Orari risparmio Energia elettrica: la convenienza dei consumi in Fascia H2

Se il vostro ritmo di vita vi allontana da casa durante la maggior parte della giornata, potete beneficiare della convenienza delle tariffe biorarie dell’energia elettrica. Concentrando i vostri consumi negli orari agevolati, noti come Fascia F2/F3, potete risparmiare oltre 60€ all’anno.  Più spostate il vostro consumo verso queste fasce, più risparmierete. Scoprite come.

tariffe biorarie
Vale la pena attivare una tariffa bioraria della luce?

Sul Mercato Libero dell’Energia Elettrica, vi è una vasta offerta di tariffe biorarie, che consentono ai consumatori più attenti di risparmiare cifre considerevoli sulle bollette della luce.

SosTariffe.it ne ha parlato abbastanza in precedenza, e ha condotto diverse indagini sulla convenienza dell’opzione bioraria in Italia.

Tuttavia, sono ancora relativamente pochi gli italiani che approfittano del risparmio economico che si ottiene, grazie all’offerta bioraria, spostando i consumi energetici verso la notte, i weekend e i fine settimana .

Il vantaggio delle tariffe biorarie non si ottiene, non solo perché molti italiani non cambiano fornitore e pagano una tariffa monoraria, anche quando non gli conviene; il peggio della situazione, è che in molti attivano una tariffa bioraria, spinti dalla pubblicità o dai tanti studi online che parlano sulla sua convenienza, ma non sanno spostare i consumi elettrici come dovrebbero per trarne profitto.

In effetti, secondo lo studio di SosTariffe.it, condotto su un campione di 280mila utenti – consumatori, che hanno usato il comparatore delle offerte per l’energia elettrica tra agosto 2011 e gennaio 2012, la ripartizione annua dei consumi attuale in Italia è del 53,99% in fascia H1 (o F1, giorno), e solo del 46,01% in fascia H2 (nota anche come F2/F3, ovvero notte, festivi e fine settimana).

Questo punto è chiave, perché con la tariffazione bioraria il risparmio si ottiene spostando almeno il 66% dei consumi in fascia H2. Altrimenti, si è in sovrapprezzo.

Vediamo un esempio pratico. Utilizzando il comparatore gratuito di SosTariffe.it possiamo vedere che, nel caso di una fornitura residenziale con potenza contrattuale di 3 kW e consumo annuo di 2700 KW (ovvero i parametri standard per una famiglia italiana tipo), se la ripartizione del consumo energetico è di 50% giorno e 50% notte e festivi, le tariffe più convenienti sono monorarie.

Comparatore con Consumo 50:50

In particolare, in queste condizioni, conviene attivare la tariffa E-Light monoraria di Enel Energia, che consente il risparmio di circa 58€ all’anno rispetto la Tariffa a Maggior Tutela Bioraria (quella che si applica a tutti coloro che non sono mai passati al mercato libero, e che rappresenta una spesa annua di 528,13€).

Vai a E-Light Monoraria di EnelA

Soltanto al terzo posto compare una tariffa bioraria, Amica Web Flat di Illumia, che garantisce un risparmio di 44€ annui circa.

Se proviamo di seguito a spostare di più i consumi energetici verso la fascia F2, in proporzione di 60:40, la situazione non cambia molto.

Comparatore con Consumo 60:40

In questo caso, rimane sempre più conveniente la tariffa E-Light Monoraria di Enel Energia anziché una tariffa bioraria.

In effetti, questi confronti confermano i risultati osservati nell’indagine di SosTariffe.it che menzionavamo in precedenza. Secondo lo studio, per ottenere un effettivo risparmio con le tariffe biorarie, occorre spostare i consumi ancora di più verso la fascia F2, almeno in un 66%.

Così facendo, si colloca al primo posto in materia di convenienza la tariffa Web Luce Bioraria di Edison, che consente un risparmio di 55€ rispetto la tariffa AEEGSI.

In questa maniera, è evidente che le tariffe biorarie sono convenienti, sempre che le famiglie siano in grado di spostare i propri consumi energetici verso le ore più agevolate, ovvero dalle 19.00 alle 08.00 nei giorni feriali, oppure durante i weekend e i festivi.

Come spostare i consumi in Fascia F2?

Questo può significare un cambiamento di abitudini importanti per alcune famiglie, che comunque è necessario, dato che porta a risultati soddisfacenti.

Per spostare i consumi, una delle pratiche più utilizzate dagli italiani è la programmazione notturna della lavatrice. In effetti, attualmente molti di questi apparecchi includono la funzionalità di programmare la partenza del ciclo di lavaggio ad una determinata ora.

In questa maniera, si può programmare la partenza ad esempio alle 06.00 am, assicurandosi  così che l’intero ciclo di lavaggio finisca prima dalle 08.00 am, stendendo i panni a prima mattina.

Naturalmente, se la vostra lavatrice non prevede questa funzionalità, potete sempre effettuare il lavaggio dopo le 19.00, stendendo i panni di notte.

Se siete da soli o in pochi, probabilmente sia più comodo invece aspettare il fine settimana, nel quale non ci sono differenze orarie e potete approfittare delle tariffe più vantaggiose anche tra le 08.00 e le 19.00.

Molti utenti che hanno imparato a trarne vantaggio dalle biorarie, ad esempio, aspettano i weekend o le ore serali anche per stirare i vestiti, oppure per utilizzare la lavastovigliel’aspirapolvere o il forno elettrico.

Infine, se in casa si dispone di uno scaldabagno elettrico, un elettrodomestico che è noto per essere un grande consumatore di energia, conviene -qualora sia possibile, naturalmente- abituarsi a farsi la doccia dopo le 19.00 ore.

Tutto sommato, è possibile approfittare l’evidente vantaggio delle tariffe biorarie imparando a spostare i consumi energetici in Fascia 2 con qualche attenzione in più, senza rinunciare alle normali attività o fare dei cambiamenti di abitudini esagerati.

Sul nostro sito troverai diversi articoli approfonditi che ti aiuteranno ad imparare a risparmiare energia elettrica.

Ricordati inoltre che passando al Mercato Libero dell’Energia si può risparmiare un 10% circa sulla spesa energetica annua.

Utilizza il nostro comparatore gratuito per trovare la tariffa luce che meglio si adatta alle tue esigenze.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: