Nomisma: il mercato libero dell’energia conviene

Il mercato libero dell’energia conviene. Grazie alle tante tariffe luce e gas, il consumatore può scegliere la proposta più adatta alle proprie esigenze e risparmiare 71 euro/anno sulle bollette della luce e 107 euro su quelle del gas, rispetto al mercato tutelato. Sono le conclusioni di uno studio che Nomisma Energia ha presentato oggi a Roma,che sottolinea che “contrariamente a quanto spesso riportato, sul mercato libero i prezzi possono essere molto più convenienti delle tariffe del tutelato. In più, altri benefici aumentano il valore delle offerte.”

mercato libero dell'energia conviene
Nomisma dimostra che la maggior parte delle offerte luce e gas del mercato libero offrono risparmi e vantaggi aggiuntivi

Il rapporto presentato oggi a Roma da Nomisma Energia, intitolato”Benefici per i consumatori sui mercati liberalizzati dell’elettricità e del gas“, rivela ciò che su SosTariffe.it affermiamo da molto tempo: passare al mercato libero dell’energia conviene.

Finora, spiega Nomisma – società indipendente di ricerca in campo energetico e ambientale-, sono 9 milioni i consumatori che hanno deciso di abbandonare la tariffa a maggior tutela, dove l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) stabilisce il prezzo ogni tre mesi. L’hanno fatto perché le tariffe energia elettrica e gas del mercato libero sono più economiche, e includono anche diversi benefici aggiuntivi che rendono ancora più interessante le proposte.

La maggior convenienza, che su SosTariffe.it è facilmente rilevata grazie ai nostri comparatori gratuiti di offerte gas e luce, è evidenziata anche dal comparatore online ufficiale dell’Autorità per l’energia, il “Trova Offerte”.

Secondo i dati rivelati da questo comparatore, a marzo 2015 ben 16 su 21 offerte gas sono più convenienti rispetto alla tariffa a maggior tutela, e anche 13 tariffe su 21 per l’energia elettrica.

Confronta tariffe energia elettrica

Ecco perché la migrazione verso il mercato libero continua: secondo Nomisma, nel 2014 erano 1,3 milioni in più per l’energia elettrica e 1,7 milioni per il gas.

Il passaggio, ricordiamo, è sempre gratuito indipendentemente della compagnia verso la quale si intenda migrare. Non occorrono mai modifiche al contatore o agli impianti, e la continuità del servizio durante il periodo della transizione è garantita dall’Autorità per l’energia. Il consumatore, inoltre, può esercitare il diritto di recesso e annullare il contratto senza penali né spese entro 14 giorni dalla sottoscrizione.

Sul mercato libero dell’elettricità, a fine 2014, sono presenti 9 milioni di famiglie e 3,5 milioni di imprese, cifre enormi“, spiega Nomisma Energia, “che rappresentano un terzo circa del totale di 37,2 milioni di clienti“. Sul mercato libero del gas, invece, vi sono 5,8 milioni di famiglie e 1,4 milioni di imprese, sempre a fine 2014: anche in questo caso si tratta di un terzo del totale di 21,6 milioni di clienti.

Tariffe più economiche e con più vantaggi

Le proposte degli oltre 300 gli operatori attivi sul mercato libero, spesso incorporano altri benefici aggiuntivi che non riguardano direttamente il prezzo per l’elettricità o il gas. Ad esempio, molte tariffe di eni, Enel Energia, Edison Energia o A2A Energia regalano una polizza assicurativa contro i guasti della casa.
Scopri le proposte eni con assicurazione

Poi ci sono i programmi fedeltà, che consentono di ottenere diversi premi attraverso la raccolta punti, così come partecipare a concorsi esclusivi e vincere viaggi e oggetti di ogni tipo. Per non parlare delle carte vantaggi, che prevedono sconti presso i negozi partner che secondo SosTariffe.it nel 2014 potevano comportare un risparmio annuo di 300 euro, mentre stando ai calcoli di Nomisma il risparmio può raggiungere i 1.100 euro all’anno, ovvero oltre due terzi della spesa media annuale italiana di energia elettrica e gas.

Mercato libero: obbligo di passaggio nel 2018

Da sottolineare, inoltre, che l’ultima bozza del ddl Competitività prevede l’eliminazione del mercato tutelato della luce e il gas nel 2018 (inizialmente era previsto per quest’anno quello del gas e per il 2016 quello dell’elettricità), con il conseguente obbligo di passaggio di tutti i consumatori verso la compagnia del mercato libero che scelgano.

Per maggiori informazioni al riguardo consigliamo la lettura del nostro articolo Cambiano le bollette e le tariffe luce e gas: tutte le modifiche dell’AEEGSI.

Ricordiamo, infine, che non tutte le offerte luce e gas del mercato libero comportano un risparmio per ogni profilo: alcune sono più convenienti per chi consuma poca energia, altre sono ideali per i nuclei familiari numerosi. Per identificare facilmente le proposte più adatte alle proprie esigenze, rimandiamo ai nostri comparatori gratuiti ed indipendenti.

Confronta tariffe gas

Commenti Facebook: