P2P a rischio in Spagna

E’ notizia di questi giorni, direttamente dal quotidiano spagnolo “El Pais”, che il peer-to-peer è a rischio in Spagna dopo le ultime decisioni del governo spagnolo.

Il governo Zapatero, infatti, ha deciso di seguire la scia delle decisioni francesi a riguardo decidendo di attaccare non gli utenti, come invece si è riproposta l’Hadopi francese, ma colpendo direttamente i siti che consentono il download illegale.

E’ così nata a riguardo la Comisión de Propriedad Intelectual, la quale deciderà la sorte dei siti senza dover passare dalla decisione di un giudice.

Il mondo web spagnolo ha risposto con moltissime proteste e con il “Manifesto in difesa dei diritti fondamentali su Internet” a cui hanno già aderito moltissime persone.

ia di questi giorni, direttamente dal quotidiano spagnolo “El Pais”, che il peer-to-peer è a rischio in Spagna dopo le ultime decisioni del governo spagnolo.

Il governo Zapatero, infatti, ha deciso di seguire la scia delle decisioni francesi a riguardo decidendo di attaccare non gli utenti, come invece si è riproposta l’Hadopi francese, ma colpendo direttamente i siti che consentono il download illegale.

E’ così nata a riguardo la Comisión de Propriedad Intelectual, la quale deciderà la sorte dei siti senza dover passare dalla decisione di un giudice.

Il mondo web spagnolo ha risposto con moltissime proteste e con il “Manifesto in difesa dei diritti fondamentali su Internet” a cui hanno già aderito moltissime persone.

Commenti Facebook: