di

Offerte risparmio casa

Alcuni specialisti affermano che la crisi economica sta arrivando alla fine. La verità però è che per le famiglie nulla è cambiato, e si rende sempre più necessario tagliare le spese al massimo. Per questo motivo, SosTariffe.it ha preparato un riassunto con tutto ciò che si può fare per risparmiare a casa: dal risparmio energetico a quello sul collegamento Internet, dalla spesa alimentare all'eliminazione di spese inutili come i canoni per i conti correnti. Ecco come risparmiare (davvero) a casa.

Offerte risparmio casa

Secondo una recente indagine della Coldiretti basata su dati Istat, gli italiani, sin dall’inizio della crisi, hanno dovuto risparmiare prima tagliando le spese per mobili (-12%), vestiti e calzature (-16%), e poi la spesa alimentare (-3,1%). I consumatori hanno anche tagliato le spese per energia elettrica, acqua, sanità, istruzione e cultura, a causa del forte calo del potere d’acquisto in Italia.

Inoltre, un osservatorio Federconsumatori ha evidenziato che i costi per mantenere una casa nel 2014 sono aumentati del +2%. In particolare, per un’abitazione di proprietà, la spesa per costi e mutuo è quest’anno di 13.905 euro, ovvero +337 euro rispetto all’anno scorso, mentre per una casa in affitto si dovranno spendere 1728,19 euro al mese (+33,49 euro al mese rispetto il 2013). Oltre alle spese domestiche bisogna poi aggiungere la spesa per le tasse sulla casa, su cui quest’anno ci sono molte novità ed altrettante polemiche.

Tuttavia, si può risparmiare in maniera intelligente tagliando le spese domestiche per la luce, il gas, l’ADSL, il telefono o la spesa alimentare, a volte con dei semplici accorgimenti che non significano una notevole rinuncia. Vi offriamo un riassunto con tutto ciò che potete fare per risparmiare a casa.

1. Risparmiare sulla spesa alimentare

La spesa alimentare può essere tagliata organizzandosi bene e adottando alcune semplici abitudini. Fare la lista della spesa, scegliere bene quando andare al supermercato, portare le buste, comprare al mercato, scegliere i cibi sfusi e mai quelli già pronti, fare attenzione al prezzo per kg e non a quello finale e analizzare bene le promozione. C’è di più: approfondisce nel nostro articolo Come risparmiare sulla spesa alimentare.

2. Risparmiare sulla bolletta della luce

Spesso commettiamo alcuni errori che fanno crescere le bollette, senza nemmeno accorgerci. Avere attiva un’offerta luce poco conveniente, non sapere utilizzare bene una tariffa bioraria, usare elettrodomestici vecchi e poco efficienti, sono alcuni degli errori più comuni che causano spese domestiche elevate. Ecco i principali consigli per risparmiare sulla bolletta della luce:

  • Usare bene il condizionatore: usandolo solo quando serve, con il programma “deumidificazione” abbinandolo a un ventilatore, e con una differenza di massimo 8°C rispetto all’ambiente esterno è possibile risparmiare fino al 75% della spesa energetica annua. Dovete comprarne uno? Scegliete un condizionatore a tecnologia inverter (risparmi il 30% della bolletta).
  • Scegliere un’offerta luce adatta al proprio profilo: la convenienza delle diverse offerte luce varia a seconda del profilo del cliente, sopratutto per quel che riguarda i consumi annui. Usate strumenti di comparazioni validi come il nostro comparatore di tariffe energia elettrica per scegliere con consapevolezza, evitando sorprese.
  • Tariffe biorarie della luce: se ne avete attivato una, spostate almeno il 70% dei consumi nelle ore agevolate (tra le 19 alle 8 del mattino nei giorni feriali, e durante tutto il giorno nei weekend e festivi). Altrimenti pagate di più. Se non ci riuscite, cambiate offerta e attivate una tariffa monoraria.
  • Non usare elettrodomestici vecchi e poco efficienti. Comprare apparecchi nuovi di classe A o superiore conviene, e in meno di un anno avrete ammortizzato la spesa. Ad esempio, i più moderni frigoriferi classe A+++ consumano il 50% in meno di elettricità rispetto a quelli A+, per non menzionare la differenza esorbitante rispetto un frigorifero classe E o G. Per approfondimenti sul corretto uso degli elettrodomestici rimandiamo al nostro osservatorio Miti da sfatare e migliori comportamenti da adottare per risparmiare sui consumi.
  • Passare al mercato libero: comporta un risparmio di circa il 7-10% della spesa annua. Il passaggio è sempre gratuito, non occorrono modifiche ai contatore o agli impianti e la continuità del servizio è garantita dall’Autorità.

Abbinando alcuni semplici interventi (passare al mercato libero, utilizzare bene gli elettrodomestici, ridurre l’uso del condizionatore, acquistare un frigorifero più efficiente), si possono risparmiare dai 247 euro ai 685 euro l’anno, a seconda del profilo di consumatore (leggi l’Osservatorio miti e consigli sul risparmio energetico per maggiori informazioni).

3. Risparmiare sulla bolletta del gas 

Per tagliare la spesa del gas occorre, innanzitutto, diminuire i consumi, soprattutto in inverno, facendo così:

  • Ridurre di 1 °C la temperatura all’interno della casa: consente un risparmio in bolletta di circa il 6%;
  • Non superare mai i 20 °C in casa e, durante la notte abbassare la temperatura oppure direttamente spegnere il riscaldamento;
  • Applicare valvole termostatiche ad ogni termosifone e regolare la temperatura in ogni stanza, in base all’uso effettivo;
  • Migliorare l’isolamento termico dell’abitazione, abbassando tapparelle e serrande, installando doppi vetri alle finestre o applicando alle pareti pannelli isolanti: come menzionavamo prima, l’isolamento è il parametro più importante per migliorare l’efficienza energetica di un’abitazione;
  • Utilizzare una caldaia a condensazione con bruciatore modulante, ed eseguirne controlli periodici.

Tuttavia, si può fare di più, soprattutto in questo periodo in cui il riscaldamento è spento. La prima cosa è passare al mercato libero: attivando un’offerta gas del mercato libero si risparmia circa il 7% della spesa, che si traduce in oltre 110 euro all’anno per una famiglia con consumi di 2.100 m3/anno.

Pur se l’Autorità per l’energia (AEEG) ha deciso un taglio sulla bolletta del gas ad aprile, subito dopo anche i venditori del mercato libero hanno ridotto i prezzi per rendere le loro offerte più convenienti. Questo è prevedibile, dato che in un mercato liberalizzato, la maggior concorrenza sempre tira giù i prezzi.

Per questo motivo, cambiare fornitore gas consentirà sempre di risparmiare. Il passaggio è gratuito in tutti i casi, a prescindere dal fornitore scelto, ed è sempre possibile tornare al mercato tutelato.

Vogliamo sottolineare però l’importanza di scegliere bene le offerte: una tariffa non adatta al proprio profilo comporterà sicuramente un aggravio in bolletta. Per evitare questi errori, bisogna utilizzare un comparatore di tariffe valido come quello sviluppato da SosTariffe.it.

Confronta Tariffe Gas »

4. Approfittare dei benefici aggiuntivi delle offerte luce e gas del mercato libero

Oltre ai prezzi più bassi, con alcune offerte del mercato libero dell’energia elettrica e il gas, una famiglia può risparmiare in media fino a 300 euro l’anno grazie ad alcuni servizi aggiuntivi.

Lo dimostra l’osservatorio di SosTariffe.it Risparmi aggiuntivi offerti dalle tariffe del mercato libero, che ha stimato il risparmio ulteriore, rispetto allo sconto sul prezzo dell’energia dalla tariffa di Maggior Tutela, che le offerte del mercato libero dell’energia offrono grazie a carte sconto, programmi di fidelizzazione, sconto sul carburante, assicurazioni sulla casa e altri benefici più o meno quantificabili. Questo risparmio aggiuntivo va dai 40 euro ai 300 euro in base alla tariffa e servizio accessorio scelto.

Per sapere quali sono le offerte luce e gas che includono promozioni aggiuntive, è possibile cliccare sul tasto “Benefici Addizionali” presente sui comparatori di SosTariffe.it per questi servizi.

Offerte luce con Benefici Addizionali »

5. Chiudere il vecchio conto corrente e aprirne uno online

La Banca d’Italia, in un’indagine condotta a settembre 2013, ha dimostrato che quanto più vecchio è un conto corrente, più elevato il suo costo annuo. Anche se inizialmente le condizioni per il conto erano buone, dopo ad esempio 10 anni c’è un rincaro di circa 100 euro.

Anche un osservatorio SosTariffe.it sui Conti Online dell’anno scorso infatti dimostra che scegliendo di operare su Internet, i costi per il conto corrente scendono in maniera drastica, ottenendo con i conti delle banche online un risparmio di oltre il 99%.

Per questo motivo, per risparmiare conviene cambiare banca, attivando un conto online a zero spese, meglio ancora uno senza bollo, con il quale non c’è nessun onere da sostenere per l’accredito dello stipendio o pensione, i prelievi anche all’estero, i bonifici e la domiciliazione bancaria.

A proposito di quest’ultima, ricordiamo che la domiciliazione bancaria delle utenze domestiche consente di risparmiare tempo e denaro, non essendo necessario dover recarsi in banca per pagare le bollette.

Migliori Conti Correnti Online »

6. Cambiare gestore ADSL e Telefono

Come si legge in uno degli ultimi osservatori del 2013 -“Cambiare gestore diventa ancora più conveniente“- nel 2013 è aumentata ancora la convenienza nel cambiare fornitore ADSL e Telefono, con un risparmio in bolletta che raggiunge il 45,5% in più rispetto al 2012.

In effetti, l’anno scorso sono state aggiornate e migliorate le offerte di molti fornitori ADSL, che hanno lanciato promozioni più convenienti che consentono un aumento dell’entità di risparmio fino al 78%.

Ad esempio, cambiare fornitore oggi può significare un risparmio di 124 euro circa in un anno (Jet di FASTWEB), 470 euro circa (Absolute ADSL) o addirittura 600 euro (Tutto per Te di TeleTu).

Le migliori tariffe ASDL per risparmiare sono quelle che prevedono il servizio di telefonia fissa oltre alla navigazione Internet, anche se non si è interessato a fare telefonate. La maggior parte di queste offerte, infatti, includono nel prezzo mensile il canone Telecom, il quale nelle offerte Solo ADSL andrà pagato in una bolletta diversa a quello del provider.

Inoltre, anche se non si è interessato alle chiamate verso numeri fissi, molte offerte includono chiamate gratuite verso telefoni cellulari, anche senza scatto alla risposta. Grazie alle promozioni in corso, d’altronde, è possibile attivare una nuova tariffa ADSL e Telefono fisso in maniera gratuita, ovvero senza costi di attivazione.

Confronta Tariffe ADSL »

Commenti Facebook: