Modem libero: le offerte di Vodafone, TIM, WindTre e Fastweb

Oggi grazie ad una delibera dell’AGCOM è possibile sottoscrivere offerte di rete fissa e utilizzare un modem proprio al posto di quello fornito dal provider. Ecco tutte le informazioni per la configurazione e il collegamento di router terzi alle reti di VodafoneTimWind e Fastweb

Modem libero: le offerte di Vodafone, TIM, WindTre e Fastweb

La scorsa estate l’AGCOM ha avviato una importante rivoluzione nel campo della rete fissa con la delibera n.348/18/CONS entrata in vigore il primo dicembre 2018, che conferma il diritto degli utenti di scegliere liberamente i terminali di accesso ad Internet da postazione fissa. Ciò significa che i clienti non devono necessariamente sfruttare il modem fornito dal proprio gestore telefonico.

La delibera inoltre prevede obblighi precisi nei confronti dei provider, che non possono imporre limiti di prezzo alle prestazioni e alle modalità di connessione alla rete sulla base del dispositivo prescelto dall’utente. I provider non possono nemmeno imporre le proprie soluzioni al momento del collegamento dell’abbonato alla rete e devono fornire tutte le informazioni per la configurazione di dispositivi terzi con il massimo della trasparenza.

Di seguito sono elencati i parametri e le caratteristiche tecniche consigliate per utilizzare il modem libero o router Wi-Fi e collegarlo alle reti di Vodafone, Tim, Wind e Fastweb:

Vodafone

Vodafone rispetto alla concorrenza è molto in ritardo sulla questione del modem libero e infatti ancora non ha lanciato una tariffa per chi vuole utilizzare il proprio dispositivo di ricetrasmissione. All’interno della sezione “Vodafone informa” del sito del provider, alla voce “Informativa sulle disposizioni introdotte dalla Delibera 348/18/CONS“, si legge: “Vodafone sta provvedendo ad adeguare la propria infrastruttura di rete al fine di consentire l’accesso ad Internet con modem scelti dal cliente e compatibili con la rete di Vodafone. Non appena completate le attività Vodafone provvederà a darne adeguata informativa in tale sezione e comunque ad inizio 2019. Qualora il cliente volesse migrare verso altro operatore, Vodafone non ti addebiterà alcun costo in caso di mancata restituzione della Vodafone Station“.

Confronta le offerte di Vodafone »

Tim

Tim come altri operatori fornisce tutte le informazioni per la configurazione del proprio modem personale ma richiede anche delle precise caratteristiche tecniche:

ADSL

Il router dell’utente deve supportare gli standard ADSL e ADSL 2+ (ITU G.992.1 e G.992.5 over POTS) e per un’esperienza di navigazione ottimale è consigliabile il supporto delle funzionalità INP e Retransmission.

Parametri per la configurazione:

USERNAME: numero_telefonico
PASSWORD: timadsl
PROTOCOLLO: PPPoE Routed (definito come RFC2516)
INCAPSULAMENTO: ATM LLC
NAT: attivo
VPI: 8
VCI: 35

FTTC

Il router deve supportare lo standard VDSL2 con spettro 8b e 17a ma è comunque consigliabile anche il supporto allo spettro 35b e alle seguenti funzionalità tecniche:

  • Retransmission (ITU-T G.998.4)
  • Vectoring ( ITU-T G.993.5)
  • SRA (ITU-T G.993.2)

Parametri per la configurazione:

USERNAME: numero_telefonico
PASSWORD: timadsl
PROTOCOLLO: PPPoE Routed (definito come RFC 2516)
INCAPSULAMENTO: PTM
NAT: attivo
VLAN: 835

FTTH

Il router deve essere collegato alla terminazione ottica o ONT (Optical Network Termination) mediante cavo di rete Ethernet Categoria 5e o superiore alla porta WAN Ethernet. Il modem deve inoltre possedere una interfaccia di rete WAN di tipo Gigabit Ethernet Full-Duplex Auto-Sensing con supporto del protocollo Ethernet 802.1q.

Parametri per la configurazione:

USERNAME: numero_telefonico
PASSWORD: timadsl
PROTOCOLLO: PPPoE Routed (definito come RFC 2516)
INCAPSULAMENTO: VLAN Ethernet 802.1q
NAT: attivo
VLAN: 835

Servizi Voce (VoIP)

Per poter utilizzare i servizi Voce in modalità VoIP (Voce tramite protocollo Internet) è necessario procedere alla configurazione del modem. Accendendo all’area privata MyTIM sul sito dell’operatore è possibile ricevere per SMS tutte le informazioni per la configurazione richiedendoli attraverso una segnalazione ad hoc nell’ambito Internet indicando un numero di cellulare. L’utente deve prima accertarsi che il modem sia collegato alla rete per la quale si vogliono recuperare le informazioni per la configurazione del servizio VoIP.

Per il funzionamento del servizio Voce, alcuni dispositivi potrebbero richiedere parametri aggiuntivi:

  • SIP Domain : telecomitalia.it
  • SIP Protocol : UDP Port 5060
  • Expire Time : Minimo 86400 secondi
  • Codec supportati:
    Obbligatori: G.729, G.711 A-law
    Codec opzionale: G.722
  • Gestione Fax e POS supportata con protocollo G.711 A-law e T.38
  • Packetization Time: 20ms
  • Supporto toni DTMF: RFC 2833 / RFC 4733
  • DSCP Marking: 40 (dec)
  • VAD (Voice Activity Detection) : disabilitato
  • Supporto 100rel (messaggio PRACK) secondo RFC3262: abilitato
  • Supporto UPDATE, secondo RFC3311: abilitato

Confronta le offerte di Tim »

Wind/Infostrada

Wind al contrario di altri operatori ha realizzato un’offerta dedicata chiamata Absolute, che permette di utilizzare un modem diverso da quello fornito dall’azienda. Prima di sottoscriverla bisogna però controllare che il dispositivo è compatibile con il profilo scelto dall’utente (VDSL, VDSL2, VDSL2-VPlus per FTTC e ADSL, ADSL2 e ADSL2+ per ADSL). La promozione permette di accedere alla navigazione illimitata da casa con ADSL e FTTC al costo di 24,99 euro al mese e senza alcuna spesa per l’attivazione.

I dettagli per la configurazione:

ADSL

VPI: 8
VCI: 35
Protocol: PPPoE
PPPoE usr: benvenuto
PPPoE pwd: ospite
Encapsulation: LLC
MTU: 1492
Keep Alive: on
NAT: enabled
IGMP: enabled

FTTC

VLan: 835
Protocol: PPPoE
PPPoE usr: benvenuto
PPPoE pwd: ospite
Encapsulation: LLC
MTU: 1492
Keep Alive: on
NAT: enabled
IGMP: enabled

Confronta le offerte di Wind »

Fastweb

Fastweb a quei clienti che vogliono utilizzare un modem proprio consiglia di dotarsi in un dispositivo che disponga delle seguenti caratteristiche tecniche per avere le prestazioni migliori in termini di stabilità e velocità di connessione:

ADSL

  • Supporto dello standard ADSL2+ (ITU-T G.992.5)
  • Configurabilità dei parametri di rete con le seguenti impostazioni:

VPI/VCI: 8/36
Protocollo: RFC 2684 bridged (dinamico)
Incapsulamento: LLC

  • DHCP client abilitato sull’interfaccia WAN per acquisizione dinamica dell’indirizzo IP
  • Configurabilità dei parametri di LAN con le seguenti impostazioni:

DHCP server abilitato per assegnazione dinamica degli indirizzi agli apparati connessi in LAN
Funzionamento del modem in modalità routed (NAT abilitato)

VDSL

  • Supporto standard VDSL2 (ITU-T G.993.2) fino al profilo 35b
  • Supporto Seamless Rate Adaptation (SRA)
  • Supporto retransmission G.INP (ITU-T G.998.4)
  • Supporto vectoring (ITU-T G.993.5)
  • Configurabilità dei parametri di rete con le seguenti impostazioni:

Incapsulamento PTM untagged / Incapsulamento PTM tagged (VLAN ID 100; CoS 0)
DHCP client abilitato sull’interfaccia WAN per acquisizione dinamica dell’indirizzo IP

  • Configurabilità dei parametri di LAN con le seguenti impostazioni:

DHCP server abilitato per assegnazione dinamica degli indirizzi agli apparati connessi in LAN
Funzionamento del modem in modalità routed (NAT abilitato)

Fibra

Se la scelta del cliente è quella di utilizzare un modem alternativo a FASTGate, questo deve essere collegato alla terminazione ottica (ONT) mediante un cavo di rete Ethernet Categoria 5e o superiore alla porta WAN Ethernet. L’interfaccia di rete WAN, invece, deve essere di tipo Gigabit Ethernet Full-Duplex Auto-Sensing. Il provider comunque si riserva il diritto di modificare in ogni momento le caratteristiche tecniche e i processi per un corretto collegamento di modem terzi in base all’evoluzione della tecnologia e dei servizi che verranno lanciati in futuro.

Confronta le offerte di Fastweb »

Commenti Facebook: