Nuovi orari Trenitalia, servizio notte riconfigurato

Ieri è entrato in vigore il nuovo orario invernale di Trenitalia. Dopo la polemica sui tagli negli orari e la cancellazione di molti vagoni letto, Ferrovie dello Stato annuncia la continuazione del servizio notturno da e per il Sud Italia attraverso l’incorporazione di hub (scali capolinea) a Roma Termini e Bologna Centrale.

Tra le novità, è previsto un aumento nel numero di treni regionali su alcune tratte del settentrione, quali Torino-Milano, Torino-Bardonecchia e Biella-Milano, un nuovo collegamento internazionale Venezia-Milano-Parigi, un maggior numero di corse dei Frecciarossa e Frecciabianca, e nuovi treni InterCity.

Migliorati anche i Servizi al Cliente, con una rinnovata piattaforma per acquistare online i biglietti e un nuovo Portale Multimediale che consente la visualizzazione di film, cartoni animati, concerti e notizie gratis sui Frecciarossa.

La problematica del servizio notturno in meridione

Negli ultimi anni, il servizio notturno di treni cuccette e vagoni letto si è visto soppiantato dalla ampia offerta voli low cost in tutta Europa, i quali hanno fatto crollare vertiginosamente il numero di passeggeri, e quindi di ricavi da parte di FS. Una situazione che avrebbe portato a raggiungere costi di gestione insostenibili, aggravati dalla mancanza di corrispettivi finanziari pubblici adeguati.

In accordo con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il servizio notturno di Trenitalia è stato razionalizzato e reso conforme all’effettiva domanda e alle risorse economiche disponibili.

Così, l’offerta notturna di treni è stata riorganizzata con l’obiettivo di evitare il taglio definitivo di alcune tratte, incorporando degli hub (scali centrali) a Roma Termini e Bologna Centrale.

Treni notte: cosa sono i hub?

L’ hub di Roma Termini farà capolinea a tutti i treni notte da e per le regioni Sicilia e Calabria, e quello di Bologna Centrale da e per la Puglia.

In questa maniera, i convogli notturni viaggeranno esclusivamente durante la notte, e il percorso dovrà essere completato tramite la rete delle Frecce, riducendo la durata complessiva del viaggio. In più, il servizio di fermate intermedie è stato riconfigurato, facendo fermate quasi esclusivamente nei capoluoghi di provincia, riducendo i tempo di viaggio tra Roma e Genova a 4 ore. La nuova offerta notturna prevede anche l’attestamento a Roma per tre coppie di vagoni notte Sicilia.

Lungo l’Adriatico l’hub di Bologna Centrale mette a disposizione una vasta offerta di servizi diurni verso Milano, Torino, Venezia, Trieste e altre città del nord.

Inoltre, sono stati incorporati nuovi servizi Frecciarossa e Frecciabianca che, insieme alla riconfigurazione delle fermate intermedie, consentono la riduzione della durata complessiva del viaggio nelle tratte Milano-Puglia.

Commenti Facebook: