PMI: l’80% ha fiducia nel futuro e nei servizi 4G

Le piccole e medie imprese mostrano una forte propensione a investire in ambito tecnologico per migliorare la produttività. Tra le priorità di investimento, gli smartphone e i servizi 4G

Una ricerca di Vodafone rivela che l'80% delle PMI ha fiducia nel futuro e nei servizi 4G
Le piccole e medie imprese e gli investimenti in ICT: una ricerca di Vodafone

L’80% delle PMI europee è convinto che il proprio business crescerà nei prossimi due anni. L’82% delle piccole e medie imprese ha ottenuto benefici grazie agli investimenti in ICT (Information and Communication Technology), anche in relazione al servizio al cliente. Il 68% delle PMI prevede di effettuare ulteriori investimenti in ICT per migliorare ancora il customer care e sostenere pratiche per favorire un lavoro più flessibile e produttivo.

Sono alcune delle principali evidenze di uno studio commissionato a Circle Research da Vodafone, che ha coinvolto 1.736 piccole e medie imprese del Regno Unito, Repubblica d’Irlanda, Germania, Spagna, Repubblica Ceca e Italia. La ricerca ha rivelato un aumento della fiducia nella crescita futura, insieme a un forte impegno negli investimenti in ambito tecnologico per migliorare la produttività.

Tra gli obiettivi dello studio, intitolato “The connected future for SMEs”, anche l’analisi dell’utilizzo da parte delle PMI di differenti prodotti e servizi ICT e della loro attitudine a investire in questo ambito. Dalla ricerca è emerso che:

  • i tablet sono destinati a diventare il focus predominante degli investimenti in ambito ICT per le PMI europee
  • l’adozione dei tablet dovrebbe aumentare dal 54% al 73% nel corso del prossimo anno
  • una percentuale sempre maggiore di PMI prevede prevede di aumentare l’utilizzo di soluzioni di cloud storage nel prossimo futuro
  • l’adozione di servizi cloud da parte delle PMI dovrebbe aumentare dal 44% al 60% nel corso dei prossimi dodici mesi
  • tra le aree prioritarie di investimento per le PMI figurano gli smartphone e i servizi 4G
«Le piccole e medie imprese rappresentano il motore dell’economia europea. Una previsione così positiva è incoraggiante, soprattutto in alcuni dei Paesi dell’Eurozona più in difficoltà», ha commentato Nick Jeffery, Chief Executive di Vodafone Group Enterprise. «È anche sorprendente notare come le aziende di tutta Europa condividano una visione comune che si concretizza in ulteriori investimenti nella tecnologia, fondamentali per la prosperità futura», ha aggiunto Jeffery.

 

Risorse:

The connected future for SMEs

Commenti Facebook: