Nuova etichetta energetica in Europa, come comprenderla

Niente più confusione nell’acquisto di elettrodomestici: a breve spariranno i simboli +, ++ e +++ in favore della nuova etichetta energetica. L’Europa è intervenuta per aiutare i consumatori a fare scelte più chiare e consapevoli riguardo al risparmio energetico offerto da lavatrici, frigoriferi e altri altri apparecchi di nuova generazione. Alla nuova etichetta si accompagneranno anche APP e QR code. Ecco quando e come cambieranno le cose.

Da Bruxelles, le novità per acquistare elettrodomestici a risparmio energetico

Quanto ne sanno davvero i consumatori di risparmio energetico ed elettrodomestici? A molte persone appare chiaro che apparecchi elettronici come lavatrici e frigoriferi in classe A+++ (la più economica) abbassano i costi della bolletta, altre persone invece, si confondono di fronte all’infinita successione di simboli numerici. Questo è il motivo per cui l’Europa ha scelto di introdurre una nuova etichetta energetica. Ecco quando entrerà in vigore e come comprenderla.
Trova offerta Enel Energia

Cos’è la nuova etichetta energetica

L’etichetta energetica che troveremo sugli elettrodomestici di tutta Europa farà risparmiare in media 15 euro l’anno (+ i 465 euro già risparmiati grazie all’attuale sistema informativo). Il taglio dei consumi stimato è di 200 terawatt/h entro il 2030 e si rifletterà direttamente sui costi della bolletta energia elettrica.

La novità più importante riguarda l’eliminazione entro 21 mesi dei simboli +,++ e +++ che i consumatori trovano abitualmente sull’attuale certificazione degli apparecchi elettronici, dalla lavastoviglie al frigorifero e dal forno microonde alla tv. Le odierne classi in scala A-G rimarranno valide per almeno dieci anni, ma entro meno di 2 anni i simboletti spariranno in favore di una più chiara classificazione.

La nuova etichetta energetica conserverà la scala A-G ma sarà più chiara. Le istituzioni provvederanno a scalare la classe agli elettrodomestici man mano che l’offerta di mercato ne genera altri a maggior risparmio energetico, e i consumatori d’altra parte, riconosceranno i dispositivi più economici grazie alla sola lettura della classe.

L’operazione è stata definita di “riscalaggio”ed ha l’obiettivo di eliminare i livelli aggiuntivi di successione conservando una sola graduatoria.

L’innovazione entra in gioco riguardo ad uno degli aspetti più considerati durante l’acquisto di elettrodomestici, cioè la possibilità di pagare meno la bolletta munendosi di apparecchi efficienti e meno inquinanti: si pensi che l’85% dei consumatori utilizza l’etichetta energetica per compiere scelte decisive sull’acquisto.

Elettrodomestici “smart” con QR code per il risparmio energetico

Oltre al “riscalaggio” la nuova etichetta energetica presenterà un QR code e l’icona “smart” per riconoscere gli elettrodomestici più moderni. L’introduzione del QR code consentirà la creazione di APP mobili specifiche per aumentare il risparmio energetico di chi acquista. I consumatori in sostanza, prima di acquistare, potranno avvicinare il proprio smartphone al prodotto e calcolare il risparmio energetico possibile in base alle abitudini personali, in modo da valutare l’investimento più efficiente.

C’è da ricordare però come un taglio consistente in bolletta dipende dal confronto delle offerte energia elettrica e dalle scelta del fornitore più conveniente.

Dario Tamburrano, europarlamentare del Movimento 5 Stelle e relatore della proposta afferma a proposito del QR code:

Sarà possibile fare confronti immediati tra due o più apparecchi, stabilire quale è il più conveniente in base alle abitudini personali, calcolare il consumo di energia negli anni e il tempo di rientro dell’investimento per l’acquisto di un modello più o meno efficiente.

Attenzione all’etichetta energetica “tarocca”

L’Europa avvisa: dal 10 al 25% delle attuali certificazioni energetiche è taroccata. Molti consumatori quindi, convinti di aver fatto l’acquisto migliore ai fini del risparmio energetico, si ritrovano con elettrodomestici dispendiosi. In caso di etichetta falsa però, ai sensi della nuova legge (era già previsto nella normativa precedente nonché dal Codice del Consumo) i clienti possono ottenere un rimborso.
Confronta le offerte energia

Commenti Facebook: