Pagamento online, cresce il micropagamento in Italia

L’Italia è uno dei paesi europei dove più velocemente sta crescendo l’uso di sistemi di micropagamento online. Il 45% degli italiani ha almeno sentito parlare di micropagamenti, ovvero l’acquisto online di bene o servizi di valori inferiori ai 10 euro, e il 54% ha già effettuato una di queste transazioni, anche senza saperlo. Ma quanto sono sicuri questi sistemi?

I pagamenti online rappresentano oggi una valida alternativa allo shopping tradizionale presso i negozi. In Europa nel 2011 circa il 70% delle persone tra i 20 e i 59 anni ha preferito acquistare su Internet.

Secondo un’indagine di Hi-Media/Harris Interactive, il nostro Paese è all’avanguardia nell’impiego del micropagamento online.

Malgrado alcuni ritardi tecnologici che si evidenziano in Italia, come la scarsa presenza della banda larga, la predisposizione all’uso di questi sistemi è alta. Almeno il 45% degli utenti internet intervistati aveva un’idea, purché minima, riguardo ai micropagamenti. Il 30% invece sapeva esattamente di cosa si tratta.

Curiosamente, il 54% degli interpellati hanno già utilizzato il sistema del micropagamento, alcuni evidentemente senza saperlo, sopratutto nel settore della telefonia mobile.

Confronta Tariffe Telefonia Mobile

Gli italiani inoltre sembrano molto soddisfatti di questo sistema. Tra quelli che l’hanno già impiegato, l’85% vorrebbe utilizzarlo di più, e il 93% lo consiglierebbe a parenti ed amici, il percentuale maggiore rispetto gli altri Paesi presi in considerazione nell’indagine (Germania, Francia, Spagna, Brasile e Stati Uniti).

Micropagamenti: come pagare e cosa acquistare?

Per i micropagamenti, il 63% degli utenti utilizza la carta di credito. Tra coloro che non la vogliono impiegare, magari per motivi di sicurezza, il 72% si serve di carte prepagate e portafogli elettronici (PayPal e Allopass, ad esempio).

Seguono i bonifici bancari e i pagamenti eseguiti tramite addebito sul conto corrente, telefonico o virtuale. Nel nostro Paese la maggior parte delle transazioni riguardano la musica (42%), gli ebook (34%) e i giochi online (30%), in linea con il resto dei paesi considerati nello studio.

Dai tipi di acquisti preferiti si evidenza che la maggior parte degli utenti esegue le transazioni tramite internet mobile, dato che si tratta di prodotti che sono utilizzati sugli smartphone o tablet.

Confronta Tariffe Internet Mobile

In media gli italiani spendono 28 euro al mese, un po’ di più rispetto la media degli altri paesi.

Sicurezza dei pagamenti online

Gli acquisti online oggi sono diventati molto più sicuri rispetto gli anni precedenti, anche se il fenomeno del phishing continua a verificarsi.

Le grande compagnie di credito, quali Mastercard o Visa, hanno collaborato a sviluppare dei metodi per garantire ai consumatori gli acquisti sicuri.

In questa maniera, esistono siti web più sicuri di altri, che è opportuno imparare a riconoscere. Una connessione sicura ad esempio si riconosce dalla presenza del prefisso “https://” all’inizio dell’URL, e da un lucchetto posto nella barra di stato del navigatore.

Esiste anche il Secure Electronic Transation, un protocollo che obbliga il venditore ad avere un server sicuro, dotato di un particolare software, e all’utente a proteggersi con un codice PIN comunicato dalla compagnia emittente della carta di credito. Questa metodologia è usata da Mastercard e Visa.

I migliori siti di e-commerce, inoltre, sono contraddistinti dal “Certificato Digitale”, un marchio che troverete sul sito. In più, se si tratta di un sito italiano, cercate sempre la partita IVA dell’azienda, che deve essere sempre esplicitata.

Infine, la sottoscrizione di abbonamenti ASDL o tariffe energia elettrica online sono operazioni molto sicure, che potete eseguire con totale tranquillità.

Confronta Tariffe ADSL

Commenti Facebook: