Parlamento UE chiede conto base per tutti e più costi trasparenti

Il Parlamento UE ha chiesto che il famoso conto base sia accessibile a tutti, e i suoi costi più trasparenti. Secondo il Parlamento, tutti coloro che risiedono legalmente nell’UE dovrebbero avere il diritto di aprire un conto corrente di base, a prescindere della loro nazionalità o paese di residenza. Adesso il Parlamento sottoporrà un nuovo testo sui conti di base agli Stati membri dell’UE.

conto di base le migliori proposte
Conto di base per tutti: ecco cosa ha chiesto il Parlamento UE

In questi giorni il Parlamento Europeo ha adottato un testo sul conto corrente di base, affermando che chiunque risieda legalmente nell’UE dovrebbe avere il diritto di aprirlo, a prescindere della nazionalità o del luogo di residenza del cittadino.

Nel nuovo testo, che sarà sottoposto adesso agli Stati membri dell’UE, il Parlamento Europeo ha chiesto anche una maggior trasparenza nei costi, e la possibilità di passare facilmente da un conto a un altro con condizioni migliori.

Conto di base per tutti

Nella realtà odierna, i consumatori e i commercianti sono dipendenti dall’accesso ai moderni prestatori dei servizi di pagamento – ha affermato Jürgen Klute (GUE/NGL, DE) – Fornire servizi di pagamento elettronico non è molto oneroso e può agevolare la vita dei consumatori, incrementare l’efficienza aziendale e contribuire a modernizzare le nostre economie”.

“Il Parlamento pertanto – continua Klute – ritiene si debba urgentemente richiedere alle banche di fornire questi servizi e consentire ai consumatori di operare scelte consapevoli. Il Parlamento ha affrontato prontamente la questione e spetta ora agli Stati membri dell’UE fare altrettanto, in modo che entro la primavera prossima si possano concludere i lavori”.

Il Parlamento insiste perché tutte le banche offrano un conto corrente di base, i quali devono poter essere aperti da chiunque risieda legalmente nell’UE, e il prestatore dei servizi non potrà rifiutarsi.

Confronto conti correnti: un sito web indipendente in ogni Stato UE

Il Parlamento ha insistito anche sulla possibilità di aver accesso ad un servizio indipendente di confronto conti correnti. Le informazioni, si legge nel testo, devono essere chiare e standardizzate in tutta l’UE.

In ogni Stato membro ci deve essere almeno un sito web indipendente di confronto tariffe, che spieghi con chiarezza le tariffe applicate, gli interessi pagati dalle banche, e tutti i servizi offerti.

In Italia un servizio del genere è attualmente offerto da SosTariffe.it, con il nostro comparatore indipendente che consente di individuare facilmente le proposte più adatte alle proprie esigenze.

Confronto Conti Correnti

Caratteristiche del conto di base

Secondo i deputati del Parlamento UE, un conto bancario di base deve essere offerto da tutte le banche ed avere le seguente caratteristiche:

  • consentire i versamenti e prelievi in zona UE;
  • eseguire operazioni di pagamento all’interno dell’UE, senza permettere alcuno scoperto;
  • applicare spese più basse rispetto agli altri conti forniti dalla banca;
  • consentire il trasloco del conto corrente, pagando una penale ragionevole.

Infine, le banche devono aggiornare tutti i dettagli del conto di pagamento ed essere considerate responsabili per eventuali ritardi o perdite, in caso di mancato rispetto di detti obblighi.

 

Commenti Facebook: