Mobilità elettrica: nuovo accordo A2A e Repower per la ricarica delle auto

A2A e Repower hanno recentemente firmato un accordo per agevolare la ricarica delle auto elettriche. Attraverso questa nuova intesa, i clienti di Repower che hanno scelto il prodotto Verde Dentro avranno accesso, tramite una tessera ad-hoc, alle stazioni di ricarica A2A durante tutto quest’anno, rendendo sempre più semplice l’uso di veicoli elettrici.

auto elettriche repower e ricarica a2a
Adesso i clienti Repower potranno ricaricare le auto elettriche dalle colonnine A2A

Con lo scopo di aumentare la diffusione della mobilità elettrica in Italia, A2A e Repower hanno firmato un’intesa per offrire sempre più servizi agli utenti. “Oltre al valore pratico di tale accordo – ha spiegato Marco Malaspina, Direttore strategia e sviluppo business di Repower Italia – è significativo anche il messaggio che A2A e Repower mandano, mostrando un atteggiamento collaborativo finalizzato a creare un nuovo modello di servizio, in un mercato dove ancora ci sono pochi punti di riferimento.

D’altronde, Paolo Manzoni, responsabile ricerca e innovazione di A2A, afferma che “L’accordo sottoscritto con Repower è un ulteriore passo in avanti nel percorso intrapreso dal Gruppo per lo sviluppo della mobilità elettrica. Un nuovo impulso per rendere effettiva l’interoperabilità delle infrastrutture di ricarica pubbliche e delle schede di ricarica utilizzate dai clienti finali, così da accedere a tutti gli impianti di ricarica con la medesima tessera”.
Scopri le proposte A2A »

L’infrastruttura pubblica di ricarica per veicoli elettrici effettuata a Brescia e Milano vanta un totale di 50 colonnine per 100 punti di ricarica e, sin dal suo avvio a luglio 2013, offre un servizio di ricarica veloce fino a 22 kW in trifase,  che consente ai veicoli di ultima generazione di ricaricarsi all’80% in circa 50 minuti.

Contemporaneamente, continua l’installazione di punti di ricarica privati per società di car-sharing e possessori di auto elettriche per il miglioramento della qualità dell’aria delle città.

 

Commenti Facebook: