Più cellulari che persone nel mondo con la diffusione dell’internet mobile

Le previsioni dell’ITU, l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite hanno fatto venire la pelle d’oca a molti: il numero degli abbonamenti alla telefonia mobile sottoscritti nel mondo supererà quello delle persone nel 2014.

 

 

Il futuro sorpasso rappresenta, senza ombra di dubbio, un evento di rilevanza storica sotto diversi punti di vista. Attualmente sono attivi nel mondo ben 6,8 miliardi di abbonamenti mobili su 7,1 miliardi di persone ma se il tasso di crescita demografica e quello relativo al benessere economico dei Paesi in via di sviluppo procederà come previsto, si arriverà al fatidico superamento.

Altri dati importanti sono stati evidenziati dall’ITU: il tasso di penetrazione della telefonia mobile è pari al 96%, nei paesi sviluppati il 128% e in quelli in via di sviluppo è l’89%. La Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), l’erede dell’ex Unione Sovietica, ha il più alto tasso di penetrazione della telefonia mobile con 1,7 abbonamenti per ogni individuo. Viceversa l’Africa registra il dato più basso, con 63 abbonamenti ogni 100 abitanti.

 
E la popolazione mondiale online?


Ovviamente a “rimpolpare” il tasso di diffusione dei cellulari e il conseguente numero di abbonamenti hanno contribuito decisamente gli smartphone e l’internet mobile. Nelle statistiche diffuse dall’ITU, infatti, appare chiaro come ben 2,7 miliardi di persone, circa il 40% della popolazione mondiale, siano online (sia tramite adsl che con il cellulare). Nei Paesi in via di sviluppo, il 31% della popolazione è online , rispetto al 77% dei paesi sviluppati.

L’Europa ha il primato del maggior tasso di accesso alla rete (75%) seguita dal continente americano (61%) mentre percentuali inferiori si registrano per Asia (32%) e Africa (16%). Gli uomini usano Internet più delle donne.

 

Internet e la suddivisione in generi 

Per quanto riguarda le divisioni di genere si registra che il 37% della popolazione femminile è online, contro il 41% della popolazione maschile : in termini assoluti 1,3 miliardi di donne contro 1,5 miliardi di uomini.

Infine, si pensi che nei Paesi in via di sviluppo si registrano 826 milioni di utenti  web di sesso femminile e 980 milioni di sesso maschile mentre in Occidente 475 milioni di utenti donne e 483 milioni uomini. Il divario di genere è più pronunciato nel mondo in via di sviluppo dove le donne accedono decisamente meno al web: il 16% contro solo il 2% del  “mondo sviluppato”.

Per trovare la giusta offerta per avere internet mobile sempre attivo sul tuo cellulare confronta tutte le offerte presenti sul nostro comparatore dedicato alla telefonia mobile.

Confronta tariffe Telefonia Mobile

 

 

Commenti Facebook: