Poste Italiane punta alla telefonia fissa e all’ADSL

Dopo l’ottimo successo ottenuto con PosteMobile, che rappresenta oggi il maggior operatore virtuale ESP nazionale, ora PosteItaliane comincia a guardarsi attorno e a pensare a delle nuove strategie commerciali che coinvolgano la telefonia fissa e l’ADSL. La società potrebbe diventare un nuovo Internet Service Provider?

La notizia, rimbalzata in rete su vari siti Internet dopo la soffiata ricevuta dal Sole 24 Ore, sembra essere più che fondata: a quanto pare Poste Italiane sarebbe già alla ricerca di un partner commerciale per l’esordio nel fisso e le offerte copriranno vari tipi di utenza, dai privati alle aziende.

Per trovare il partner tecnologico giusto è stato lanciato un bando pubblico, appena conclusosi, aperto a tutti gli operatori ma, per ora, niente è stato ancora svelato. Per l’infrastruttura di rete si dovrebbe utilizzare quella che collega gli oltre 14 mila uffici postali nazionali.

Con molta probabilità i nuovi prodotti di Poste Italiane punteranno anche sui servizi in cloud, a partire dalle memorie virtuali per archiviare i dati a opzioni più complesse, come applicazioni e software aziendali disponibili direttamente online, che renderanno l’offerta dell’azienda ancora più interessante.

Sempre secondo le indiscrezioni diffuse dal quotidiano economico Il Sole 24 Ore, Poste Italiane offrirà inizialmente connessioni Internet ADSL a velocità fino a 20 Mbps, per poi potenziarle con opzioni ad hoc, sopratttutto per le piccole e medie imprese. Riuscirà a ritagliarsi una propria fetta di mercato come successo nel settore mobile, nonostante i servizi di telefonia e Internet fissi siano in progressiva diminuzione in termini di domanda?

Commenti Facebook: