Mutuo agevolato per giovani coppie: solo 96 mutui erogati in 2 anni

Sin da febbraio 2011 è in vigore il decreto 256 che stabilisce un fondo a favore delle giovani coppie per l’erogazione di un mutuo prima casa. Il decreto, fortemente voluto dall’ex-Ministro della Gioventù Giorgia Meloni, dà preferenza ai nuclei famigliari con contratti di lavoro a tempo determinato. Tuttavia, in 2 anni questo prestito è stato erogato soltanto a 96 coppie, anche se l’ammontare messo a disposizione dal fondo è di 50 milioni di euro. Scopri come richiederlo.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

mutuo agevolato giovani coppie

Dicono che sia il decreto meno pubblicizzato del Decreto Sviluppo. Magari c’è stata poca comunicazione, oppure i prezzi delle case sono ancora troppo elevati. Fatto sta che il Fondo Giovani Coppie, voluto e istituito dal Ministero della Gioventù e gestito dal Consap (decreto 17/12/2010 n. 256) è stato erogato, in 2 anni, unicamente a 96 coppie. Così, da questo Fondo in due anni è stato utilizzato solo il 2%, ovvero 1 milione di euro dei 50 milioni che sono stati messi a disposizione.

Come funziona il Fondo Giovani Coppie?

 Il Decreto del 17 dicembre 2010, n° 256 istituisce de facto un Fondo a favore delle giovani coppie che desiderano acquistare la prima casa. L’iniziativa interessa anche le famiglie con un solo genitore, e viene data precedenza ai nuclei familiari con contratti di lavoro a tempo determinato.

Il Fondo che, tra le altre cose, prevede un’agevolazione in termini di tasso fisso e variabile, ha l’obiettivo di favorire l’ingresso dei giovani nella vita sociale e di agevolare la creazione e lo sviluppo delle famiglie. Con questo stesso scopo, ad esempio, l’Inghilterra stanzia ben 14 miliardi di euro.

In Italia è stato stipulato nel 2011 l’Accordo tra il Ministro della Gioventù e l’Associazione Bancaria Italiana (ABI), che mette a disposizione da parte del primo 50 milioni di euro confluiti in un Fondo ad hoc.

La gestione del Fondo Giovani Coppie è stata conferita alla Consap, una società pubblica che gestisce i rapporti con le Banche e ha l’obbligo di verificare costantemente le informazioni e la documentazione fornite dalle Banche aderenti. Queste ottengono da Consap, in caso d’insolvenza della coppia mutuataria, garanzie a prima richiesta di copertura fino ad un massimo di 75 mila euro (grazie ovviamente alle disponibilità del Fondo).

Caratteristiche del mutuo agevolato per giovani coppie

Ecco le principali caratteristiche e requisiti per accedere ai mutui agevolati per giovani previsti dalla legge:

  • importo massimo finanziabile 200 mila euro;
  • reddito complessivo inferiore a 35 mila euro;
  • età inferiore ai 35 anni (per entrambi membri della coppia);
  • reddito derivante da rapporti di lavoro a tempo indeterminato uguale o inferiore al 50% del reddito complessivo;
  • immobile oggetto di finanziamento di superficie inferiore ai 90 metri;
  • abitazione non dotata di “caratteristiche di lusso” ovvero catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi)
  • La coppia mutuataria non deve possedere altri immobili ad uso abitazione.
  • La Garanzia del Fondo è concessa nella misura del 50% della quota capitale (max 75.000 euro)

Per le Banche, dunque, è prevista una garanzia fino a 75.000 euro in caso di impossibilità a pagare e che si aggiunge alla garanzia ipotecaria.

La richiesta al fondo ricordiamo può essere fatta dai dipendenti con contratto a tempo determinato e dovrebbe essere disponibile in tutte le banche.

Commenti Facebook: