Nokia E-Cu: il cellulare si ricarica in tasca

Lo studio su metodi alternativi di alimentazione per i cellulari è uno degli argomenti su cui gli sviluppatori e le grandi aziende stanno puntando molto negli ultimi anni: la convergenza sempre più spinta dei dispositivi mobili necessita di un apporto energetico di gran lunga superiore rispetto ai primi telefonini, dotati solo di poche funzionalità e schermi monocromatici.

Spesso, quindi, vengono ideati dei prodotti molto interessanti, prototipi dotati di caratteristiche molto particolari che consentono di ricaricare la batteria con modi differenti dalla classica energia elettrica, come ad esempio il Nokia E-Cu, un prototipo nato dalla mente e dalla fantasia di Patrick Hyland.

Il designer britannico ha pensato ad un telefonino che riesce a ricaricarsi automaticamente, semplicemente tenendolo in tasca, come del resto si fa normalmente. In che modo è possibile tutto ciò? In pratica il Nokia E-Cu, sfrutta un generatore termico posto al suo interno che consente di sentire il calore corporeo e di trasformarlo in energia.

Grazie al retro della scocca interamente in rame, il calore del corpo verrà assorbito per poi essere trasformato in carica, consentendo di avere un’autonomia continua del dispositivo. Oltre ad avere un’indubbia comodità, questo metodo consente di risparmiare elettricità e, di conseguenza, di rendere tale pratica altamente ecocompatibile e rispettosa dell’ambiente.

Ovviamente non è ancora chiaro se e quando il Nokia E-Cu di Hyland verrà preso sul serio dal colosso finlandese nel prossimo futuro e potrà diventare un dispositivo concreto e reale.

u metodi alternativi di alimentazione per i cellulari è uno degli argomenti su cui gli sviluppatori e le grandi aziende stanno puntando molto negli ultimi anni: la convergenza sempre più spinta dei dispositivi mobili necessita di un apporto energetico di gran lunga superiore rispetto ai primi telefonini, dotati solo di poche funzionalità e schermi monocromatici.

Spesso, quindi, vengono ideati dei prodotti molto interessanti, prototipi dotati di caratteristiche molto particolari che consentono di ricaricare la batteria con modi differenti dalla classica energia elettrica, come ad esempio il Nokia E-Cu, un prototipo nato dalla mente e dalla fantasia di Patrick Hyland.

Il designer britannico ha pensato ad un telefonino che riesce a ricaricarsi automaticamente, semplicemente tenendolo in tasca, come del resto si fa normalmente. In che modo è possibile tutto ciò? In pratica il Nokia E-Cu, sfrutta un generatore termico posto al suo interno che consente di sentire il calore corporeo e di trasformarlo in energia.

Grazie al retro della scocca interamente in rame, il calore del corpo verrà assorbito per poi essere trasformato in carica, consentendo di avere un’autonomia continua del dispositivo. Oltre ad avere un’indubbia comodità, questo metodo consente di risparmiare elettricità e, di conseguenza, di rendere tale pratica altamente ecocompatibile e rispettosa dell’ambiente.

Ovviamente non è ancora chiaro se e quando il Nokia E-Cu di Hyland verrà preso sul serio dal colosso finlandese nel prossimo futuro e potrà diventare un dispositivo concreto e reale.

Commenti Facebook: