamente a casa, senza difficoltà e senza dover affrontare le lunghe file per accedere ai supermercati in questi giorni (ricordiamo che in molte regioni d’Italia, i supermercati e i vari negozi di alimentari saranno chiusi sia domenica che lunedì).

Segnaliamo, inoltre, che ci sono diverse opzioni anche per ricevere a domicilio l’uovo di Pasqua con tante iniziative in atto in queste ore per permettere a tutte le famiglie italiane di poter aprire, per le festività pasquali, l’immancabile uovo nonostante la particolare situazione di emergenza che stiamo vivendo in queste settimane. Vediamo, di seguito, come ordinare il pranzo di Pasqua direttamente online.

Come ordinare il pranzo di Pasqua online

In questi giorni, diversi ristoranti si stanno organizzando (nel rispetto delle normative nazionali e locali sulle chiusure delle attività non essenziali e la limitazione dei movimenti) per permettere ai clienti di ordinare il pranzo di Pasqua online oppure via telefono. Il cibo ordinato verrà poi recapitato all’indirizzo di casa del cliente, in tutta sicurezza, in tempo utile per il pranzo di questa domenica.

Sia le soluzioni disponibili che le pietanze che possono essere ordinate dipendono fortemente da dove ci si trova in questo momento, dalle usanze locali e dalla disponibilità delle strutture di organizzare il pranzo da consegnare a domicilio. Per questo motivo, è molto importante verificare rapidamente le opzioni a propria disposizione ed effettuare l’ordine in tempo utile in modo che si possa ricevere il pranzo di Pasqua direttamente a casa.

Come prima cosa, è consigliabile verificare la disponibilità dei ristornanti tramite le tante applicazioni che si occupano, di solito, delle consegne a casa. Applicazioni come Glovo, Uber Eats, JustEat o Deliveroo rappresentano in questo momento un sostengo importante per le famiglie che vogliono ricevere a domicilio il cibo, con l’impossibilità di poter recarsi nelle strutture, chiuse al pubblico per via dell’emergenza sanitaria.

A seconda della zona in cui si risiede, sarà possibile individuare le opzioni a propria disposizione ed effettuare l’ordine  del pietanze desiderate. Si tratta di una buona soluzione per capire quali sono le attività aperte in questo periodo e a chi è possibile rivolgersi per ricevere il pranzo di Pasqua direttamente a casa.

E’ consigliabile, in ogni caso, contattare telefonicamente le strutture, in modo da richiedere informazioni precise in merito alla disponibilità del servizio, oppure consultare le pagine social, per verificare menù disponibili e modalità di acquisto e consegna. In questa situazione di particolare emergenza, è opportuno utilizzare tutte le risorse a propria disposizione.

In linea di massima, le strutture che si occupano di realizzare il pranzo di Pasqua da consegnare a casa si stanno organizzando con un sistema di prenotazioni. Considerando le numerose richieste in arrivo in questi giorni, infatti, nella maggior parte dei casi sarà possibile prenotare il pranzo con consegna a domicilio entro sabato 11 aprile con la necessità di specificare l’orario e l’indirizzo di consegna.

Per questo motivo, è opportuno scegliere rapidamente cosa ordinare e dove ordinarlo per evitare che il numero di prenotazioni accettabili dalle strutture si esaurisca. Fortunatamente, le opzioni sono numerose ma la necessità di organizzazioni rapidamente resta ugualmente.

Spesa online con consegna a casa

Tra le opzioni disponibili per le famiglie italiane in questi giorni di festività pasquali c’è anche la possibilità di fare la spesa online ed ottenere la consegna a domicilio di quanto acquistato. Nelle prime settimane dell’emergenza sanitaria, i supermercati ed i vari servizi per la spesa online sono stati travolti dal numero elevatissimo di richieste da parte degli utenti, mostrando un’inadeguatezza dell’intero sistema per la gestione di un numero di ordini ben superiore alla media.

Dopo le prime difficoltà iniziali, la situazione sta migliorando ed ora è molto più semplice poter ordinare la spesa online e ricevere quanto ordinato in tempi relativi brevi (sempre potendo scegliere la data e l’orario di consegna sulla base della disponibilità dei servizi). Da notare, inoltre, che alcune aziende, come ad esempio la nota catena di supermercati Carrefour presente in tutta Italia, ha organizzato delle spese “pre-confezionate” disponibili in pronta consegna con tutto l’occorrente per affrontare il periodo di festività.

Anche alcuni servizi di delivery, come ad esempio Uber Eats, hanno stretto partnership con supermercati e negozi di alimentari per portare la spesa a casa sfruttando la rete di rider attiva nelle città in cui è disponibile il servizio. Si tratta di un’occasione in più per poter ordinare la spesa online e ricevere quanto acquistato comodamente a casa, senza dover uscire e senza dover aspettare molti giorni per il completamento della consegna.

Per quanto riguarda la spesa online, il servizio è disponibile presso tutte le principali catene di supermercati (tramite i relativi siti web oppure le applicazioni ufficiali per dispositivi mobili). Tra i servizi principali troviamo:

  • Esselunga
  • Spesa Online di Carrefour
  • Coop
  • Conad
  • Eurospin
  • Iper
  • MD
  • Lidl
  • CosìComodo

Per fare la spesa online, in particolar modo in questo periodo pasquale, è consigliabile verificare con molta attenzione la disponibilità dei vari servizi in modo da controllare, oltre ai costi, anche i tempi di consegna per i clienti che richiedono la consegna a domicilio. In alcuni casi, per evitare le file, è possibile ordinare la spesa online e scegliere un orario definito per passare a ritirarla al supermercato.

Oltre alle grandi catene di supermercati, è consigliabile verificare la disponibilità dei servizi di consegna a domicilio delle varie botteghe e negozi di alimentari a gestione familiare. In questi giorni di emergenza, questi esercizi commerciali si stanno organizzando per offrire un servizio il più possibile completo ed efficace garantendo ai vari quartieri delle città italiane la possibilità di sfruttare la consegna a domicilio di beni di prima necessità e prodotti alimentari di vario tipo.

I menù pasquali che non possono prescindere dalla presenza di determinati prodotti potranno essere arricchiti proprio grazie al servizio messo in atto dalle botteghe di quartiere e dai piccoli negozi di alimentari che, con il loro contributo, possono semplificare al massimo il pranzo di Pasqua anche in questo periodo di particolare emergenza sanitaria.

Pranzo di Pasqua fatto in casa

Organizzare il pranzo di Pasqua in casa non è una missione impossibile. Se la consegna a domicilio non è disponibile o non è sufficiente per colmare tutto il menù tradizionale di Pasqua, bisogna organizzarsi da soli tra ricette di famiglia, ricette della tradizione e tutorial online.

In questi giorni, chef, maestri pasticcieri e ristoratori di vario tipo si stanno sfidando sui social a colpi di ricette, tutorial e consigli. Chi ha qualche dubbio sul menù del pranzo di Pasqua può quindi affidarsi ancora una volta alle risorse online disponibili per ottenere tutte le informazioni di cui ha bisogno per preparare a casa (magari ordinando online gli ingredienti) il pranzo di Pasqua.

Per chi è alle prime armi in cucina, si tratta di un’occasione per mettersi alla prova, per la prima volta, con ricette più articolate e “tradizionali”. Se, invece, siete dei maestri tra i fornelli potrete vivere questa Pasqua particolare come l’occasione per sfidare chef molto conosciuti mettendo in pratica ricette ricercate in grado di stupire e di onorare la tradizione.

Stiamo vivendo un momento difficile ma non per questo dobbiamo rinunciare a passare una Pasqua nel pieno rispetto di quella che è un’usanza oramai immancabile per le famiglie italiane. Anche quest’anno, il pranzo di Pasqua sarà un’occasione per festeggiare nonostante l’obbligo di restare a casa.

Commenti Facebook: