Patente moto e scooter: come ottenere la A1

Dai 16 anni in su i figli iniziano a reclamare uno scooter se non una moto. Da quell’età infatti, la legge permette ai ragazzi di ottenere la patente A1 e di guidare veicoli come la MT-125 di Yamaha, con prestazioni adatte alla giovane età del conducente. Cosa può fare un genitore per aiutarli? Sicuramente informarsi su come ottenere la patente A1, sulle modalità di svolgimento dell’esame, sulle pratiche da sbrigare, e ultimo ma non meno importante sull’assicurazione da stipulare.

Come ottenere la patente per moto e scooter dai 16 anni in su

Non è raro che i figli attorno ai 16 anni chiedano ai propri genitori uno scooter o una moto in regalo. Con il successo dei moderni scooter, nonché della nuova MT-125 di Yamaha (una moto dalle linee moderne guidabile anche dai più giovani) diventa indispensabile per i genitori sapere come far ottenere ai propri figli la patente A1, oppure – a seconda dell’anno di conseguimento e della potenza del mezzo -la patente A2 o A3.

Pratiche burocratiche

Innanzitutto bisogna compilare il modello TT 2112 scaricabile anche dal portale dell’automobilista ed effettuare i seguenti versamenti su bollettino rilasciato dalla Motorizzazione Civile:

  • 16 Euro sul cc n. 4028;
  • 24 Euro sul cc n. 9001 + 1,78 Euro di tasse.

Effettuato il pagamento occorre consegnare alla Motorizzazione due fototessere, un’autocertificazione di residenza in duplice copia, due copie del documento d’identità e due del vostro codice fiscale. A questo punto bisogna munirsi di un certificato medico in bollo da 16 Euro con foto vidimata dal medico (attenzione: il certificato deve essere risalente agli ultimi 3 mesi) e fotocopiarlo; tale certificato può essere richiesto alla ASL al costo di 20 Euro esibendo il certificato anamnestico rilasciato dal medico di famiglia.

Consegnati i documenti alla Motorizzazione Civile potrete affrontare l’esame teorico: solo dopo averlo superato potrete ottenere il foglio rosa necessario per affrontare le prime guide ed accedere alle prove pratiche d’esame. La prenotazione dell’esame pratico ha un costo di 16 Euro da versare su cc n. 4028 + 1,78 di tasse.

Esame teorico e pratico

L’esame teorico per ottenere la patente A1, A2 o A3 è identico a quello sostenuto per le alte patenti auto e moto, la preparazione teorica non differisce: l’unica accortezza è studiare su libri di testo aggiornati alle nuove norme del Codice della Strada. Per affrontare l’esame pratico per la patente A1 moto o scooter bisogna munirsi di abbigliamento adatto: casco integrale, giacca con protezioni omologate, protezioni per le ginocchia, guanti, scarpe chiuse e pantaloni lunghi.

Prima di recarsi all’esame pratico è bene ripassare la posizione dei comandi scooter e moto, la postura e i nomi delle parti della moto. Prima di iniziare ricordate di mettere la moto o lo scooter sul cavalletto e sollevarlo per partire, dopodiché sarà l’esaminatore a chiedervi quali manovre o esercizi effettuare.

Esercizi e prove su strada

L’esame pratico per ottenere la patente A1 per moto o scooter prevede prove su strada sulle quali potete esercitarvi (magari assistiti da un familiare) per arrivare preparati. Essenziale è la prova frenata: l’esercizio viene effettuato ad una velocità di 30 km/h e per la patente A1 il corridoio di lancio è di 60 m. Nella prova corridoio stretto per ottenere la patente A1, dovrete percorrere ala stessa velocità un corridoio lungo 45 m e largo 1,10.

Molto importante è la prova di equilibrio. La prova di equilibrio prevede uno slalom tra cinque birilli posti a quattro metri di distanza l’uno dall’altro per la patente A1 per un corridoio largo 2,2 metri. La prova termina con una curva delimitata da un birillo al centro e 5 birilli all’esterno. Infine, c’è il superamento di un ostacolo.

Nel superamento di un ostacolo (quattro coni) viene fatta raggiungere una velocità di 30 o 50 km/h per un corridoio di 44 metri. Giunti a 15 metri di distanza dall’ostacolo, bisogna rallentare schivandolo passando indifferentemente alla sua destra o alla sua sinistra. Essenziale per il superamento della prova è non toccare mai gli ostacoli e non uscire dal circuito tracciato.

Terminati questi esercizi l’esaminatore approfondirà la vostra conoscenza delle norme del Codice della Strada con una prova pratica di circolazione.

Assicurazioni moto e scooter

Trovare un’assicurazione economica per neopatentati non è semplice, notoriamente infatti, quella dei neopatentati è la categoria più svantaggiata in relazione ai costi Rc moto, una pena sofferta a causa dell’inesperienza del conducente. Inoltre, il rischio che si affronta guidando uno scooter o una moto è maggiore rispetto a quello calcolato dall’assicurazione per chi guida un’auto, per questo le assicurazioni moto e scooter hanno un costo più elevato.
Confronta preventivi RC moto

Come risparmiare sull’assicurazione moto e scooter?

Si può iniziare confrontando le tariffe delle assicurazioni moto online che offrono promozioni e sconti anche per i neopatentati. Una volta trovata l’assicurazione più economica si può richiedere alla compagnia di usufruire dei benefici concessi dalla Legge Bersani. La Legge Bersani è venuta incontro ai neopatentati permettendo di accedere alla stessa classe di merito di un altro componente della proprio nucleo familiare, presente nello stato di famiglia all’acquisto di un veicolo nuovo o usato simile (auto-auto o moto-moto).
Confronta assicurazioni auto

Commenti Facebook: