Pensione, età e metodi di calcolo

Pensione contributiva o retributiva? Pensione di anzianità o di vecchiaia? Alla pensione anticipata chi può accedere? A che età si può andare in pensione oggigiorno? Orientarsi nel mondo pensionistico è sempre difficile e, per questo motivo, SosTariffe.it vi offre una mini guida con una serie di definizioni utili per chi vuole capire come funziona il sistema previdenziale in Italia.

pensione calcoli e età necessaria
Ecco una mini guida alle pensioni in Italia

Pensione contributiva o retributiva: la differenza

La differenza principale tra la pensione contributiva e quella retributiva è il metodo di calcolo:

  • Nella pensione retributiva il calcolo è una percentuale, rapportata alla media di retribuzione percepita durante gli ultimi anni di lavoro.
  • Nella pensione contributiva, il calcolo si basa sull’ammontare totale dei contributi versati durante tutta l’attività lavorativa.

Va applicato uno o l’altro sistema (o un mix tra entrambi) secondo l’anno in cui è entrata in vigore la nuova legge e la situazione retributiva del lavoratore in quel periodo.

La pensione contributiva, introdotta con la riforma Dini (legge n. 335 del 1995) è stata poi successivamente modificata (legge n. 449 del 1997; riforma Maroni del 2004) modificando completamente il sistema pensionistico italiano, sostituendo sempre di più il sistema retributivo.

Rientro nel calcolo retributivo o contributivo?

  • Nel sistema retributivo: se prima del 31 dicembre del 1995 avevi già versato 18 anni di contributi;
  • Nel sistema contributivo: se dal 1 gennaio 1996, non hai raggiunto i 18 anni di contributi versati prestabiliti dalla legge.

In certi casi viene applicato un sistema pensionistico definito “pro – rata”, che non è altro che un mix tra entrambe le tipologie di calcolo.

Pensione di vecchiaia o anticipata (ex anzianità)?

La pensione di vecchiaia è richiedibile dopo aver versato almeno 20 anni di contributi e raggiunta una certa età:

  • Uomini: 66 anni e 3 mesi di età (dal 2016 diventeranno 66 anni e 7 mesi);
  • Donne: secondo il settore di impiego:
    • Pubblico: 66 anni e 3 mesi (66 anni e 7 mesi dal 2016);
    • Autonome: 64 anni e 9 mesi (66 anni e 1 mese dal 2016);
    • Privato: 63 anni e 9 mesi (65 anni e 7 mesi dal 2016).

A partire dal 2016, a causa dell’incremento della speranza di vita in Italia, per raggiungere la pensione anticipata bisogna aspettare altri 4 mesi (come indicato tra parentesi qui sopra).

La pensione anticipata invece è richiedibile a prescindere dall’età anagrafica, al raggiungimento dei seguenti anni di contributi:

  • Donne: 41 anni e 6 mesi di contributi;
  • Uomini: 42 anni e 6 mesi di contributi.

Infine, ricordiamo che grazie all’emendamento Gnecchi-Damiano fino al 2017 non si verificheranno più penalizzazioni per coloro che richiedano la pensione anticipata prima dei 62 anni.

Conti correnti per percepire la pensione

Sin dal 2011, per decisione del Governo Monti, per percepire una pensione di oltre 1.000 euro al mese è necessario l’accredito su un conto corrente. Attualmente è in studio l’innalzamento del tetto ai contanti (probabilmente a 3.000 euro), ma finora non c’è niente di definitivo e quindi chi andrà in pensione dovrà essere dotato di un conto.

Il famoso conto di base, promosso da Monti all’epoca, è presente nella maggior parte delle banche ma non necessariamente è il più conveniente, dato che molti altri conti prevedono costi più bassi e maggiori benefici, come ad esempio l’operatività da casa o un tasso d’interesse più elevato.

Per questo motivo, prima di recarsi in banca per aprire un qualsiasi conto di base, consigliamo al lettore di consultare gratuitamente il nostro comparatore, utilizzando il filtro creato appositamente per “Pensionati” reperibile qui sotto:

Migliori conti per pensionati

Così, sarà possibile identificare quei conti correnti che, pur non essendo esclusivi per questa categoria di cliente convengono perché offrono una maggior operatività a costi spesso più contenuti, anche per chi vuole operare in filiale e non su Internet.

Commenti Facebook: