Mutuo prima casa: come trovarlo e richiederlo

Il mutuo prima casa rappresenta la strada creditizia per poter coronare i propri sogni. Ottenere un finanziamento di supporto per la prima casa è infatti l’opportunità più ghiotta per poter acquistare l’abitazione dei propri desideri e poter così costruire un nuovo progetto di vita. Cerchiamo pertanto di introdurre, sul mutuo prima casa: come trovarlo e richiederlo!

mutuo-prima-casa
Una guida al mutuo prima casa!

Nel nostro approfondimento sul “mutuo prima casa: come trovarlo e richiederlo”, non possiamo certamente che partire dal servizio offerto dal nostro comparatore, in grado di fornirvi i migliori risultati per le esigenze creditizie più importanti, o per quelle più comuni. Sarà sufficiente indicare pochi e semplici dati per poter conseguire un riscontro puntuale sulla via di finanziamento più conveniente per le vostre tasche. Potete accedere al servizio semplicemente cliccando il pulsante che trovate qua sotto:

Trova il miglior mutuo

Come trovare il mutuo prima casa

Stabilito quanto sopra, si può ben ricordare come trovare un mutuo prima casa oggi non sia affatto difficile. In un contesto di maggiore generosità creditizia rispetto a quanto non avvenisse pochi trimestri fa, tutte le banche e le finanziarie hanno oggi in catalogo un prodotto ad hoc per poter soddisfare le esigenze di chi desidera poter disporre di un comodo finanziamento che – rispettando le proprie specifiche necessità in termini di restituzione del capitale – possa accompagnare il debitore verso la tanto desiderata operazione di acquisto della prima casa.

Sarà pertanto sufficiente domandare un preventivo puntuale e trasparente all’istituto di credito di proprio riferimento per potersi rendere conto di quanto ampie siano le opportunità di personalizzazione di tale prodotto.

[WIDGET-LOAN

Agevolazioni mutuo prima casa

Per quanto attiene il mutuo prima casa, è altresì utile ricordare come siano in vigore delle importanti agevolazioni che permettono di massimizzare la convenienza di indebitarsi attraverso un finanziamento specifico per l’acquisto della propria prima abitazione.

Tralasciando per un momento le agevolazioni fiscali, e concentrandoci solamente sul mutuo, si può dunque evidenziare come la sottoscrizione di un mutuo per la prima casa dia diritto a richiedere la detrazione degli interessi passivi per il 19%: l’importo massimo (comprensivo degli oneri accessori) su cui calcolare la detrazione del 19% è pari attualmente a 4.000 euro. Valutato ciò, ne deriva che per il primo anno sono detraibili anche gli oneri accessori come le spese notarili, i costi di iscrizione o di cancellazione dell’ipoteca, o le spese di perizia.

Requisiti agevolazioni mutuo prima casa

Per poter ottenere validamente le agevolazioni fiscali per i mutui prima casa, è sufficiente disporre di alcuni requisiti, di seguito riassunti:

  • è fondamentale che il richiedente non abbia beneficiato, in precedenza, di ulteriori agevolazioni della stessa forma tecnica, con la sola eccezione legata alla possibile vendita e riacquisto della prima casa;
  • il richiedente non deve essere proprietario (al 100% o in comunione con il coniuge) di diritti reali di proprietà, di usufrutto, di uso e di abitazione di un’altra proprietà immobiliare abitativa che sia situata all’interno del territorio comunale dove è inoltre ubicato l’immobile oggetto di mutuo agevolato;
  • il richiedente non deve essere titolare (per quote con il coniuge, e su tutto il territorio nazionale), di diritti reali di proprietà o nuda proprietà, di usufrutto, di uso e di abitazione su un’altra casa che sia stata acquistata beneficiando delle stesse agevolazioni per la prima casa;
  • il richiedente deve risiedere nello stesso territorio comunale in cui è presente l’immobile che si acquista. Nel caso in cui la residenza non coincida al momento dell’atto, il trasferimento dovrà essere effettuato entro e non oltre i 18 mesi dall’acquisto della casa.

Ricordato anche quanto precede, possiamo altresì chiudere questo breve approfondimento sul mutuo prima casa segnalando come la detrazione degli interessi passivi del finanziamento spetti sempre al titolare del mutuo, e anche nell’ipotesi in cui l’immobile sia adibito a residenza principale di un altro familiare.

Commenti Facebook: