Perché aumentano le bollette di luce e gas? Tutti i rincari di Maggio 2022

Materie prime alle stelle, “fame” energetica post Covid e guerra in Ucraina hanno fatto impennare i costi di luce e gas negli ultimi mesi. Su SOStariffe.it la radiografia dei rialzi in bolletta, la terapia del Governo e la cura per risparmiare.

Perché aumentano le bollette di luce e gas? Tutti i rincari di Maggio 2022

Rialzi record dei prezzi di luce e gas. Nei mesi a cavallo tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, le famiglie italiane hanno dovuto fare i conti con un caro-bolletta senza precedenti. Una stangata che per una “famiglia tipo” con contratto di Tutela (con 2.700 kWh di energia elettrica e 1.400 metri cubi di gas consumati all’anno) si è tradotta con un +55% in bolletta per la luce e un +41% per il gas in soli tre mesi (gennaio-marzo 2022).

Queste cifre testimoniano la situazione d’emergenza che sta tuttora affrontando il comparto energetico nazionale e internazionale. Di seguito la radiografia di SOStariffe.it delle principali cause del rialzo dei prezzi della materia prima, la terapia messa a punto dal Governo per arginare i rincari record, e la “cura” (nel breve e lungo termine) che aiuterà le famiglie italiane a centrare l’obiettivo del risparmio grazie alle offerte del Mercato Libero.

Per trovare le migliori promozioni di maggio 2022 è possibile affidarsi al comparatore online (gratuito) di luce e gas di SOStariffe.it disponibile al link qui sotto.

Scopri qui le migliori offerte di luce e gas »

Volano i prezzi della materia prima: le cause dell’impennata

PREZZI DEL GAS NATURALE ALLE STELLE: I COLPEVOLI
Aumento della domanda energetica per la ripresa post-pandemia
Volatilità delle materie prime energetiche per la guerra in Ucraina
Mancata attivazione del nuovo gasdotto Nord Stream 2
Ridotta produzione delle fonti rinnovabili (soprattutto quella eolica)
Minore capacità nucleare della Francia
Incremento dei consumi di gas naturale nei Paesi Asiatici

È la concomitanza di più fattori che ha scatenato la “tempesta perfetta” dei rialzi dei prezzi del gas naturale a cavallo tra fine 2021 e inizio 2022. In particolare:

  • aumento della domanda energetica mondiale dovuta alla ripresa post Covid-19;
  • volatilità delle quotazioni delle principali materie prime energetiche a causa della guerra in Ucraina;
  • difficoltà nelle filiere di approvvigionamento di energia elettrica e gas.

Quest’ultima voce è stata, a sua volta, causata da:

  • mancata attivazione del gasdotto Nord Stream 2 che collega Germania e Russia;
  • ridotta produzione di fonti rinnovabili (soprattutto di quella eolica);
  • ridotta capacità nucleare della Francia.

Già alla fine del 2021, prima del conflitto in Ucraina, ARERA aveva segnalato un aumento del prezzo spot del gas naturale al TTF (il mercato di riferimento europeo per il gas naturale) di quasi il 500% da gennaio a dicembre 2021, schizzato da 21 a 120 €/MWh nei valori medi mensili. Sempre secondo l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, il prezzo della CO₂ è più che raddoppiato nello stesso periodo, con un balzo da 33 a 79 €/tCO₂.

Dal momento che in Italia il mercato energetico dipende ancora in gran parte dal gas, «la crescita marcata dei costi del combustibile e della CO2 si è riflessa nel prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso (PUN) che, nello stesso periodo, è aumentato di quasi il 400% (da 61 a 288 €/MWh nei valori medi mensili)», spiegava ARERA in una nota ufficiale datata 30 dicembre 2021.

Prezzi alle stelle dettati anche dal fatto che la domanda di gas naturale per uso termoelettrico è stata particolarmente vivace in alcuni Paesi europei, sia per far fronte alla ridotta produzione delle fonti rinnovabili (soprattutto di quella eolica) sia per compensare la minore capacità di energia nucleare prodotta dalla Francia, abituale esportatrice di elettricità. Inoltre, la ripartenza dell’economia dopo la pandemia ha reso l’industria “affamata di energia”, indispensabile per garantire gli elevati ritmi di produzione attuali.

Le misure “salva-bollette” del Governo 

GLI INTERVENTI DEL GOVERNO CONTRO IL CARO BOLLETTE FINO A QUANDO VALGONO
Azzeramento oneri di sistema per luce e gas Fino al 30 giugno 2022
Riduzione al 5% dell’IVA per il gas Fino al 30 giugno 2022
Potenziamento del Bonus Luce e Gas Fino al 30 settembre 2022 (bonus integrativo); Fino al 31 dicembre 2022 (incremento tetto ISEE)
Rateizzazione delle bollette per i clienti in condizioni di morosità Fino al 30 giugno 2022

L’impatto del rialzo dei prezzi all’ingrosso è stato attenuato da una serie di interventi straordinari presi dal Governo, tra cui la riduzione degli oneri generali di sistema in bolletta fino a giugno, la riduzione Iva sul gas al 5% sempre fino a giugno e il potenziamento del bonus elettricità e gas, il cui tetto è passato da 8.265 euro a 12.000 euro.

Secondo ARERA, saranno più di 3 milioni le famiglie beneficiarie per il bonus elettrico e 2 milioni per il bonus gas. Per tutti questi nuclei familiari vale l’automatismo in vigore dal 2021: chi ne ha diritto troverà il bonus direttamente accreditato in bolletta, semplicemente effettuando la richiesta dell’ISEE. È invece necessario compilare la domanda per le riduzioni da disagio fisico (utilizzo di apparecchiature elettromedicali salvavita).

Prevista, inoltre, la possibilità di rateizzazione delle bollette di elettricità e gas emesse da gennaio a giugno 2022 per i clienti in condizioni di morosità (per un massimo di 10 mesi e senza interessi).

Boccata d’ossigeno in arrivo, ma le bollette restano “roventi”

BOLLETTA LUCE (1° luglio 2021 – 30 giugno 2022) BOLLETTA GAS (1° luglio 2021 – 30 giugno 2022)
948 euro sarà la spesa di una “famiglia tipo” 1.652 euro sarà la spesa di una “famiglia tipo”
L’aumento sarà di +83% rispetto ai 12 mesi precedenti L’aumento sarà di +71% rispetto ai 12 mesi precedenti

Nonostante le previsioni indichino un leggero calo dei prezzi di Tutela nel trimestre che si chiuderà il prossimo giugno (-10,2% per la luce e -10% per il gas), energia elettrica e metano continueranno a rappresentare uscite significative nei bilanci familiari: lo conferma ARERA nel suo aggiornamento trimestrale dei prezzi dell’energia, datato 30 marzo.

Secondo l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, una “famiglia tipo” con contratto di Tutela spenderà circa 948 euro nel periodo compreso tra il 1° luglio 2021 e il 30 giugno 2022, con un rialzo del +83% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° luglio 2020 – 30 giugno 2021). Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.652 euro, con un aumento del +71% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente.

Ecco perché alleggerire il peso delle bollette resta la parola d’ordine anche a Maggio 2022. Quali sono le migliori strade da percorrere per raggiungere l’obiettivo del risparmio?

  1. Affidarsi al Mercato Libero;
  2. Tenere d’occhio le promozioni più convenienti;
  3. Attivare una promozione Dual Fuel (stesso fornitore per luce e gas).

Grazie al suo tool digitale di comparazione, SOStariffe.it aiuta gli utenti a orientarsi nel mare di tariffe del comparto di luce e gas, così da individuare non solo le offerte più economiche, ma anche quelle che si adattano al proprio fabbisogno.

Come risparmiare a Maggio 2022?

SOLUZIONI PER RISPARMIARE QUALI SONO BENEFICI
Scegliere il Mercato Libero Il costo della materia prima di energia elettrica e gas è inferiore rispetto al prezzo nel mercato Tutelato
Confrontare con frequenza le offerte Con il comparatore di SOStariffe.it si trova l’offerta su misura per il proprio portafogli e in linea con il proprio fabbisogno
Valutare l’opzione Dual Fuel Molti fornitori offrono sconti all’attivazione di un unico contratto di fornitura per entrambe le utenze

Per chi è ancora in un regime di Maggior Tutela, scegliere il Mercato Libero è un passaggio essenziale per poter ridurre le spese di luce e gas, sia nel breve che nel lungo periodo. Passando alle migliori offerte del Mercato Libero, gli utenti potranno accedere a un costo più basso della materia prima e, quindi, a un risparmio in bolletta. Anche chi ha già optato per il Mercato Libero ha la possibilità di tenere d’occhio i costi, con la possibilità di cambiare fornitore e passare a una tariffa più conveniente. Consultare periodicamente le tariffe, confrontandole con il costo di energia e gas applicato dall’attuale fornitore o gestore, permette di trovare le soluzioni più vantaggiose.

Per scoprire le migliori offerte luce del momento è possibile affidarsi alla comparazione delle offerte disponibile al link qui di sotto. Basta indicare una stima del proprio consumo, oppure calcolarla con l’apposito tool, per individuare subito l’offerta più conveniente tra le tante opzioni disponibili sul mercato. Una volta scelta l’offerta giusta, infine, si potrà procedere con l’attivazione online, raggiungendo il sito del fornitore. Per attivare un nuovo contratto è sufficiente indicare i dati anagrafici dell’intestatario e il codice POD presente nell’ultima bolletta della luce.

Scopri qui le offerte luce più convenienti di maggio 2022 »

Anche per il gas è possibile affidarsi alla comparazione delle offerte, accessibile dall’apposita sezione del comparatore linkata di seguito. Per individuare l’offerta giusta è necessario fornire una stima del proprio consumo (il dato è riportato in bolletta oppure può essere calcolato con il tool del comparatore). Per attivare un nuovo contratto, invece, basta fornire i dati anagrafici dell’intestatario e il codice PDR della fornitura, riportato nell’ultima bolletta.

Scopri qui le offerte gas più convenienti di maggio 2022 »

La via del risparmio passa anche dall’attivazione di una tariffa di tipo Dual Fuel, che consiste in un’offerta luce e gas con lo stesso fornitore. Le tariffe “a doppio carburante” possono essere un’opzione economica: diversi gestori di energia offrono infatti sconti all’attivazione di entrambe le utenze. Questo tipo di offerte può essere adatto a molti utenti, ma non a tutti: ecco perché, di fronte al ventaglio di possibilità, la comparazione online (disponibile tramite l’App di SOStariffe.it per Android e iOS) aiuta a scoprire le offerte più vantaggiose a disposizione, in base ai propri consumi.

Per assistenza, gratuita e senza impegno, nella scelta è possibile affidarsi al servizio di consulenza di SOStariffe.it, disponibile al numero 02 5005 111.