Nuovi contatori gas: attenzione alla lettura e la fatturazione

Nel 2014 è stata avviata una procedura che ha previsto la sostituzione dei contatore gas con nuovi misuratori elettronici. L’operazione non prevede alcun costo, coinvolge migliaia di utenti in tutto lo Stivale e almeno il 60% dei contatori devono essere stati sostituiti entro il 2018. Federconsumatori spiega quali accorgimenti seguire per evitare problemi nella lettura dei contatori e la fatturazione.

come funziona il contatore elettronico del gas
Contatore elettronico del gas, non sono previsti costi per la sostituzione

Nel 2014 l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) ha avviato un piano di installazione di nuovi contatore elettronici per il gas, con l’obiettivo di sostituire i vecchi contattori e rendere più agile e preciso il sistema di misurazione dei consumi di gas naturale in Italia.

L’operazione non prevede alcun costo per i clienti, e riguarda sia i contatori con portata G10 (che includono anche i condomini) sia i contatori G6 o di portata inferiore (relativi alle utenze domestiche).

Federconsumatori avverte:

“Le famiglie devono essere informate almeno tre mesi prima e la data di esecuzione della sostituzione del contatore nell’abitazione deve essere comunicata con almeno 10 giorni solari di anticipo. L’operazione richiederà mediamente due ore e agli utenti e devono essere fornite le informazioni sulle funzioni del display che consentano la visualizzazione di data e ora, la totalizzazione dei consumi (complessiva e per fascia multioraria), la registrazione dei consumi su base giornaliera e degli ultimi 70 giorni e la garanzia sul salvataggio dei dati e sicurezza”.

Malfunzionamento dei contatori, cosa fare

L’associazione ricorda, inoltre, che se l’utente ha dei dubbi sul funzionamento del contatore del gas che è stato sostituito può, entro 15 giorni dalla data di sostituzione, richiedere al proprio fornitore una verifica metrologica. Se dal controllo non si evidenziano errori, la spesa di tale verifica è a carico del cliente. In caso contrario, non c’è alcun onere da pagare. Al riguardo consigliamo la lettura del nostro articolo Contatore luce e gas: come sapere se funzionano bene?.

Al momento della sostituzione del contatore, Federconsumatori consiglia di farsi consegnare o di scattare una foto con i valori dei m3 dei consumi registrati dal contatore, al fine di evitare problemi nella successiva fatturazione dei consumi. L’associazione, infine, denuncia:

“Da tempo denunciamo che oltre il 20% dei 20 milioni di contatori del gas in Italia non sono letti da parte dei distributori almeno una volta all’anno, come invece prevedono le delibere dell’AEEGSI. Auspichiamo quindi che da qui al 2018 – quando il 60% dei contatori in servizio dovrà essere sostituito con i contatori digitali – si riduca in modo significativo il forte peso dei reclami registrati in questi anni, in particolare nel settore gas sia nel mercato libero che nel mercato tutelato riguardanti il tema dei consumi presunti e a conguaglio”.

Confronta Tariffe Gas

Commenti Facebook: