Offerte telefonia fissa: come confrontare le offerte degli operatori

Adsl e telefono fisso sono senza dubbio due dei servizi tecnologici più diffusi in Italia e risparmiare su queste utenze è possibile con un po’ di attenzione ai servizi che si sottoscrivono e agli operatori che si scelgono. Senza dubbio unificare le due utenze permette di risparmiare delle cifre considerevoli e un’accurata valutazione prima di attivare una nuova utenza o cambiare operatore è essenziale per scegliere l’offerta giusta per noi.

Come districarsi nel labirinto di offerte per la telefonia fissa

In particolar modo per la telefonia fissa è importante conoscere le proprie abitudini e le proprie necessità per scegliere l’offerta giusta per le nostre esigenze e individuare quindi la tariffa che fa davvero al caso nostro. In alcuni casi infatti può essere interessante unificare le utenze di Adsl e telefono mentre in altri può essere più ragionevole mantenerle suddivise o attivarne solo una delle due per soddisfare le nostre richieste. Le offerte dei vari operatori del mercato sono sempre molto varie e quindi trovare la soluzione giusta per le nostre esigenze è possibile, l’importante è valutare prima e creare un nostro quadro di consumatori che ci consenta di valutare al meglio ciò che il mercato propone.

Guida al risparmio sulla telefonia fissa, pochi semplici ma essenziali punti da tenere in considerazione quando si vuol cambiare operatore o attivare una nuova utenza

1. Scegli tra Adsl+Telefono o solo telefono 

Monitorare i propri consumi e costi per quanto riguarda la telefonia fissa è molto semplice grazie al conto telefonico che ogni mese viene recapitato in formato cartaceo e virtuale. Avere a portata di mano questo documento relativo agli ultimi mesi è fondamentale per individuare fin da subito le proprie necessità.

Innanzitutto, che utilizzo facciamo del telefono fisso?
Se la risposta è intensivo soprattutto verso altri telefoni fissi conveniente potrebbe essere l’attivazione di un’unica utenza per adsl e telefono visto che nella maggior parte dei casi vengono incluse chiamate illimitate gratuite verso fissi ed eventuali pacchetti di minuti verso telefoni cellulari.

Nel caso contrario, ossia quando le telefonate da rete fissa sono sporadiche, può essere più conveniente attivare una rete con tariffa a consumo, che quindi prenda in considerazione l’effettivo utilizzo dell’infrastruttura.

2. Scegli tra tariffazione a consumo e le chiamate illimitate

Le opzioni per quanto riguarda la telefonia fissa sono essenzialmente due che vanno a supplire alle necessità più diffuse degli utenti di questa tipologia di servizio ossia le chiamate a consumo, quando viene addebitato effettivamente ciò che viene utilizzato, e le chiamate illimitate che consentono di chiamare delle tipologie di utenti a costo zero, con tariffazione dello scatto alla risposta.

Come scegliere fra le due opzioni?

Sicuramente non è semplice individuare fra le due opzioni quella più adatta alle nostre esigenze in particolar modo perché l’opzione chiamate illimitate sembra essere sempre la più allettante. In realtà non è sempre così perché se è vero che si possono abitualmente fare molte chiamate bisogna valutare effettivamente a chi sono rivolte. E’ bene ricordare infatti che il traffico verso telefono cellulare non è quasi mai incluso, solo particolari operatori includono un pacchetto di minuti nell’offerta mensile, e, a parte poche eccezioni, è sempre previsto uno scatto alla risposta anche per rete fissa.

Sul nostro comparatore dedicato alle offerte ADSL e telefono, tuttavia, si possono individuare le tariffe con chiamate verso i cellulari incluse.

Confronto tariffe ADSL e telefono fissoQuindi nel caso le nostre chiamate fossero rivolte soprattutto a cellulari o fossero brevi verso telefoni fissi sicuramente la tariffa chiamate illimitate non è quella giusta per le nostre esigenze e sarà sicuramente più vantaggioso affidarsi ad altre offerte rivolte esclusivamente alla telefonia.

3. Valuta le spese accessorie

Non solo il pacchetto di servizi influisce nel costo relativo all’attivazione di una nuova utenza o cambio operatore telefonico. E’ importante prendere in considerazione anche tutte le cosiddette spese accessorie ossia tutti quei costi aggiuntivi che vengono addebitati al momento della stipula del contratto.

Per questo bisogna fare attenzione a tutte le clausole del contratto che può includere oltre alla quota mensile un contributo una tantum per l’attivazione, il noleggio del modem (nel caso di utenza unificata) o telefono o altri costi che variano in base alla compagnia telefonica a cui ci si rivolge. In alcuni casi infatti viene richiesto un contributo per l’installazione, oltre a quello per l’attivazione, un ulteriore contributo per eventuale trasloco o trasferimento e alcune compagnie potrebbero inoltre richiedere il pagamento del canone Telecom. Tutte queste varianti possono essere filtrate grazie alle diverse opzioni presenti all’interno del comparatore gratuito di SosTariffe.it che inoltre permette di valutare fin da subito il risparmio annuo in caso di cambio operatore o apertura di una nuova utenza.

4. Confronta sempre tutte le tariffe prima di sottoscrivere l’offerta 

adsl

Risparmiare nei costi del telefono fisso è possibile a patto di un’accurata valutazione della nostra situazione e del nostro fabbisogno. La prima fase da compiere è sicuramente quella di leggere attentamente la bolletta, il dettaglio del nostro conto da solo può darci la risposta a molti quesiti.

All’interno del comparatore di SosTariffe.it sono presenti diversi filtri attivabili a piacimento che possono filtrare a priori le varie offerte per arrivare a quella ideale per le nostre esigenze. L’importante è quindi valutare sempre al meglio le nostre effettive necessità senza lasciarsi incantare dalle varie opportunità del mercato ma scegliendo consapevolmente ciò che ci è necessario.

Commenti Facebook: