Operazioni conti deposito: tutto ciò che si può fare allo sportello e non

Il conto deposito è senza dubbio una delle forme di risparmio più vantaggiose e convenienti per tutti e le sue potenzialità sono bene espresse dai tassi di interesse che vengono proposti dalle varie banche operanti in Italia che consentono di ottenere il massimo.

I vantaggi del conto deposito sono molti sia per la comodità, in alcuni casi può essere gestito interamente online, sia per la facilità di gestione in quanto sono concesse solo alcune operazioni che snelliscono le procedure di accesso ai conti e consentono quindi di ridurre notevolmente i costi derivanti da movimenti di denaro e spostamenti dello stesso. Vengono ad essere così annullate tutte le spese relative a carte di credito, bonifici e assegni che in moltissimi casi rappresentano delle percentuali per nulla trascurabili nella gestione dei propri risparmi.

I conti deposito inoltre in alcuni casi vincolano la stabilità dei fondi consentendo quindi solo i deposito di denaro e non il suo prelievo. Sta di fatto comunque che anche questi vincoli possono essere interrotti, con una notevole perdita in fatto di denaro, in casi di criticità e di necessità da parte del depositante.

Confronta Conti Deposito


In linea teorica per quanto riguarda il conto deposito vengono comunque concesse le operazioni di versamento sia presso lo sportello della banca di riferimento sia con addebito diretto sul conto corrente d’appoggio (che è una clausola necessaria per la sussistenza del deposito stesso). In fin dei conti, il conto deposito, è un conto corrente a tutti gli effetti al quale vengono sottratte alcune potenzialità e servizi a favore di tassi d’interesse più vantaggiosi dovuti alle minori spese di gestione, Ne deriva che comunque solo banche, fisiche od online, possono offrire questo particolare conto di risparmio, con tutte le garanzie ad esso correlate.

La terminologia legata al conto deposito

Come per tutti gli altri prodotti bancari anche il conto deposito ha delle particolari terminologie correlate alle sue funzioni che devono essere conosciute dal risparmiatore per una gestione più consapevole del proprio denaro e per una maggiore autonomia nella consultazione di estratti conto e movimenti dei fondi. A differenza di altri prodotti la terminologia fa riferimento solo a due ambito ossia al saldo e agli interessi, che sono le operazioni e vantaggi possibili con questa tipologia di conto.

Per quanto concerne il saldo durante la gestione del conto deposito due sono le identità che questo può prendere ossia il saldo contabile e disponibile. Il saldo contabile è tecnicamente il denaro presente sul conto fino ad una determinato data mentre quello disponibile, come dice la parola stessa che non lascia scampo a fraintendimenti, è quello che effettivamente è a disposizione del cliente in quel determinato momento.

Per quanto riguarda gli interessi la caratteristica che più può interessare il cliente è sicuramente legata alle tempistiche con i quali vengono versati che variano da prodotto a prodotto e da banca a banca. In genere la cadenza di erogazione viene stabilita all’apertura del conto e può variare dalla cadenza trimestrale a quella annuale. In alcuni particolari casi, soprattutto quando si vincolano i fondi, gli interessi possono essere versati anticipatamente.

Quali operazioni si possono fare allo sportello per il conto deposito?

Come già citato precedentemente il conto deposito ammette pochissime forme di operazioni relative ai fondi le quali possono essere svolte direttamente allo sportello bancario, qualora l’ente a cui ci appoggiassimo ne avesse uno, o direttamente online nel caso di istituti senza filiali sul territorio. Il conto deposito come già detto si appoggia ad un conto corrente al quale è legato indissolubilmente che può essere aperto presso la banca stessa o presso altro istituto ma che comunque rappresenta l’unico canale attraverso il quale si possono effettuare delle operazioni più complesse relative al versamento.

Al momento dell’apertura del conto deposito non viene richiesta alcuna garanzia al correntista proprio in virtù delle caratteristiche stesse del conto che consente il deposito e il prelievo dallo stesso fino ad esaurimento fondi. Il funzionamento e paragonabile a quello di una carta di debito, anche se il prodotto non ha nulla a che fare.
Essenzialmente quindi si possono svolgere quindi due sole tipologie di operazioni allo sportello, escluse quelle di apertura e chiusura, per il conto deposito: prelievo e deposito di fondi.

I maggiori tassi di interesse si ottengono attraverso il vincolo dei fondi che permette di bloccare il tasso lordo a percentuali molto alte (attualmente fino a 5%). In questi particolari casi il risparmiatore mantiene il diritto al prelievo dei fondi depositati ma, in caso di prelievo anticipato rispetto alle tempistiche previste, perde il diritto alla riscossione degli interessi sul capitale prelevato.

Il conto deposito, nonostante i suoi limiti legati in particolare ai servizi, è senza dubbio una delle forme di risparmio più convenienti che consente di raggiungere i più alti tassi di interesse sul mercato semplicemente vincolando i fondi. Molte sono le opportunità a nostra disposizione e per orientarci nella scelta lo strumento di confronto offerto da SOS tariffe può rivelarsi davvero utile per trovare il prodotto adatto alle nostre esigenze!

Commenti Facebook: