Miglior conto deposito di ottobre 2020: le offerte con i rendimenti più alti

Come far sfruttare i propri risparmi a partire dal mese di ottobre 2020 tramite la sottoscrizione di un conto deposito? Vediamo come funziona nello specifico questo strumento di investimento e quali sono le proposte di alcune banche digitali, ovvero Illimity, Widiba e Webank

Miglior conto deposito di ottobre 2020: le offerte con i rendimenti più alti

Il conto deposito è uno strumento attraverso il quale è possibile ottenere dei rendimenti depositando somme di importo differente per un certo periodo di tempo: il guadagno che si potrà ottenere dipenderà dal tasso di interesse del conto. 

Un conto deposito non può essere utilizzato come se fosse un conto corrente: non vi si potrà quindi accreditare lo stipendio, oppure disporvi la domiciliazione delle bollette di luce o gas, in quanto la sua funziona è ben diversa. 

Solitamente, per poter procedere con l’apertura di un conto deposito, sarà richiesta anche l’attivazione di un conto corrente: quest’ultimo servirà come supporto e per trasferire il denaro direttamente sul conto deposito, chiamato anche conto di liquidità. Nella pratica, per versare delle somme sul conto deposito basterà procedere con un bonifico dal conto corrente. 

Le diverse tipologie di conto deposito

I conti depositi possono essere di tipo vincolato o non vincolato. Nel primo caso, i soldi possono essere prelevati dal conto soltanto alla scadenza di un periodo di tempo pattuito al momento della sottoscrizione, che potrà andare da un minimo di 3 mesi a un massimo di 60 mesi a seconda del vincolo per il quale si è optato. 

Di solito, al prolungarsi del vincolo sottoscritto corrispondono rendimenti più elevati anche perché se si sceglie di depositare i propri risparmi per un tempo maggiore, allora il tasso di interesse applicato dalla banca sarà più alto.

Nel caso in cui si decidesse di svincolare i propri soldi prima della scadenza prevista, si dovrebbero pagare delle penali, che possono consistere nella riduzione degli interessi che sono stati maturati nel tempo. 

Nel caso del conto deposito non vincolato, invece, le somme in giacenza possono essere ritirate in qualsiasi momento qualora si presentasse una situazione di necessità da parte del titolare del conto. Non è quindi un caso il fatto che in genere i tassi di interesse del conto deposito non vincolato siano più bassi rispetto a quelli di un conto deposito vincolato. 

Il conto deposito può essere aperto direttamente online e in genere non vengono richieste particolari garanzie: sono invece presenti una somma minima e una massima che devono essere depositate dagli utenti. 

Quanto costa aprire un conto deposito

Solitamente il conto deposito non prevede spese di apertura e anche il costo di gestione è pari a zero: queste condizioni contrattuali definiscono generalmente un conto deposito online, mentre è possibile che per un conto tradizionale siano previste spese di gestione o di apertura, così come l’eventuale presenza di un’imposta di bollo. 

Per legge, sugli interessi maturati con il conto deposito è prevista una ritenuta del 26%: questa percentuale potrebbe essere presa in considerazione se si volessero calcolare quali sarebbero gli interessi effettivi che si potrebbero ottenere dai propri risparmi. Per il calcolo bisogna ricordare di applicare il tasso di interesse netto e non quello lordo. 

Per quanto riguarda la sicurezza di un conto deposito, si tratta di uno strumento che si differenzia dalle forme di investimento azionarie in quanto la possibilità di perdere i propri soldi è davvero molto bassa. La tutela è garantita dall’esistenza del Fondo interbancario di tutela dei depositi. Di cosa si tratta e come funziona?

Nell’ipotesi di fallimento della banca con la quale si è aperto il conto deposito, le somme depositate sarebbero resitutuite dal Fondo fino a un massimo di 100.000 euro, con rimborsi che saranno effettuati nell’arco di 20 giorni lavorativi. 

Alla luce di quanto detto fin qui, sono stati presi in considerazione i conti deposito di 3 banche online, ovvero Illimity, Widiba e Webank. Come si potrà vedere, sono accomunati dal fatto che è necessario sottoscrivere prima un conto corrente con la stessa banca per poter in seguito aprire il conto deposito, dalla possibilità di apertura via web e dall’assenza di costi di apertura, gestione o eventuale chiusura. Vediamo di seguito come funzionano e qual è il più conveniente a ottobre 2020. 

1. Il conto deposito Illimity

Il conto deposito online della digital bank Illimity può essere aperto sia nella versiona vincolata sia in quella non vincolata, ma solo dopo aver sottoscritto il conto corrente a zero spese di Illimity. 

Scopri di più sul conto corrente online di Illimity »

Il conto deposito con somme non svincolabili prevede un importo minimo di 1.000 euro e massimo di 3.000.000 di euro e impedisce al cliente di effettuare svincoli anticipati rispetto alla scadenza prevista. Prevede inoltre un’imposta di bollo pari allo 0,2% annuo rispetto alla somma depositata. Ecco come cambia il tasso di interesse al variare del vincolo. 

Durata del vincolo Tasso di interesse
6 mesi 0,75%
12 mesi 1%
18 mesi 1,25%
24 mesi 1,50%
36 mesi 1,75%
48 mesi 2%
60 mesi 2%

Per quanto riguarda, invece, il conto deposito con somme non svincolabili, l’importo minimo che si può depositare è 1.000 euro, mentre l’importo massimo è 3.000.000 di euro, e l’imposta di bollo è sempre pari allo 0,2% annuo sulla somma in giacenza. 

Quello che cambia è il fatto di poter prelevare in modo totale o parziale le somme depositate: nel primo caso si perderebbero gli interessi maturati, mentre nel secondo gli interessi sarebbero ricalcolati sulle somme che rimangono in giacenza. 

Ecco come cambia il tasso di interesse al variare del vincolo: come si può notare in questo caso i tassi di interesse sono più bassi rispetto a quelli del conto con vincolo. 

Durata del vincolo Tasso di interesse
6 mesi 0,60%
12 mesi 0,90%
18 mesi 1%
24 mesi 1,30%
36 mesi 1,60%
48 mesi 1,70%
60 mesi 1,70%

2. Il conto deposito Widiba

Widiba è una banca digitale che propone un conto deposito online a zero spese caratterizzato dalla possibilità di ottenere un tasso lordo dell’1,4% entro l’11 novembre 2020 in seguito all’apertura di un di un conto corrente online entro il 28 ottobre 2020.

Scopri di più sul conto corrente online di Widiba »

Anche in questo caso, gli interessi netti cambieranno in base alla durata del vincolo e saranno pari a:

  • 0,30% per vincoli di 3 mesi;
  • 0,50% per vincoli di 6 mesi;
  • 0,70% per vincoli di 12 mesi;
  • 0,90% per vincoli di 18 mesi;
  • 1,10% per vincoli di 24 mesi. 

Sul sito ufficiale di Widiba è disponibile un simulatore che permette di calcolare gli interessi che si riceveranno in base alla somma depositata. 

Ecco come funziona il conto deposito Widiba »

3. Il conto deposito Webank

Webank è la banca digitale del gruppo Banco BPM che propone un conto corrente online a zero spese, con imposta di bollo gratuita, e con il quale si può avere accesso a diverse carte di pagamento. 

Scopri di più sul conto corrente online di Webank »

In seguito all’apertura del conto corrente, è possibile aprire un conto deposito di tipo libero, caratterizzato da un tasso base BCE pari allo 0,10%, oppure un conto con linea vincolata con un tasso di interesse pari allo 0,30%. 

Il conto deposito online di Webank permette di vincolare fino a 1 milione di euro e dà la possibilità ai propri clienti di svincolare i propri soldi in qualsiasi momento, anche in modo parziale, senza dover sostenere delle perdite economiche.

Ecco come funziona il conto deposito Webank »

In sintesi, il primo passo che porta all’apertura di un conto deposito online è la sottoscrizione di un conto corrente: per scegliere quello che si adatta meglio alle proprie esigenze tra Webank, Widiba e Illimity si consiglia di utilizzare il comparatore di conti correnti di SOStariffe.it per poter avere un confronto semplificato in pochi secondi. 

In secondo luogo, si consiglia di pensare attentamente alla tipologia di conto deposito che si vorrebbe aprire, ragionando bene sul fatto che i conti vincolati permettono di ottenere maggiori rendimenti, ma sono ideali per chi dispone di liquidità in più e potrebbe anche vivere tranquillamente depositandola senza poterne disporre per alcuni anni.  

Commenti Facebook: