Pagamenti Contactless: tutte le migliori modalità per i pagamenti a distanza

Pagamenti Contactless: tutte le migliori modalità per i pagamenti a distanza, come funzionano e quali sono i conti correnti che consentono di sfruttare al meglio questa opportunità.

Parliamo di Pagamenti Contactless

Non solo home banking e e-commerce: da qualche tempo esistono sul mercato soluzioni per effettuare le transazioni di denaro e gestire il proprio patrimonio dal proprio smartphone, in tutta flessibilità e semplicità. Una delle rivoluzioni più affascinanti è sicuramente quella portata dai pagamenti contactless, che offrono la possibilità di lasciare a casa il classico portafoglio e pagare con il proprio dispositivo cellulare.

In questo articolo esploriamo tutte le migliori modalità per i pagamenti a distanza, come funzionano e quali sono i conti correnti attualmente disponibili sul mercato in Italia che consentono di sfruttare al meglio questa opportunità.

Pagamenti Contactless: cosa sono

Da alcuni anni, le nuove tecnologie ci permettono di sostituire il classico portafoglio fisico con soluzioni per il pagamento sempre a portata di smartphone: parliamo dei pagamenti contactless. Ciò che fa di questo sistema di pagamento profondamente rivoluzionario è l’utilizzo dello smartphone al posto delle tradizionali carte di pagamento oppure del denaro contante per effettuare la transazione desiderata.

In generale, i pagamenti contactless possono essere inclusi all’interno di un sistema di servizi che viene definito sotto il nome di mobile payment, che comprende tutte le modalità di pagamento o trasferimenti di denaro tramite telefono cellulare. Esplorando nel dettaglio questo campo, scopriamo infatti che quando si parla di questo tema si fa riferimento ad una serie di modelli diversi, ovvero:

  • Mobile Remote Payment, ovvero i servizi che permettono di effettuare in remoto un pagamento attraverso il proprio smartphone, come nel caso di piattaforme sviluppate per ottimizzare le transazioni con navigazione mobile oppure app dedicate;
  • Mobile Commerce, per procedere la selezione e l’acquisto di un prodotto o servizio tramite e-commerce simile a quello disponibile da desktop, utilizzando la navigazione specifica da mobile oppure attraverso una app dedicata;
  • Mobile Money Transfer, per il trasferimento di denaro tra utenti diversi, sia a distanza con SMS, sia con app apposite, oppure in prossimità con la tecnologia Bluetooh;
  • Mobile Proximity Payment, cioè tutti i servizi che permettono di attuare un pagamento elettronico in prossimità fisica tra la persona che effettua l’acquisto e il venditore del bene o del servizio. In questo modello, lo smartphone prende il posto delle classiche carte di pagamento.

Detto questo, i pagamenti contactless appartengono al modello del Mobile Proximity Payment. Nella sezione che segue approfondiamo nel dettaglio come funzionano.

Pagamenti Contactless: come funzionano

 Abbiamo già chiarito che i pagamenti contactless sono tutte le tecnologie che consentono di effettuare un acquisto avvicinando fisicamente il dispositivo mobile della persona e quello del venditore di un bene o servizio.

Innanzi tutto, un concetto molto importante che si lega al funzionamento dei pagamenti contactless è quello di wallet. Il wallet (dall’inglese, portafoglio) è un vero e proprio borsellino su smartphone, così come indica il termine inglese adottato. In pratica, si tratta di un’app sviluppata appositamente per permettere questa modalità di pagamento. I wallet per il pagamento contactless più popolari in Italia sono:

  • Google Pay, utilizzabile esclusivamente dagli utenti che posseggono uno smartphone con sistema operativo Android. Per attivare il servizio, è necessario installare l’app dopo averla scaricata dallo store e registrare i dati delle proprie carte di pagamento. Inoltre con Google Pay è possibile utilizzare anche i ticket elettronici;
  • Apple Pay è l’equivalente di Google Pay per i proprietari di dispositivi Apple (iPhone, iPad, Apple Watch e così via). Per utilizzarlo non è necessario scaricare l’app, in quanto Apple Pay è già installata di default su tutti i dispositivi del brand. Grazie a tecnologie di ultima generazione, con Apple Pay potrete autorizzare il pagamento direttamente con il Touch ID o riconoscimento facciale;
  • Samsung Pay è il sistema di mobile payment per i proprietari di dispositivi Samsung.

Avrete notato come queste soluzioni fanno capo ai principali player del mercato dei servizi mobile a livello globale. Esistono però alternative sviluppate in Paesi europei oppure in Italia, come N26, Revolut, Hype e Satispay. Queste sfruttando tecnologie alternative. Ne vediamo una panoramica qui di seguito: 

  • tecnologie NFC (Near Field Communication), permettono di completare la transazione avvicinando il dispositivo mobile al POS grazie ad una specifica banda di radio frequenza. È la tecnologia adottata da Apple Pay, Samsung Pay, PosteMobile, PayGO di Intesa Sanpaolo, Nexi Pay e Google Pay;
  • codici bidimensionali, ad esempio QR Code e Data Matrix, utilizzati dai servizi offerti da Mobysign, Autogrill, Coop Liguria, Iper e Eni Pay;
  • geocalizzazione e numero di cellulare, ad esempio nel caso di Satispay.

App per i pagamenti contactless come quelle di Satispay sono generalmente legate ad un servizio di conto corrente bancario o di carta di pagamento.

Pagamenti Contactless: conti correnti

Abbiamo già chiarito che per eseguire un pagamento in modalità contactless è necessario registrare i dati della propria carta di pagamento o conto corrente bancario all’interno di un’apposita app su smartphone. Oltre a Apple Pay, Google Pay oppure Samsung Pay, in Italia potrete scegliere anche tra altri servizi simili sviluppati da aziende diverse.

Ecco quali sono le principali soluzioni conto corrente che permettono di effettuare  , vediamo le soluzioni conto corrente e carte di Revolut, N26, Buddybank e Hype.

1. Revolut

Revolut è stata lanciata nel luglio 2015 con l’obiettivo di trasformare la gestione del proprio denaro. Alla base di Revolut, vi è il concetto di avere sotto controllo la propria vita finanziaria grazie ad un’unica app, che permette di registrare la spesa ordinaria di tutti i giorni, la gestione del budget, il cambio in valuta estera, fino al trading agevole sul mercato.

Per attivare questo servizio, è necessario semplicemente effettuare il download dell’app dedicata dallo store Android oppure Apple, a seconda del modello del vostro smartphone, e seguire i passaggi indicati.

I piani tra cui scegliere sono:

  • conto Standard, a canone zero;
  • conto Premium, al costo di 7,99 Euro/mese;
  • conto Metal, al costo di 13,99 Euro/mese.

Scopri il conto Revolut
2. N26

N26 una delle migliori opzioni per chi è ricerca di un servizio 100% digitale che permetta una gestione rapida, semplice e sicura del proprio conto corrente da smartphone.

N26 offre tre piani a costi e servizi diversi:

  • N26 Standard, a zero Euro al mese, con carta di debito Mastercard, pagamenti gratis in qualsiasi valuta, prelievi gratis in Euro, commissione dell’1,7% sui prelievi in valuta estera, supporto clienti in 5 lingue e due spazi attivi per risparmiare con l’opzione Spaces;
  • N26 You, al costo di 9,90 Euro/mese, con i servizi del conto corrente N26 Standard, oltre che 10 spazi attivi da utilizzare con Spaces, condivisione degli spazi Spaces con un massimo di 10 clienti N26, possibilità di associare al conto una carta extra, sconti da partner selezionati, assicurazione di emergenza medica in viaggio, per il ritardo volo e bagaglio, per lo sci e lo sport, per l’auto, bici, scooter, monopattini elettrici in sharing;
  • N26 Metal, al costo di 16,90 Euro/mese, include i servizi presenti per le soluzioni Standard e You, oltre che aggiuntive polizze assicurative comprese, ovvero furto e danni smartphone e noleggio auto in viaggio.

Scopri il conto N26
3. Buddybank

Con questo conto corrente avrete un servizio sviluppato appositamente per l’utilizzo da smartphone e altri dispositivi grazie all’app mobile. Per aprire il conto Buddybank, vi basterà scaricare l’app sul vostro smartphone e richiedere, in caso di necessità, il servizio di assistenza sempre disponibile, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, durante tutto l’anno, tramite la chat online.

All’interno della proposta a canone zero, sono inclusi ogni mese:

  • bonifici SEPA ordinari;
  • prelievi da tutti gli ATM del Gruppo UniCredit nel Mondo;
  • servizio di assistenza sempre a vostra disposizione;
  • canone della carta di debito internazionale;
  • versamenti contanti su ATM evoluti UniCredit;
  • ricariche telefoniche, bollettini e altri pagamenti (es. BCILL, pagoPA, bollo auto e moto, MAV/RAV/REP).

È disponibile anche il modulo Buddybank Love al costo di 9,90 Euro/mese, anziché 14,90 Euro/mese. L’offerta, che può essere facilmente attivata e disattivata tramite l’app da cui gestire il conto, comprende:

  • zero commissioni di prelievo da tutti gli ATM del mondo;
  • canone annuo della carta di credito Buddybank Mastercard World Elite new;
  • bonifici SEPA istantanei senza commissioni;
  • servizio di lifestyle concierge Q U I N T E S S E N T I A L L Y.

Con il modulo Buddybank love potrete usufruire in esclusiva dei servizi di concierge d’eccellenza Q U I N T E S S E N T I A L L Y, tra cui salute e fitness, pianificazione di viaggi, assistenza casalinga e consegne, babysitting e intrattenimento personalizzato.
Scopri il conto Buddybank

4. Hype  

Per tutti quelli alla ricerca di una soluzione per effettuare pagamenti contactless, Hype è certamente tra le proposte più innovative presenti nel campo dei pagamenti online. Grazie ad Hype, potrete gestire il vostro denaro in modo semplice e veloce direttamente dal vostro smartphone. Per l’attivazione, sono sufficienti 5 minuti online attraverso desktop, portatile, tablet o cellulare, per iOS e Android.

Hype propone tre piani di utilizzo, a costi differenti:

  • Hype Start, con canone annuo zero e zero costi di attivazione;
  • Hype Plus, con canone annuo pari a 12 Euro e zero costi di attivazione;
  • Hype Premium, con canone annuo pari a 118,80 Euro, oltre che 9,90 Euro per l’attivazione.

Scopri il conto Hype

Commenti Facebook: